Community

SPERARE IN MEGLIO MA PREPARARSI AL PEGGIO.

sperare-in-meglio-ma-prepararsi-al-peggio.

Basta chiacchere, adesso bisogna agire


  1. Avete letto tutte le mie newsletter? LEGGETELE E RILEGGETELE TUTTE!
  2. Avete preso il mio libro? Cosa aspettate a ordinarlo?
  3. Avete letto questo articolo?

La Russia si sbarazza di dollari e compra oro. Non compra oro per rivenderlo. Lo compra perché la Russia sa bene cosa sta per accadere.

Se avete letto le mie newsletter fino ad oggi, lo sapete anche voi. Così come quelli che hanno già ordinato e letto il mio libro.

Non c’è molto altro da commentare adesso. Quello che c’era da capire l’ho già spiegato molto bene, così come quello che sta accadendo e quello che accadrà.

A questo punto è tempo di agire. Il Titanic sta andando a fondo. Contrariamente ai più, noi lo sappiamo in anticipo e ci possiamo preparare per metterci in salvo.

Personalmente, sto adottando più di una strategia. Sono già ben posizionato con una congrua dotazione di oro fisico e continuo ad accumularne. Inoltre ho vari progetti a cui sto lavorando. Fanno parte di quella strategia di cui ho iniziato a parlare all’inizio delle mie newsletter. Non voglio ancora rivelare di cosa si tratta, perché le cose “prima si fanno e poi si dicono” come disse il banchiere Carlo Salvatori. Per fare le cose per bene ci vuole tempo. Non è facile, ma spero di farcela.

Inoltre, insieme a dei fidati amici abbiamo già pronto anche il nostro luogo “RUN TO THE HILLS” una delle uniche tre strade percorribili che ci rimangono, come illustrato alla fine di questa mia newsletter:

https://andreacecchi.substack.com/p/la-piramide-si-consolida

1) “quello tipo Urban Survivors, ovvero sopravvivere alla meno peggio in città trasformate in baraccopoli dove la gente si abituerà lentamente alla convivenza pacifica.

2) Run To The Hills, ovvero sopravvivere su posizioni elevate, in piccole comunità autosufficienti dotate di armamenti e posizioni sniper, dove difendersi dalle orde affamate.  3)I pochissimi che hanno sufficienti contatti con il ceto super ricco, potranno riuscire a mettersi in cordata con loro”.

Il modo migliore per investire è investire nel proprio lavoro. Con i trastulli non è mai diventato ricco nessuno, né tantomeno ha mai vissuto degnamente.

Chi ha dei risparmi a disposizione, ma non ha nessun progetto imprenditoriale, di lavoro o di creatività da realizzare a breve termine, allora potrebbe essere prudente comprare oro fisico e tenerlo in saccoccia. Il mondo non finirà, ma ripartirà con nuove basi. La Mossa della Russia e delle altre banche centrali a giro per il mondo, che si sbarazzano di dollari per comprare oro è un chiaro segnale che il mondo ripartirà con nuovi equilibri monetari dove l’oro tornerà ad avere la sua parte. La cosa è molto semplice. Chi non ha oro non giocherà. Meglio ripartire con del risparmio salvaguardato che affacciarsi alla nuova era economica completamente dilapidati. L’oro ha sempre garantito la conservazione del potere d’acquisto, specie nei momenti di cambiamento e di inflazione.

Quando si tratta di comprare oro, molti mi chiedono: ma sono meglio le monete o i lingotti? Guardate, l’oro è oro. In questo momento va bene tutto. È come stare a guardare la marca della scialuppa di salvataggio mentre il Titanic va a fondo. Quando lo vorranno tutti non ce ne sarà a sufficienza. Proprio come le scialuppe.

A coloro che mi fanno sapere che i propri promotori finanziari si mettono a ridere quando sentono dire la parola oro, vorrei ricordare che sono gli stessi promotori dai sorrisi smaglianti che hanno venduto ai clienti Parmalat, Argentina, Monte Dei Paschi, Banca Etruria, Lehman, Enron, eccetera eccetera…tutta roba di prima scelta….Intimissimi, ovvero, ti lasciano in mutande.

Dove comprare oro? Dove volete, ovviamente! Io mi sento in dovere di raccomandare la società Moneta Aurea Spa

che ha sponsorizzato la pubblicazione del mio libro. Senza il loro aiuto, il libro non sarebbe uscito. Ricordo che il libro è stato scritto senza scopo di lucro e che tutti i proventi saranno donati alle vittime dell’uragano Dorian del 2019.

Il dettaglio della tragedia e della mia iniziativa è descritta in questa newsletter che vi prego di leggere se ancora non lo avete fatto:

https://andreacecchi.substack.com/p/luragano-alle-bahamas

Come c’è scritto sul mio libro, subito sotto il titolo: “il pessimista si lamenta del vento, l’ottimista aggiusta le vele”.

A questo punto abbiamo capito benissimo il diabolico complotto e il destino a cui andiamo incontro. Bisogna reagire aggiustando le vele. Inutile stare tutti i giorni a frignare su quanto sono cattivi i capi del mondo e su quanto male ci vogliono fare. Stare fermi senza fare niente equivale a farsi travolgere e finire male. Ci sono molti esperti che offrono consigli di vario tipo, sugli aspetti sanitari e legali di questa vicenda, Il mio contributo vuole essere quello di un risveglio per la comprensione della componente economica di questo imminente Grande Reset.

Posizionarsi correttamente con una solidità patrimoniale messa in salvo con monete d’oro fisico direttamente possedute, e con progetti adeguatamente orientati nel mondo economico e sociale che ci attende garantiranno una maggiore possibilità di cavarsela meglio. Non sarà facile. Nessuno creda che sarà facile. Ma chi non fa niente ha già praticamente perso. Bisogna agire! Nel mio libro sono raccolte informazioni vitali.

Per ordinare il mio libro basta scrivermi un’email a: fondazioneitaliabahamas.com

L’informazione libera e indipendente ha bisogno del tuo aiuto. Ora più che mai… Database Italia non riceve finanziamenti e si mantiene sulle sue gambe. La continua censura, blocchi delle pubblicità ad intermittenza uniti agli ultimi attacchi informatici non ci permettono di essere completamente autosufficienti.

SOSTIENI DATABASE ITALIA


Segui Database Italia su Google News: Database Italia


0 comments on “SPERARE IN MEGLIO MA PREPARARSI AL PEGGIO.

Leave a Reply

%d bloggers like this: