cronaca

Perché la cucina sta andando forte su TikTok

perche-la-cucina-sta-andando-forte-su-tiktok

Giovani cuochi e aspiranti chef hanno dato vita all’ultimo trend sull’app di ByteDance. Due creator italiane ci hanno raccontato la nuova strada per la viralità mediante i fornelli

Cookergirl (TikTok)
Cookergirl (foto: TikTok)

Il nuovo trend di TikTok porta dritti in cucina. L’app da 689 milioni di utenti attivi nel mondo – di cui nove in Italia – sta scoprendo il piacere della buona tavola. Dagli Stati Uniti all’Europa, sono tanti i giovani creator che negli ultimi mesi hanno iniziato a pubblicare videoricette e tutorial per mettere in mostra piatti ricercati e portate invitanti.

E TikTok stessa sta promuovendo la formazione una nuova generazione di foodstar. Diversamente dagli chef tradizionali, la maggior parte dei giovani cuochi del social network non ha studiato nella cucina di un ristorante. E i protagonisti del trend che è già stato ribattezzato FoodTok si distinguono anche dai blogger di cucina che hanno spopolato negli ultimi anni in Italia e all’estero: grazie alla brevità dei loro video e alle potenzialità della piattaforma utilizzata, sono diventati famosi su internet in modo rapido, dopo aver imparato da YouTube e dai programmi culinari in tv come mettersi ai fornelli. Due creator italiane ci hanno raccontato la strada per il successo su TikTok tramite la passione per la cucina.

La ricetta vincente

Uno smartphone, una luce ben posizionata e voglia di divertirsi: come ogni ricetta famosa, anche i video di FoodTok hanno un insieme di ingredienti di cui non si può fare a meno. “Pubblico ricette su TikTok da quasi due anni, proponendo piatti che mangio e preparo nella mia quotidianità. Come strumenti per girare i video uso, in modo molto amatoriale, il mio cellulare e una ringlight” spiega Aurora Cavallo, conosciuta come CookerGirl su TikTok, dove ha più di 9 milioni di like e 400mila follower. Con un’immancabile grembiule rosso e un sorriso in primo piano, la 19enne Aurora ha conquistato seguaci in tutto il mondo. Alterna video in inglese ad altri in italiano e fra le sue ricette ci sono soprattutto piatti tradizionali.

A differenza dei programmi in tv infatti, i seguaci di FoodTok prediligono cibi semplici come pizza, pane, pasta e dolci. “Pubblico ricette su TikTok da quasi 2 anni, proponendo piatti che mangio e preparo nella mia quotidianità. Per quanto riguarda il tempo richiesto, dipende molto dalla ricetta, ma come media direi, tra registrazione e montaggio, 3-4 ore”, aggiunge Cavallo. Un’altra cuoca in rampa di lancio è Viola Leporatti, che posta con l’account Violainthesky: “I video che giro sono quasi sempre la mia cena. Ma spesso i tempi per cucinare e riprendere le varie fasi sono più lunghi rispetto ad una normale sessione di ricetta. Mi sono attrezzata con luci e cavalletti perché ci tengo al fatto che il video possa essere anche carino esteticamente. Poi c’è la fase di montaggio”.

Per farsi un’idea del successo del cibo sul sito dell’azienda cinese ByteDance non c’è niente di meglio che seguire gli hashtag selezionati direttamente dalla piattaforma. #Acenacon ha più di 83 milioni di view e fa vedere cosa mettono in tavola i creator più famosi e i vip; #ricettafacile, #distagione e #veganoperungiorno hanno già nel nome gli ingredienti in evidenza. I cuochi più famosi della tv non si sono fatti sfuggire l’occasione per partecipare al trend: Bruno Barbieri, Alessandro Borghese e Iginio Massari hanno tutti un profilo TikTok, ma gli utenti mandano più spesso in tendenza (che sul social in questione significa apparire nella pagina denominata Per te) gli autori più giovani che si sono fatti conoscere sullo stesso portale. “Tiktok è sicuramente una piattaforma vincente, che mi ha permesso di fare della mia passione un lavoro”, spiega CookerGirl. “Mi faccio ispirare spesso quando vado a fare la spesa, inizio a guardarmi intorno e cerco di creare ricette nuove che poi spesso, io per prima, creo mentre giro il video. Con un po’ di padronanza e conoscenza della materia ormai so pianificare bene il piatto prima nella mia testa e poi nella resa effettiva, ma all’atto pratico sperimento in tutto e per tutto” precisa Leporatti.

Pasta e TikTok negli Stati Uniti

Negli Stati Uniti il trend FoodTok è oggetto di interesse da parte di aziende alimentari che vogliono pubblicizzare i propri prodotti. Un video di cucina che diventa virale può causare una carenza dell’ingrediente principale nei supermercati: è già successo con il formaggio feta e con i dolci giapponesi mochi, protagonisti di due hashtag di successo. Fra i creator statunitensi si è fatto notare l’italo-americano Gianluca Conte: 7 milioni di follower, abilità nel cucinare i piatti della sua terra d’origine e muscoli in bella vista durante i tutorial. Tabitha Brown, una cuoca vegana, ha attirato più di 4,7 milioni di follower su TikTok e in autunno pubblicherà il suo primo libro di ricette e storie personali. Christian Paul, un panettiere con negozio ad Atlanta e oltre 1,3 milioni di follower su TikTok, ha lanciato la sua linea di barrette di cioccolato.

I personaggi del FoodTok sembrano essere accomunati da una spensieratezza che rende le videoricette divertenti oltre che gustose. Si osservano le cucine degli utenti e si sorride ai loro errori. Ogni tanto si ascoltano aneddoti sul perchè abbiano scelto una determinata ricetta oppure una breve sintesi della storia del piatto prescelto. Quella tensione e severità che abbiamo imparato a osservare nelle cucine dei ristoranti tramite programmi e talent show di cucina non si trova su TikTok. La cucina torna alla semplicità e alle ricette di una volta, e non è detto che l’arrivo di sponsor e aziende riesca a togliere questa genuinità: “Fortunatamente mi si è aperta anche questa opportunità lavorativa. Cerco di essere coerente e di accettare lavori solo di prodotti che mi piacciono davvero, o con aziende con una mission che possa condividere. I guadagni da Tik Tok, oltre che dai contenuti brandizzati, sono quelli derivati dal fondo per Creator ma, almeno per me, le cifre sono minime. Seppur magari mi possano tornare utili per fare la spesa per poi girare i video”, conclude Leporatti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: