MONDO

Sorrento: Inchiesta concessioni marittime, 44 indagati e 32 capi di imputazione,



Formisano Aniello Di Torre del Greco, Marciano Rosario Di Battipaglia, Giardino Liberato di Ercolano, Iasuozzo Lorella Di Avellino, di Leva Salvatore di Sorrento, Gentile Fabio di Furore, Lauro Salvatore Ischia, Casola Luigi di  Positano, Ronca Alfonso Sorrento, Gambardella Marcello di Amalfi, Gambardella Salvatore di  Amalfi, Giannetto Antonino di Messina, Mauro Luigi di Amalfi, Giglio Achille di Casamicciola Terme, Aiello Domenico di Procida, Langella Giuseppe di Sant’Agnello, Provenzano Giovanni di Sorrento, Centro Immacolata di Sorrento, Aponte Gianluigi di Sorrento, Petrizzo Antonio di Napoli, Pappalardo Francesco di Cetara, Staiano Enrico di Vico Equense,  Pallotta Oreste di Cervinara, De Simone Antonino Meta,  Tossini Lucca Napoli, bastoni Stefano Roma,  Froncillo Gaetano Ariano Irpino, Petraglia Alberto Caserta, Schisano Francesco Sorrento, Angelino Filippo Caivano, barra Domenico Ischia, Savarese Ivan Giugliano, Consalvo Vincenzo Eboli, Portoghese Aniello Torre Annunziata, Cimino Francesco Boscoreale, Amendola Cosma Amalfi, Camera Pasquale di Maiori, Cosenza Vincenzo di Piano di Sorrento, De Angelis Giuseppe di Sant’Agnello, Farfalla Felice di Torre Annunziata , Esposito Lucio di Ercolano ,Palladino Flavio di Amalf,i Villaricca Andrea di Amalfi

Come ben si sa fino a condanna c’è PRESUNZIONE DI INNOCENZA quindi riportiamo una notizia di carattere e interesse pubblicata divulgata da tutti gli organi di stampa, un doppio interesse pubblico in quanto si tratta di navigazione marittima su linee pubbliche per cui la comunità non può ma deve essere informata con tutti i dettagli nella speranza che il tutto venga chiarito al più presto nelle sede opportune e chi è estraneo venga evidenziato

Questo slideshow richiede JavaScript.

Inchiesta concessioni marittime, 44 indagati e 32 capi di imputazione. Indagati insieme imprenditori e uomini della Capitaneria accusati in particolare di “passare” notizie riservate dall’ufficio. Dalla Costiera amalfitana e Penisola Sorrentina è un terremoto annunciato, anche se nessuno si aspettava che la Procura riuscisse a scoperchiare intrecci tanto complessi che solo iniziati , interessati e poca stampa riusciva a capire ( concessione di linee marittime, orari etc ) . Diciamo che saranno venti anni che Positanonews denuncia ogni tanto qualche anomalia e stranezza, ma andare a fondo non è facile, ci è riuscita la Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia con i procuratori Henry John Woodcock e Giuseppe Cimmarota che hanno studiato bene il sistema e  che questa mattina han deciso di  sottoporre 44 persone nelle province di Napoli e Salerno a misura cautelare per corruzione, turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, illecita concorrenza con minaccia o violenza, di tutto e di più, ben 32 capi di imputazione riportati nell’ordinanza da 370 pagine del gip di Napoli, Maria Luisa Miranda dove si legge di tutto e di più. Occorre capire se il sottile confine con la confidenza naturale che si può creare e i piaceri, che in alcuni caso sono stato frutto di intercettazione, ha superato il confine della legalità come appunto ritengono finora i Giudici o no. Ricordiamo che sono vicende complesse e che prima della condanna definitiva vi e’ presunzione di innocenza.

FONTE:https://www.positanonews.it/2022/11/inchiesta-concessioni-marittime-44-indagati-e-32-capi-di-imputazione-imprenditori-e-capitaneria-ecco-tutti-i-nomi/3599617/

Mata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: