perche-telegram-e-sotto-indagine-in-germania

Perché Telegram è sotto indagine in Germania

Le autorità tedesche contestano alla app di non aver preso provvedimenti per bloccare i gruppi neonazisti e i contenuti antisemiti. Rischia una multa di 55 milioni

Telegram (Illustrazione di Rafael Henrique/Sopa Images/LightRocket via Getty Images)
Telegram (Foto: Rafael Henrique/Getty Images)

Telegram potrebbe ricevere una multa da 55 milioni di euro da parte della Germania. Le autorità tedesche hanno aperto un’indagine contro l’applicazione di messaggistica, accusandola di non aver rispettato le leggi nazionali sul controllo delle azioni degli utenti dei social media, in particolare rispetto alla propaganda neonazista. Secondo Berlino la diffusione di Telegram ha raggiunto un livello tale da ricadere sotto le stesse regole che rispettano Facebook, Twitter e TikTok.

L’applicazione di proprietà del russo Pavel Durov, con sede a Dubai, è stata installata su circa 570 milioni di smartphone. Dall’inizio della pandemia di coronavirus, la sua popolarità è cresciuta moltissimo, soprattutto in Europa, anche a causa delle nuove regole sui dati personali imposte da WhatsApp. Telegram tuttavia funziona in maniera molto diversa da WhatsApp: può avere canali monodirezionali – in cui solo i gestori possono comunicare agli altri membri – altri gestiti da bot e Durov si è sempre rifiutato di collaborare con le autorità di qualunque paese, descrivendo la sua piattaforma come al di fuori della portata degli stati.

In Germania la app è divenuta il luogo di comunicazione preferito dei gruppi neonazisticome il movimento Querdenker. Nel 2017 il parlamento tedesco ha approvato una legge che ha esteso i divieti di propaganda nazista, antisemita e il negazionismo dell’Olocausto anche sui canali online. Per questo, come riporta il quotidiano Der Spiegel, un portavoce del ministero della Giustizia tedesco ha annunciato di aver inviato le prime comunicazioni formali ai gestori di Telegram. L’accusa è di non aver fornito un canale ufficiale per la presentazione dei reclami contro i comportamenti tenuti dagli utenti e di non avere indicato un funzionario di stanza in Germania che possa essere considerato responsabile per la condotta degli utenti nel paese. Telegram non ha ancora risposto alle accuse delle autorità tedesche e rischia una multa salata.

%d bloggers like this: