pesto-alla-genovese,-con-il-trucco-dello-chef-prepararlo-diventa-ancora-piu-veloce

Pesto alla genovese, con il trucco dello chef prepararlo diventa ancora più veloce

pesto alla genovese
Foto da Canva

Il trucco dello chef per un pesto alla genovese non solo impeccabile e buonissimo ma anche super veloce da preparare.

E’ un condimento per tutte le stagioni, perfetto per delle trofei fumanti così come per una pasta fredda da portare in spiaggia: il pesto sì che è un vero e proprio passepartout.

Di questa tipologia di condimento esistono diverse varianti: pesto alla trapanese, pesto di rucola ma il re è sempre e soltanto lui, il pesto alla genovose.

Più volte abbiamo visto come prepararlo in modo impeccabile, oggi però vogliamo scoprire anche come prepararlo nel modo più furbo e veloce possibile.

Esiste infatti un trucco che solo gli chef conoscono e che riduce di molto il tempo di realizzazione di questa salsa. Eccolo spiegato per voi.

LEGGI ANCHE –> Pesto di foglie di ravanelli, il condimento antispreco originale e goloso

Il trucco dello chef per un pesto alla genovese veloce

pesto
Foto da Canva

I tradizionalisti del pesto (genovesi è il vostro momento) sanno bene come un pesto impeccabile nasce solo e soltanto da un mortaio. E’ vero, ci vuole olio di gomito, ma è l’unica via per esser certi di portare a tavola un pesto verde brillante.

Le lame del mixer infatti ossidano il basilico e il nostro pesto si scurirà. Ciò ovviane in virtù del calore generato dalla rotazione: molti per ovviare al problema azionano il mixer a scatti, così da non surriscaldare troppo il basilico, noi però abbiamo da suggerirvi una soluzione per più semplice e veloce.

LEGGI ANCHE –> Pesto fatto in casa verde e saporito a lungo con tre semplici mosse segrete

Il trucco è presto detto: prima di utilizzare il mixer per fare il pesto mettete le lame in freezer. Lame gelate uguale niente calore e dunque niente ossidazione.

Ecco allora che il vostro pesto sarà saporitissimo, profumato e, soprattutto, di un verde più che vivace.

Sì, forse il colore può apparirvi come un dettaglio ma in cucina conoscete bene la regola. “anche l’occhio vuole la sua parte”.

Sebbene dunque il pestello rimanga il must per un pesto doc ecco una soluzione alternativa molto pratica e di sicuro successo. Provare per credere!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: