Round da 350mila euro per la startup che rivoluziona il concetto di smart working

round-da-350mila-euro-per-la-startup-che-rivoluziona-il-concetto-di-smart-working


Smace, la startup che promette di “far vivere un’esperienza di lavoro unica”, annuncia di avere chiuso un round di investimento da 350mila euro.
Nata nel 2021 da un’idea di Marta Romero e Andrea Droghetti, “Smace”, smart working in a smart place, permette alle aziende di organizzare soggiorni di workation (work-vacation) per i propri dipendenti in località di interesse nei periodi meno frequentati dai turisti, con il duplice obiettivo di creare condizioni di lavoro ideali e valorizzare il territorio.
L’azienda, il cui fatturato ha superato i 150 mila euro nei primi mesi di vita, vede ora l’ingresso di investitori come come Alessandro Gatti, presidente FG Invest e vice presidente di Gabetti Short Rent e il rinnovo della fiducia nel progetto di Digital Magics.
“Siamo entusiasti di aver concluso questo round con investitori che hanno portato valore aggiunto al nostro progetto”, dichiarano in una nota Marta Romero e Andrea Droghetti. “In questo nuovo scenario di flessibilità e innovazione è importante avere al proprio fianco un network di advisor competenti e pronti a cogliere le potenzialità del nuovo mondo del lavoro”.
Secondo Chiara Bisconti, ex-assessora del Comune di Milano, consulente per le risorse umane e investitrice della start up, “Smace non solo crea servizi utili per chi vuole fare lavoro agile, ma lo vive, lo sperimenta, lo innova, spingendolo oltre i confini di come lo conosciamo oggi”.
Il funzionamento di Smace è molto semplice: le aziende non devono fare altro che registrarsi sul portale e scegliere la soluzione desiderata per i propri dipendenti, i quali riceveranno un coupon per scegliere il soggiorno. Ovviamente le strutture messe a disposizione dalla piattaforma devono soddisfare determinati requisiti, come connessione Internet veloce, postazioni di lavoro adeguate, spazi in comune e sale meeting; a queste condizioni si aggiungono anche servizi come la possibilità di fruire dei pasti o fare sport.
La startup lancia anche Smace Pro, l’abbonamento rivolto unicamente ad aziende e liberi professionisti attraverso cui usufruire di un unico network di spazi di lavoro verificati in tutta Italia. Sarà quindi possibile accedere a una piattaforma dedicata e godere dell’offerta dei partner della startup. Oltre ai più di 70 luoghi in cui fare smart working e le oltre 150 strutture, sarà possibile prenotare servizi aggiuntivi come babysitting, attività di formazione e fitness.

L’articolo Round da 350mila euro per la startup che rivoluziona il concetto di smart working proviene da The Map Report.

0 comments on “Round da 350mila euro per la startup che rivoluziona il concetto di smart working

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: