recensione-realme-gt,-l’unico-top-di-gamma-per-tutti-(o-quasi)

Recensione Realme GT, l’unico top di gamma per tutti (o quasi)

La scheda tecnica è da telefono premium, anche se la fotocamera poteva osare di più. Ma il prezzo è da fascia media

Tutti i prodotti sono selezionati in piena autonomia editoriale.

Se acquisti uno di questi prodotti, potremmo ricevere una commissione.

Inutile girarci intorno, l’obiettivo di Realme GT era fare scalpore, attrarre l’attenzione e l’interesse dei consumatori e l’impresa è perfettamente riuscita. La formula usata non è nuova, altre aziende cinesi ai primi passi hanno fatto analogamente, lanciare sul mercato ottimi prodotti a costi decisamente competitivi. Con questo telefono però l’equazione risulta più gratificante perché la sostanza è davvero molta mentre la spesa appare più che contenuta. Stiamo infatti parlando di uno smartphone con Snapdragon 888 a 399 euro, decisamente un best buy. Diciamo subito che, sul mercato ci sono prodotti paragonabili o superiori, soprattutto in riferimento al comparto fotografico, ma Realme GT offre un punto di equilibrio prezzo/prestazioni imbattibile. Con questo cartellino attualmente non ha rivali.

Ogni aspetto è stato curato per consentire al telefono di giocare una partita agguerrita con i prodotti concorrenti ad iniziare dal design elegante anche se piuttosto convenzionale (fa eccezione la versione in pelle gialla molto bella). Ben assemblato, ha anche peso e spessore piuttosto contenuti che lo rendono facile da gestire con una mano. Precisamente sulla bilancia misura 186 grammi, con un profilo da 8,4 millimetri.

Il merito della compattezza è legato anche al fatto che il realme GT monta un display Amoled da “soli” 6,43 pollici con risoluzione FHD+. Non uno schermo gigante ma bilanciato per garantire piena usabilità di tutte le applicazioni, compresi i videogame. C’è persino il refresh rate a 120 Hz, anche in modalità automatica che aiuta l’autonomia della batteria.

Dal punto di vista delle prestazioni il biglietto da visita dell’ultimo processore Qualcomm lascia pochi dubbi su velocità e fluidità di questo telefono. Lo Snapdragon 888, accompagnato da 8 o 12 GB di ram LPDDR5, si comporta sempre bene e non si evidenziano tentennamenti neppure mettendo lo smartphone sotto stress. Anche il calore è piuttosto contenuto grazie al sistema di raffreddamento in acciaio. Due i tagli dello spazio di archiviazione, 128 e 256 GB, purtroppo non espandibili.

Il reparto imaging è in grado di soddisfare le necessità di un pubblico esigente ma non quelle di chi vuole avere in mano un vero camera phone. Il sensore principale Sony da 64 megapixel f/1.8 è affiancato da un’ottica grandangolare da 8MP f/2.3 e una macro da 2MP f/2.4. Sono le specifiche di un medio di gamma ma l’intervento dell’intelligenza artificiale, l’hdr e la velocità di scatto elevano quanto serve il prodotto. Si sente la mancanza di uno zoom più spinto anche se il 2X è promosso e i video in 4K si fermano a 60 fps, ma spingere di più ha comunque poco senso. Migliorabile la fotocamera frontale da 16 megapixel anche se fa il suo mestiere sfruttando l’ottica grandangolare.

Buona invece l’esperienza d’uso e la personalizzazione quasi del tutto simile alla ColorOS di Oppo anche se ufficialmente si chiama realme UI 2.0. Le opzioni sono molte e chi ama smanettare potrà tarare questo telefono a sua immagine e somiglianza. Buono anche l’audio, merito di uno speaker stereo Dolby Atmos, del supporto Hi-res e di un jack audio con bassa latenza e bassa interferenza.

Anche le prestazioni della batteria sono in linea con la filosofia generale di questo realme GT, un’affidabile 4500 mAh che porta a fine giornata senza troppi problemi, anche se il processore Snapdragon 888 è a volte energivoro. In caso di necessità si può impostare la funzione di ricarica intelligente e fare affidamento sul sistema di ricarica veloce da 65W con caricatore in confezione. Manca la ricarica wireless.

In conclusione possiamo affermare che il realme GT è un vero “best buy” specialmente per chi vuole un buon telefono, affidabile, da usare al meglio ogni giorno senza pretendere per forza tutte le opzioni top. Uno smartphone di sostanza che ha ben pochi difetti considerando il prezzo di vendita.

Durante il Prime Day di Amazon verrà commercializza a 399 euro per la versione 8/128 GB, e 499 euro per la versione 12/256 GB. Dopo la promozione i prezzi di listino saranno 449 e 599 euro.

Voto: 9

Wired: display Amoled, Snapdragon 888, ottimo rapporto qualità/prezzo

Tired: reparto fotografico medio, manca la ricarica wireless e l’impermeabilità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: