Ricky Martin nella bufera: accusato dal nipotino di rapporti incestuosi. “Ecco cosa mi faceva”. Indaga la polizia

ricky-martin-nella-bufera:-accusato-dal-nipotino-di-rapporti-incestuosi-“ecco-cosa-mi-faceva”.-indaga-la-polizia


Ricky Martin nella bufera: accusato dal nipotino di rapporti incestuosi. “Ecco cosa mi faceva”. Indaga la polizia scritto su Più Donna da Imma Bartolo.

Il re del pop latino, Ricky Martin è finito nel mirino per faccende della sua vita privata. L’artista è, come tutti ormai sappiamo, padre di 4 meravigliosi bambini. Nonostante ciò, pare sia stato protagonista di una relazione sessuale azzardata con suo nipote, naturalmente molto più giovane. Se così dovesse essere, la sua carriera ne rimarrebbe naturalmente coinvolta e stravolta. Questo è quanto arriva dal sud America.

Ricky Martin, è nato e cresciuto a Puerto Rico ed è proprio da lì che sono arrivate le notizie shock circa la sua vita privata. Stando alle indiscrezioni, graverebbe su di lui un ordine di restrizione che gli impedisce di avvicinarsi a suo nipote. La motivazione è sconvolgente: pare che il cantante latino si sia macchiato del delitto di violenza domestica. Lui in prima persona, insieme al suo manager, hanno smentito tutto pubblicamente, tra giornali e televisione. Nei talk show sudamericani però continuano ad emergere dettagli della vicenda che potrebbero confermare le accuse.

La presunta vittima di Ricky Martin sarebbe Dennis, il figlio della sorellastra Vanessa. Ed è proprio da Dennis che è partita la denuncia, insieme a delle dichiarazioni scioccanti. Stando alle sue parole infatti, pare che i due abbiano avuto una relazione clandestina per circa 7 mesi. Il ragazzo ha appena 22 anni. Secondo Dennis, quando ha deciso di chiudere la relazione con suo zio, quest’ultimo ha iniziato ad essere insistente, pedinandolo anche fuori casa.

leggi anche: Tragedia nella tv, L’attore della famosa fiction trovato morto a 18 anni. La chiamata prima di morire è terribile

Inoltre, secondo quanto dichiarato dal manager di Ricky Martin, il cantante farebbe uso di sostanze stupefacenti che alterano molto il suo stato d’animo. In caso di conferma delle accuse, secondo il codice penale portoricano, l’artista rischierebbe fino a 50 anni di galera. Ma, se tutto questo ci sembra già troppo pesante da sopportare, deve, in realtà, fare i conti con un’altra denuncia, quella della sua ex manager americana. La donna lo accusa di non averle pagato circa 3 milioni di dollari.

Il suo nome è Rebecca Drucker e le sue ultime parole stanno peggiorando l’immagine pubblica dell’artista. Infatti, ha anche messo in giro voci , né confermate e né smentite, circa la vita privata di Ricky Martin, da lei considerata un vero e proprio caos. Ma qualcuno è però arrivato in soccorso del re del pop latino: suo fratello. Eric Martin infatti su facebook ha parlato di Dennis e dei suoi disturbi mentali, per i quali è stato allontanato da molti familiari. Le sue dichiarazione quindi potrebbero essere proprio frutto di tali disturbi. Il cantate è sposato dal 2018 con Jwan Yosef, dopo solo un anno di fidanzamento.

I due, grazie alla maternità surrogata, sono diventati padri di due bambini. Ricky Martin, però, già nel 2008 aveva avuto altri due bambini, nonostante fosse single. Probabilmente però tra loro non tutto sta filando per il verso giusto. È possibile che tutte queste vicende che hanno visto coinvolto l’artista sudamericano abbiano scosso anche gli equilibri di coppia. Ultimamente infatti, Yosef è stato avvistato più volte a degli eventi da solo, nonostante vi si fosse presentato sempre accompagnato da suo marito. Non ci resta che attendere per scoprire i risvolti di questa singolare faccenda. Seguici su Google News

ricky martin

Ricky Martin nella bufera: accusato dal nipotino di rapporti incestuosi. “Ecco cosa mi faceva”. Indaga la polizia scritto su Più Donna da Imma Bartolo.

0 comments on “Ricky Martin nella bufera: accusato dal nipotino di rapporti incestuosi. “Ecco cosa mi faceva”. Indaga la polizia

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: