pretty-yende,-abusi-dalla-polizia-per-via-della-sua-pelle:-“orribile”

Pretty Yende, abusi dalla polizia per via della sua pelle: “Orribile”

Celebre per la sua bravura in scena, la soprano Pretty Yende denuncia un gravissimo episodio subito da alcuni poliziotti: “Un incubo terribile”

Lei è una cantante lirica originaria del Sudafrica, conosciuta in tutto il mondo. Ma Pretty Yende denuncia di avere subito dei gravi maltrattamenti da parte della polizia di stanza all’aeroporto “Charles de Gaulle” di Parigi.

Pretty Yende
Pretty Yende Foto da Instagram

Le autorità francesi, a detta della stessa Pretty Yende, avrebbero trattenuto quest’ultima per parecchio tempo, sottoponendola a delle vere e proprie minacce.

Tutto è sorto a seguito di un controllo in dogana, dopo che lei era atterrata in Francia per una prevista esibizione. Che tra l’altro ha anche rischiato di saltare. Ad informare di quanto accaduto è la diretta interessata sul proprio profilo personale Instagram.

La Yende non esita a parlare di discriminazione razziale motivata dal colore della sua pelle. La stella della lirica fa riferimento alla “brutalità della polizia che mi ha sottoposta a discriminazione razziale ed a torture psicologiche”.

Poi il racconto della donna prosegue, riferendo anche di avere subito dei commenti razzisti. Gli agenti le hanno tolto tutto, compreso il cellulare, intimandole di segnarsi da qualche parte i numeri di telefono della famiglia.

Leggi anche –> Massimo Ranieri, sapete dove vive? La sua casa ha un terrazzo incredibile

“Umiliata e derisa”, la grave denuncia della cantante

Avrebbe potuto chiamare solo con un telefono fisso in una struttura usata per tenere sotto custodia i sospetti.

Il racconto della donna è agghiacciante:

“Mi hanno tolta i vestiti e messa in una cella del terminal 2B. Nessuno di loro ha voluto parlare in inglese con me, c’erano oltre dieci poliziotti che ridevano”

Leggi anche –> “Sto con le brave persone” Ezio Greggio clamoroso no a Berlusconi. La proposta lo indigna?

La diatriba sarebbe nata da una documentazione ritenuta insufficiente per viaggiare. La Yende era provvista di un passaporto del Sudafrica non valido per la Francia, accompagnato da un documento italiano che però in passato le ha sempre consentito di viaggiare per l’Europa.

Trentacinque anni, Pretty Yende si è diplomata proprio nel nostro Paese, all’Accademia Teatro alla Scala di Milano. In passato si è esibita anche con Andrea Bocelli ed è attiva dal 2010. Quanto le è accaduto sta facendo molto discutere, con parecchi utenti che si dicono solidali nei suoi confronti.

%d bloggers like this: