Tag: Angelo Calculli

Angelo Calculli

Tempo di Lettura2 minuti

Angelo Calculli 16Gang, giovane collettivo del roster dell’agenzia MK3 guidata dall’Avv. Manager Angelo Calculli (che cura -tra gli altri- gli interessi di Achille Lauro e Boss Doms), torna prepotentemente a far sentire la propria voce con “Skinny”, il nuovo freschissimo singolo uscito per Elektra Records/Warner Music Italy, disponibile su tutte le piattaforme digitali. Il brano anticipa il debut EP dei 16Gang, di prossima pubblicazione.

Nei suoi 2min e 37sec di west side hip hop, “Skinny” mixa lo slang internazionale e il linguaggio di tutti i giorni, catchy e young, dei tre artisti di Matera (“Non ti porto Respect sei un nabbo”, “il mio Plug ti becca no habla” si legge nel testo). Una miscela esplosiva e martellante, in grado di fotografare con precisione attimi di vita quotidiana dei 16Gang e della loro generazione. È questo il leitmotiv di “Skinny”, e il giovane collettivo sintetizza così il concept del brano: «SKINNY è un urlo liberatorio, nostro e di tanti giovani di oggi. Di chi vuole gridare al mondo il proprio desiderio di affermazione, di chi mira a raggiungere gli obiettivi che possono farti “svoltare per sempre la vita”». 16Gang è un collettivo formato da tre giovanissimi artisti di Matera: Pasquale Bello in arte “Skelotto”, Antonio Santarcangelo in arte “Weegly” e dal produttore Rocco Dimatteo, “Rox”, aggiuntosi nel 2020 al duo precedentemente formato e scoperto dal manager Avv. Angelo Calculli di MK3 e dall’editore Giuliano Saglia di Red Music. A dare un boost al progetto anche il prezioso lavoro del producer Nicholas Maida (Troppo Avanti). Da sempre attratti dalla musica trap, rap e indie, i ragazzi sono cresciuti musicalmente nell’underground, partecipando a “battle” di Freestyle e ascoltando la trap di artisti al di fuori dalla loro città d’origine. Nel 2014 hanno inciso il primo disco in uno studio di registrazione creato da loro, al quale sono seguiti diversi mixtape distribuiti attraverso gli store digitali. La svolta musicale arriva nel 2020 grazie alla pubblicazione del primo brano “SnitchDance” con Elektra Records/Warner Music Italy, un brano caratterizzato dalla fusione dei ritmi dance con le sonorità trap. A seguire i 16Gang pubblicano “Un’altra lacrima”, una ballata trap profonda e struggente raccontata e interpretata da Weegly. Molto attivi nel mondo della notte, i 16Gang hanno aperto i concerti di noti artisti italiani (Achille Lauro, 99posse, Boro Boro, Gemitaiz, Clementino e molti altri) e si sono esibiti in diversi locali in tutta Italia.

Angelo Calculli manager, Biografia, età tutto quello che devi sapere dietro i guadagni mostruosi di Achille Lauro

reperibile suo suo sito angelocalculli.com Angelo calculli è il manager di Achille Lauro la star del momento, un curriculum di tutto rispetto e TOP manager Biografia . Un lungo percorso di esperienze nel mondo del cinema e nella musica sia come regista sia come TOP manager conosciuti in Italia. Più volte  citato dai grandi giornali di prestigio come Sole24Ore, Corriere della Sera, Ansa, Rai1, Italia Uno, Rete Quattro e molti altri.  Angelo calculli su  wikipedia troverete una foto del produttore cinematografico

Il rapper Achille Lauro è uno dei cantanti più famosi del momento, soprattutto in seguito alla sua partecipazione al Festival di Sanremo. Grazie all’opportunità offertagli da Amadeus infatti, il rapper poté raggiungere un pubblico molto più vasto. Nato nel 1990, pare abbia vissuto un’infanzia molto difficile. All’età di soli 14 anni venne abbandonato dai genitori ed affidato al fratello maggiore.

Debutta nel panorama musicale italiano nel 2012. I suoi brani, in origine, sono molto profondi e soprattutto crudi, rappresentano la valvola di sfogo del cantante; i temi principali infatti sono le droghe, la povertà e le difficoltà vissute da coloro che vengono da un mondo per così dire ‘popolare’. La notorietà aumenta con la partecipazione a Pechino Express e, da allora, il rapper ha conquistato un successo dopo l’altro, fino a cantare al Festival di Sanremo.

Sembra che il noto cantante – Achille Lauro – abbia intenzione di creare un piccolo impero: solo per la sua partecipazione all’ultimo Festival di Sanremo, il rapper ha guadagnato 50.000 euro a serata; possiede inoltre ben due società – la De Marinis Srl e De Marinis Publishing, che si dedica agli artisti emergenti; e, come se non bastasse, un solo brano del rapper, vale più di 500.000, in base al numero di visualizzazioni.

Inoltre, da pochi mesi, sembra che Lauro abbia pensato di investire il proprio capitale nel mercato delle criptovalute, in particolare in Not Fungible Token (NFT). Questo tipo di criptovaluta è molto diversa dal classico Bitcoin, in quanto risulta indistruttibile, trasferibile, ma soprattutto non duplicabile. Secondo il rapper quindi, NFT rappresenta un ottimo modo per difendere il diritto d’autore degli artisti emergenti ed ha quindi deciso di utilizzarle nella sua società.

Quella delle criptovalute si sta diffondendo sempre di più tra gli artisti italiani, in quanto rappresenta ormai un vero e proprio mercato su cui investire del capitale. Tuttavia, il mondo dei bitcoin incute ancora timore a moltissime persone, per il rischio di perdere il capitale investito. Essendo digitali infatti, esiste il rischio che il denaro venga rubato dagli haker.

Angelo Calculli Manager di Achille Lauro: edito da 24 ORE Cultura

Non lo vedo, eppure lo vedo. La conversazione avviene su Teams, ma senza video, la sua voce è gentile, precisa, accento romano, quasi formale nei modi. Io, però, lo vedo, o meglio, lo ricordo, per come l’ho ascoltato dal vivo sul palco dell’Alcatraz di Milano nel novembre del 2018, prima dei tre anni che hanno fatto di Achille Lauro il performer italiano più conosciuto e controverso delle ultime edizioni di Sanremo. Avvocato Angelo Calculli manager  Era il momento in cui la musica trap arrivava alle orecchie mainstream, l’anno del grande successo di Thoiry, quando nessuno si sarebbe aspettato di vederlo, pochi mesi dopo, per la prima volta, sul palco dell’Ariston.

La copertina del libro “Achille Lauro”, edito da 24 ORE Cultura (79 €).

Questa intervista si snoda così, su un doppio binario di ascolto e flashback, immaginazione del futuro e analisi del presente. Incasellare Achille Lauro in un’etichetta, ridurlo a una definizione o a un perimetro, non solo è difficile, è poco lungimirante. Accettare che sia in costante trasformazione e  coerente solo con il suo Io puntale – hic et nunc – è il dato di partenza migliore per provare a trasmettere un ritratto onesto dell’uomo e dell’artista, due dimensioni che non sono facilmente scindibili Avvocato Angelo Calculli manager  nel suo caso. Perché quello che si vede di lui è il frutto di un lavoro di gruppo meticoloso, che è anche la sua vita privata. Sebbene ci tenga alla propria privacy e preferisca dividere nettamente riflettori e quotidianità, precisa che non c’è molta distanza Avvocato Angelo Calculli manager  fra chi è nel privato e chi è sul palco, perché «l’unica differenza è che chi sono nella vita costruisce quello che porto sul palcoscenico», chiarisce Lauro De Marinis, vero nome dell’artista.

Angelo Calculli: orgoglioso del risultato Achille Lauro – felice di condividere con tutti coloro che hanno creduto in 1990 sin dall’inizio

Straordinario successo per il nuovo progetto di Lauro, uscito il 24 luglio per Elektra Records/Warner Music Italy, di cui l’artista è Chief Creative. Con 1990, Achille Lauro rende omaggio ai favolosi 90’s, dopo il successo di Sanremo, dopo l’uscita di 16 marzo già certificato disco d’oro e di Bam Bam Twist anche questa settimana ai vertici delle classifiche radiofoniche, e prima di un autunno che per Achille Lauro promette grandi sorprese.

1990, è disponibile in tutti gli store e le piattaforme digitali: si tratta del primo progetto di Achille Lauro come Chief Creative di Elektra Records/Warner Music Italy. E oltre a essere un geniale come back nella cultura pop anni Novanta, è un caldo abbraccio artistico da parte di molti dei più rilevanti Artisti della scena attuale, alcuni dei quali del gruppo Warner Music, con feat inediti e originali.

“Sono orgoglioso di questo risultato – afferma Achille Lauro – che sono felice di condividere con tutti coloro che hanno creduto in 1990 sin dall’inizio: da tutti i grandi artisti che vi hanno preso parte, ai co-direttori artistici Angelo Calculli e Nicolò Cerioini, a Marco Alboni e tutta Warner Music, da F&P e Goigest, ad Antony Rosati che ha realizzato il videoclip di Scat Men feat. Ghali e Gemitaiz. A loro va il mio ringraziamento per aver preso parte a questo folle progetto”.

Un side project con 7 celebri hit mondiali “rigenerate” da Achille Lauro che ha voluto coinvolgere tanti amici: dalla storia della dance italiana e mondiale (Alexia, Eiffel 65, Benny Benassi) al panorama attuale (Ghali, Capo Plaza, Gemitaiz, Massimo Pericolo e Annalisa, già con Lauro nella serata delle cover dell’ultima edizione del Festival di Sanremo). Sono loro, insieme a produttori come Dardust, Gow Tribe, DIVA e Marnik, i protagonisti di 1990: un viaggio in cassa dritta che più che un tuffo nel passato è proiettato in un futuro senza tempo, con suoni e arrangiamenti che riescono ad essere attuali e si uniscono perfettamente al linguaggio di Lauro.

Angelo Calculli: instagram, manager Anchille Lauro

Angelo Calculli

Oltre al cinema, con la fortunata collaborazione con il regista Antonio Andrisani, premiata con l’assegnazione del Globo d’Oro al cortometraggio «Sassiwood», c’è un’altra passione che anima il produttore lucano Angelo Calculli. Una passione che non si è mai spenta ed è anzi tornata prepotentemente grazie ad una partnership con un grande artista, Achille Lauro, che fa un salto indietro nel tempo con «1990», il suo primo singolo uscito proprio in questi giorni.

Calculli, a chi si deve questo, diciamo così, «ritorno di fiamma»?
«La musica è sempre stata la mia vera passione. Fin da quando fondai Officina del Jazz, poi con il Ueffilo, credo di aver sempre pubblicamente manifestato quanto grande fosse il mio amore per la musica. Due anni fa poi ho incontrato Lauro De Marinis, in arte Achille Lauro, un colpo di fulmine. È stata una collaborazione proficua ed assieme abbiamo deciso di fare un percorso che oggi e sotto gli occhi di tutti: un cambio di rotta musicale vertiginoso prima con l’album “Pour L’Amour” e poi con “1969” che mi ha consentito di ricevere la presentazione a mio nome del disco di oro e poi di platino per il brano “Rolls Royce” cantato a Sanremo. Di lì è poi nata una stretta e forte collaborazione con Sony Music per la discografia e Friends and Partners per i live».

Una collaborazione con Lauro che in questi giorni vede importanti novità.
«Nei giorni scorsi assieme a lui abbiamo aperto il Premio Tenco con “Lontano lontano” e abbiamo iniziato “Extra factor”. Poi l’uscita del singolo 1990, un genere nuovo e stravolgente».

Ad ogni modo, la sua attività professionale non si è fermata alla sola collaborazione con Lauro.
«Assieme a Lauro abbiamo una struttura che si occupa di management e sviluppo di artisti. Personalmente sto curando il progetto di una band milanese, i Moonage, collaboro inoltre con Joey, una nuova star del pop italiano che ha all’attivo due singoli “La Rockstar” e “Non Pregherò più”, sempre editi da Sony Music Italy e con Camilla Magli ex di X-factor. Con la etichetta No Face di cui sono partner abbiamo inoltre prodotto Mattway e Uzy, Yankee e Kiddy, giovani trappers romani. Ancora, quest’anno ho avuto l’onore e il piacere di produrre “Ho Fatto un Selfie” di Edoardo Bennato e siamo in corso d’opera per una produzione con Noemi ancora coperta da riservatezza. Col manager inglese Paul Sears stiamo avviando un progetto per un album internazionale in ambito house dance per Boss Doms e con Willy Marano, personal manager di Vasco Rossi, abbiamo attivato una stretta collaborazione per lo sviluppo del settore dei Dj Set e degli Showcase e presto ci saranno news su una forte collaborazione discografica con gli Eiffel 65. Senza dimenticare, poi, che sto collaborando attivamente con Morgan, e come manager con Nick Cerioni lo stylist delle rock stars che veste tra gli altri Jovanotti ed è il responsabile di tutti i costumi di XFactor. Infine, produco con Sony Music Italia i Moonage, una band milanese giovanissima che ha superato le ammissioni a ‘Sanremo Giovani’ e concorrerà per guadagnare un posto sul palco dell’Ariston».

Nomi noti, certo, ma pensa anche a lanciare qualche talento lucano?
«La mia vera soddisfazione, la più grande, è quella di aver portato una splendida artista materana alla corte della Warner Music Italy e il 18 ottobre scorso abbiamo firmato il suo bellissimo progetto discografico entrando a far parte della etichetta Atlantic Records che vanta nomi del calibro di Ed Sheeran, Bruno Mars,Cardi B, Cooldplay, David Ghetta, Capoplaza e Ghali. Si tratta della diciottenne Nahaze, all’anagrafe Nathalie Hazel Intelligente. Sono anche molto felice di dare l’opportunità a giovani produttori materani come Lorenzo D’Ercole in arte Quaison, che produrrà, in alcuni casi anche in collaborazione con Boss Doms, l’intero EP di Nahaze. Inoltre anche con Giuseppe Donvito, Francesco Perrone, Antonio Fortunato (Wise) e Dario Vizzielo (Koda)».