cronaca HOME

Scattano divieti antismog fino agli Euro3 diesel, stop a 400mila veicoli in Piemonte



Ma oggi i vigili punteranno più a informare che a multare


Infine alle otto di stamattina a Torino e in altri 43 comuni del Piemonte sono scattati i divieti di circolazione legati alle misure antismog decisi  con le altre regioni della Pianura Padana. In totale quattrocentomila veicoli nel mirino, 250mila solo nel Torinese. Ci sono voluti quindici i giorni di trattativa extra, ma alla fine si è partiti. E le regole sono le stesse per tutti: è la prima volta che accade nei 33 Comuni della Città Metropolitana di Torino, capoluogo compreso. Misure un po’ più restrittive di quelle indicate dalla Regione. In altri undici Comuni del Piemonte, compresi i capoluoghi di provincia come Alessandria, Asti, Novara, si seguono le linee guida base decise in piazza Castello. Peraltro oggi sarà considerata una giornata sperimentale in cui i vigili più che multare informano. Le contravvenzioni dovrebbero scattare da domani anche se ufficialmente non c’è nulla di scritto.

Da oggi e fino al 31 marzo per limitare i livelli di polveri sottili nell’aria è previsto sul fronte circolazione lo stop agli Euro 0 sia a gasolio sia a benzina. Non potranno più circolare. I diesel Euro 1 e 2 non potranno circolare dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì. Blocco anche dei diesel Euro 3, sempre dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 ma fino al 31 marzo. Diverse le deroghe, da quelle classiche, per i disabili o le persone malate che devono andare in ospedale per la terapia. E poi i turnisti e chi viene chiamato per il pronto intervento.
Categoria in cui rientrano sia i medici e gli infermieri in reperibilità, sia gli artigiani che si occupano di interventi d’emergenza (purché abbiano la documentazione che dimostri l’urgenza), come i fabbri o chi guida i carri attrezzi. Possono viaggiare i mezzi delle forze dell’ordine, della nettezza urbana, chi porta l’auto a fare la revisione, la rottamazione o la conversione del motore da benzina a gpl o metano. Non rischia la multa nemmeno chi vive o lavora a più di un chilometro di distanza da una fermata del trasporto pubblico. I diesel Euro 1, 2 e 3 degli ambulanti e i veicoli commerciali possono circolare fino alle 8,30 e dalle 14 alle 16.Nessun divieto per persone con oltre 70 anni: potranno guidare sempre anche se hanno un diesel Euro 1, 2 o 3. Insomma, alla fine, appare assai difficile trovare qualcuno che non abbia almeno una giustificazione per guidare un mezzo fuorilegge. L’assessore all’Ambiente di Torino, Alberto Unia, ha sottolineato che “sarà l’ultima volta che verranno concesse tutte queste deroghe”.
I livelli di polveri, registrati dalle centraline Arpa, sono sotto i limiti. D’altronde gli impianti di riscaldamento sono ancora spenti, o meglio, in stand-by, anche se oggi è il 15 ottobre, data in cui, di solito, le caldaie si accendono. Il caldo fa però rimandare l’accensione dei caloriferi, compresi quelli degli edifici pubblici e delle scuole. Gli 800 impianti del Comune sono accesi, ma in stand-by. Inizieranno a riscaldare solo quando la temperatura comincerà a scendere sotto i 20 gradi. Già lo scorso anno si era arrivati a ridosso di novembre. I fumi dei riscaldamenti e il traffico, nella stagione invernale, sono i due elementi che fanno crescere la concentrazione di polveri sottili nell’aria. Elemento che è legato alle condizioni climatiche. A Bruxelles è aperta anche un’infrazione da parte dell’Unione Europea per l’Italia, e molti altri Paesi, che potrebbe portare a una “condanna” e al pagamento di una multa.

0 comments on “Scattano divieti antismog fino agli Euro3 diesel, stop a 400mila veicoli in Piemonte

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: