Tag: EVENTI

Aquae! World Water Day a Roma 2022, l’evento per la valorizzazione dell’acqua

Conclusa a Roma la giornata sulla valorizzazione dell’acqua e dei suoi usi in ogni ambito, con particolare attenzione al nuovissimo Rapporto ONU dedicato alle acque sotterranee.
Analisi, proposte e iniziative per sensibilizzare soprattutto i giovani a vivere il futuro nel rispetto delle risorse idriche.

 

Si è svolto a Roma, presso lo Spazio 900, il grande evento dedicato alla valorizzazione dell’Acqua in occasione del World Water Day 2022. Alla base dell’iniziativa AQUAE!, promossa dall’Università di Roma Foro Italico e dalla Società Italiana di Igiene e organizzata da Galatea Comunicazione di Manuela Trombetta. In apertura dell’evento sono pervenuti i saluti istituzionali dell’on. Sandra Zampa, Consulente del Ministero della Salute, del sottosegretario di Stato al Ministero dell’istruzione on. Rossano Sasso e del Segretario di Stato per l’Istruzione e la Cultura, L’Università e la Ricerca Scientifica, le Politiche Giovanili della Repubblica di San Marino on. Andrea Belluzzi.

Diretta Facebook di AQUAE

Un’iniziativa volta ad approfondire e divulgare i punti focali del nuovo Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche, che quest’anno mette in evidenza le proprietà e le funzioni delle acque sotterranee, ponendo l’attenzione sul ruolo, sulle sfide e sulle opportunità specifiche che esse presentano nel contesto della gestione e della governance delle risorse idriche a livello mondiale.

 

Molti gli interventi legati ai settori differenziati e specifici per ogni attività, dallo sport all’alimentazione, dall’inquinamento farmacologico alla funzionalità delle cure termali, mirati ad un processo di sensibilizzazione destinato ad ogni generazione, con uno sguardo particolare rivolto agli studenti della scuola primaria, che riceveranno presto nei loro istituti i Quaderni FairPlay4U, manuali sul corretto uso dell’acqua.

Un evento di edu-tainment, coordinato per la sua parte istituzionale in mattinata dalla giornalista ANSA Maria Emilia Bonaccorso e nel pomeriggio, nella parte performativa di arte, musica e sport dal conduttore RAI Savino Zaba, durante il quale sono emersi anche numerosi spunti propositivi utili a stimolare consapevolezza nello sfruttamento e acquisizione quotidiana di questa indispensabile risorsa.

“Il tema dell’UNESCO 2022 è dedicato alle invisibili acque sotterranee e la nostra sfida era quella dar loro visibilità non con un convegno tradizionale, ma adattando il format “talkshow” – ha commentato il Prof. Vincenzo Romano Spica, promotore dell’evento – Le autorità ed i ricercatori intervenuti da prestigiosi enti, l’hanno accettata, riassumendo i loro dati e conoscenze in un linguaggio immediato, destinato ai giovani. Il ritmo scorrevole e lo stile agile, quasi quello di sms e whattsapp! Il contesto multidisciplinare e armonico: dalla geologia alla medicina, dagli sport acquatici all’architettura ed alla musica per interpretare l’acqua e provocare riflessioni.

Sembra le “invisibili” sorgenti sotterranee citate nel rapporto UNESCO siano diventate più “visibili” e soprattutto abbiano acceso l’attenzione anche delle scuole e delle nuove generazioni. Non è un semplice punto di arrivo, anzi l’inizio di un percorso che ha innescato una serie di iniziative a cascata, coinvolgendo scuole e università, centri di ricerca e aziende, artisti e scienziati. L’acqua ha questo potere di attrarre tutti in una dimensione globale, ed unirci nelle diversità: questo è un vero risultato”.

Nella corposa documentazione presentata sull’argomento “acqua”, è da menzionare in primis il rapporto redatto dal Laboratorio di Epidemiologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Roma «Foro Italico» e commentato dalla dott.ssa Federica Valeriani ha evidenziato l’attuale livello di Sostenibilità delle acque per gli usi ricreativi legati ai diversi campi di Benessere, Sport e Terme e le precauzioni che è opportuno prendere, nella misura in cui “Sostenibilità” non significa qualcosa dipendente da fattori economici ma qualcosa di trasferibile al futuro.

Grazie al lavoro compiuto dalla Scuola di Specializzazione in Igiene della Sapienza (Direttore Prof. Corrado De Vito), sono state illustrate documentazioni sulle componenti chimiche e sui principi attivi presenti in ogni acqua, da quelle oligominerali alle acque termali (video QUI) e sui rischi dell’assorbimento, quando beviamo acqua, di una microquantità dei farmaci espulsi in fiumi e mari (video QUI).

Alessandro Coletta, Direttore COSMO Sky-Med dell’Agenzia Spaziale Italiana, ha delineato il ruolo dei satelliti nella specifica osservazione sulla terra, mettendo a fuoco il grado di analisi tecnologica sia sulle superfici che nel sottosuolo, esame di rilievo anche per verificare lo stato di inquinamento nelle acque sotterranee derivato dall’assorbimento delle microplastiche. E proprio alle caratteristiche e alla funzione delle risorse idriche sotterranee ha dedicato un lungo intervento Elisabetta Preziosi, ricercatrice del CNR.

Tra gli interventi propositivi hanno destato particolare interesse la notizia della donazione della nave da ricerca Falkor di 82,9 metri al Consiglio Nazionale delle Ricerche da parte dello Schmidt Ocean Institute, annunciata dal Direttore Dipartimento Terra Ambiente del CNR Fabio Trincardi, che permetterà così al Centro di ampliare la flotta delle sue navi da ricerca e portare avanti l’eredità della Falkor nella conduzione della ricerca marina. La nave sarà ribattezzata Gaia Blu.

Altra news rilevante, soprattutto per la città di Roma, è la creazione di un percorso culturale attraverso le fontane e le fonti nascoste di Roma, essendo l’acqua da sempre strettamente legata allo sviluppo urbanistico della Capitale: il progetto è stato lanciato e descritto dall’on. Federico Mollicone, Fondatore ICAS, Intergruppo parlamentare Cultura, Arte, Sport. Come ha lui stesso asserito “L’acqua è un bene comune che deve essere tutelata e valorizzata anche a livello culturale. Per questo nasce l’idea di nuovo circuito crossmediale “Roma Regina Acquarum” che faccia conoscere percorsi e itinerari di fontane storiche, distributori di acqua per contenitori riutilizzabili e fontanelle.

L’itinerario dovrebbe prevedere delle paline segnaletiche crossmediali e geolocalizzate che aiuteranno il visitatore nel percorso, una app e un sito. Sarebbe sicuramente un modo innovativo di apprezzare quanto la nostra città sia unica nel suo immenso patrimonio archeologico e artistico. L’acqua di Roma e per Roma all’insegna anche di una vera ecosostenibilità e innovazione. Circuiti questi che con accordi tra gestori e amministrazioni si potrebbero realizzare in tutte le città”. 

“Sull’idroelettrico, l’attuale scenario legislativo introdotto col DL Concorrenza rischia di vedere sottratto il nostro vantaggio competitivo nazionale e, su questo, presenteremo atti specifici come già fatto con una PDL a prima firma del collega Zucconi – ha continuato Mollicone – L’idroelettrico è una fonte energetica rinnovabile, quindi coerente con il percorso di transizione ecologica. Inoltre, a differenza delle rinnovabili dalla produzione intermittente come l’eolico e il solare, l’idroelettrico è modulabile e può garantire dei livelli di stoccaggio attraverso i pompaggi, andando così a migliorare la stabilità della rete elettrica. 

L’attuale disciplina legislativa italiana nel settore dell’idroelettrico mette a rischio il controllo di asset strategici per la sicurezza del sistema energetico e per l’autonomia energetica nazionale, consentendo la partecipazione alle nuove gare di società estere con un conseguente indebolimento della posizione competitiva del sistema industriale italiano. Il parco idroelettrico italiano ha prodotto il 18% della generazione nazionale di elettricità, e oltre il 40% della produzione rinnovabile.”

Acqua e fertilità è stato l’argomento su cui si è concentrato l’intervento di Eleonora Porcu, Componente CSS, Docente Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche, Università Bologna, che ha analizzato il ruolo dell’acqua in gravidanza, l’impatto del suo inquinamento, attraverso gli “interferenti endocrini” (EDC) in maniera differente sulla fertilità maschile e femminile, e la crioconservazione e l’impatto che modifiche cellulari provocano sulle cellule del corpo umano.

Gli aspetti legali e la messa in sicurezza delle risorse idriche del Distretto Appennino Meridionale sono state messe in evidenza da Vera Corbelli attraverso lo specifico “Piano di gestione”, che costituisce un punto essenziale di riferimento per l’Unione europea per le verifiche sul governo del bene Acqua posto in essere dallo Stato italiano.

Sempre nell’ambito delle normative, sono state presentate da Emanuele Ferretti le principali norme che regolano le piscine con nuovi spunti rispetto alla precedente legge del 2003.

Gli istituti scolastici, destinatari in particolare di questa iniziativa con il ruolo di futuri messaggeri del rispetto dell’acqua e dell’uso che ne si farà, sono stati anche parte attiva: in particolare, gli studenti dell’Istituto alberghiero Gioberti hanno presentato un video sul riciclo dell’acqua a fini alimentari (visibile QUI) che ha efficacemente sintetizzato per immagini il doppio uso che si potrebbe fare di un’acqua bollita nel consumo di diverse sostanze e in un ricettario vegetariano ad hoc.

Significativo il contributo degli atleti, molti dei quali campioni di nuoto, pattinaggio artistico e pallanuoto: tra questi Elena Bertocchi campionessa europea tuffi della Nazionale Italiana, Monica Boggioni campionessa mondiale nuoto paralimpico della Nazionale Italiana (emozionante il suo racconto sulla funzione liberatoria dell’acqua come espressione dei movimenti di chi è immobilizzato), Giuditta Galardi, Domitilla Picozzi e Chiara Tabani atlete pallanuoto femminile serie A1 SIS Roma e Roberta Rodeghiero Pattinatrice su ghiaccio Centro Sportivo dell’Aeronautica Militare che, in un videomessaggio, ha ricordato l’indispensabile considerazione del ghiaccio, ai fini delle varie tipologie performative, in base alla temperatura e consistenza.

Numerosi anche gli artisti presenti per celebrare il loro tributo all’acqua; tra questi il comico televisivo Massimo Bagnato, in un monologo sull’acqua, e il Mural Artist di fama internazionale Federico Massa aka Iena Cruz che si cimenterà presto a Roma in una nuova “provocazione” a tema per la quale è stata lanciata una campagna di raccolta fondi. Sempre in merito all’arte figurativa, il critico d’arte Roberto Litta ha guidato invece gli studenti alla lettura dell’opera d’arte, prendendo come fonte di ispirazione il quadro a tema acquatico “L’inizio” dell’artista Emilio Ferretti.

PROGRAMMA 2022

Brillanti e suggestive, del tutto originali, le performance di  Andrea Casta, violinista compositore specializzato in “immersioni” tra immagini e musica proiettate verso il futuro, e  Philip Abussi, artista e compositore di sonorizzazioni a tema, recente produttore del brano Acqua della compositrice, autrice e performer Alessia Cotta Ramusino, Ambasciatrice UNICEF, presente con Women Of Change Italia, associazione dedita alla sensibilizzazione sugli obiettivi dell’Agenda 2030.

L’intero evento è visionabile in forma integrale sui canali ufficiali (sito e pagina FB) di Galatea Comunicazione.

AQUAE! World Water Day 2022 è un evento promosso dall’Università di Roma Foro Italico e dalla Società Italiana di Igiene con il patrocinio di UNESCO, Istituto Superiore di Sanità, CNR, ISPRA, Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale, INAIL, Agenzia Spaziale Italiana, FNOMCeO, Enpab, Federterme, Forst, FIN.

L’evento è stato realizzato da Galatea Comunicazione grazie al contributo non condizionante di Merck Serono, UnipolSai Assicurazioni, Indexx; partner istituzionale: Istituto di Credito sportivo; media partner: Elisir Salute, Woman of Change Italia, Gli Argonauti e partner tecnico: Mokamusic.

“MUSICA SUI TETTI”con FLAVIO SAX BORDIN: il 16 settembre l’evento musicale in streaming per sostenere la ricerca sull’endometriosi dell’Ospedale San Raffaele di Milano

L’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano in collaborazione con Ændo – Associazione Italiana Dolore Pelvico ed Endometriosi – e con il supporto non condizionato di Gedeon Richter Italia, organizza un evento musicale in streaming di sax, violini e percussioni con Flavio Sax e la WindRose Orchestra che si terrà giovedì 16 settembre 2021, alle ore 17.00, sul tetto dell’Ospedale San Raffaele, al fine di sensibilizzare il pubblico sull’endometriosi, patologia che colpisce il 10-15% delle donne in età riproduttiva, e per sostenere la ricerca scientifica in questo ambito.

Il concerto sarà fruibile da tutti i pazienti, dal personale e dal pubblico esterno collegato in diretta Facebook sulle pagine social @FlavioSaxophone e degli organizzatori @ospedaleSanRaffaele, @Aendoassociazione.

“È per me un onore – dichiara Flavio Sax Bordin – essere stato invitato a creare e partecipare a questo Concerto al fine della raccolta fondi per la Ricerca sull’Endometriosi. È con altrettanto entusiasmo che ho contribuito alla complessa  organizzazione dell’evento che ha coinvolto oltre 30 Specialisti in materie di sicurezza, suono, riprese video e comunicazione.  Al Concerto sul tetto del San Raffaele di Milano debutteranno con me tre Artiste di Milano e ci esibiremo con brani del Maestro Ennio Morricone ma anche brani più leggeri tipo “Viva la Vida” e non ultimo il mio inedito “Wind Roof and Love”, da non perdere!!!”

È possibile sostenere il progetto di ricerca sull’endometriosi tramite la piattaforma GoFundMe al link https://www.gofundme.com/f/ricerca-endometriosi progetto “Sostieni le donne contro l’endometriosi”.

FLAVIO SAX BORDIN si avvicina allo studio della musica all’età di 5 anni e a 10 viene selezionato per accedere al Conservatorio Cesare Pollini di Padova, studiando il clarinetto classico. Dopo 6 anni si diploma ed inizia lo studio del sassofono. Nella sua carriera si esibisce in palchi nazionali ed internazionali dando libero sfogo alla sua interpretazione del SoulFunkyGospel e Pop a fianco di artisti del calibro di Mario Biondi, Michael Bolton, Randy Crawford, Anggun, Noa, Claudio Baglioni e molti altri. Suona con grande emozione in Aula Nervi nella Città del Vaticano al cospetto di Papa Giovanni Paolo II, al Teatro Filarmonico di Verona e al “Grand Théâtre de Monte Carlo” alla presenza della Famiglia Reale. Attualmente si esibisce in Italia ed Europa come solista, con l’accompagnamento di The WindRose e Summertime Choir. Nell’ultimo anno ha partecipato a molti eventi a scopo solidale tra questi: Il concerto sul tetto dell’Ospedale di Padova, il Concerto sul tetto dell’Oncologia Pediatrica di Padova (raccolta fondi per onlus), il Concerto all’Ospedale di Vicenza (raccolta fondi per la ricerca), il Concerto al MAAP di Padova (raccolta fondi per famiglie in difficoltà a causa Covid), Commemorazione ai caduti della strage di Ustica, il Concerto a Noto (SR) commissionato dal Comune, il Concerto a Parma Capitale della Cultura Italiana, omaggio a Giuseppe Verdi e si è esibito a Milano per la serata raccolta fondi a favore della Casa Pediatrica Fatebenefratelli. Il 9 aprile 2021 pubblica l’inedito “Wind Roof And Love”. Sul suo canale Youtube trovate i video delle sue esibizioni e di alcune sue reinterpretazioni di grandi successi internazionali.

 

https://www.facebook.com/FlavioSaxophone

https://www.instagram.com/flaviosaxophone/

https://www.youtube.com/c/FlavioBordin

Chrono’ Sound: al via al primo di una serie di incontri per gli appassionati di orologeria.

ph. Carlo Piersanti

Il Centro Assistenza Orologi della DiamonDiamonD ha organizzato lo scorso 26 giugno, nella sede di Roma, Via della scrofa 73, il primo di una serie di incontri riservati alla clientela e agli appassionati di orologeria.

Quello che differenzia tra loro gli “incontri” DiamonDiamonD – che hanno generalmente cadenza mensile – sono i protagonisti: ogni loro evento ha infatti come tema un pezzo unico della loro collezione. Questa volta hanno deciso di dare risalto agli orologi e ai clienti amanti appunto dell’orologeria.

L’idea del Chrono’Sound nasce dalla passione di Andrea Falcioni per gli orologi rari e preziosi e dall’esperienza del mastro orologiaio Roberto Seghetti.

Musica classica (Sogno – di F. P. Tosti e Caro mio ben – T. Giordani) grazie ad un eccellente tenore, Paolo Anziliero, drink di benvenuto servito all’entrata ad ogni ospite ed un’atmosfera piacevole ed elegante; sono stati questi gli “ingredienti” di un pomeriggio all’insegna del lusso perfettamente organizzato e ben riuscito.

UN’ESTATE…A COLORI! DA PALAZZO FERRAJOLI ALLA GIOSTRA: I PROSSIMI EVENTI DOVE MI VEDRETE NEL MESE LUGLIO.

Appena rientrata da Formentera, Daniela Rosati torna nella Capitale per non perdersi le prossime tappe di moda cinema e spettacolo.

Una settimana fa, il 3 luglio, ha partecipato a LAF19 come pubblico-ospite a Palazzo Ferrajoli. Com’è stato, Daniela, assistere a questa kermesse? Si trattava di una sfilata collettiva international fashion designers, un evento di ALTAROMA. Numerosi stilisti dal Brasile, Cuba, Ecuador, Messico…E’ stato davvero bello; una manifestazione ben curata dagli organizzatori e pubblicizzata a dovere dall’ufficio stampa della manifestazione. Il giorno seguente, 4 luglio, la location si trasformava in uno showroom ed in questa cornice così esclusiva lo spazio espositivo accoglieva, oltre ai fashion designer della sfilata, molti altri dall’Italia, dalla Croazia e dall’Ecuador con le Capsule Collection 2020.


Qual’è e dove si svolgerà il prossimo evento a cui prenderai parte?Assisterò l’11 luglio all’apertura del RomAfrica FILM FESTIVAL – Perchè l’Africa C’è presso l’Accademia d’Egitto, a Roma. Si tratta di una delle più interessanti e peculiari manifestazioni riguardanti il cinema, giunta ormai alla quinta edizione: un festival del cinema africano per far conoscere l’Africa attraverso il grande schermo e portare a Roma il meglio della produzione cinematografica continentale. 25 ore di proiezione previste, articolate su quattro giornate e comprendenti 10 lungometraggi, 22 cortometraggi e 1 documentario per un totale di 12 Paesi coinvolti. Prevedo che sarà davvero una bella esperienza!


Dove ti vedremo nella seconda metà del mese, precisamente il 17 luglio? Senza dubbio mi troverete in prima fila ad assistere all’appuntamento più cool dell’estate in fatto di eleganza e stile. Sto parlando di Arte & Musica, un evento che porta la firma del suo direttore artistico l’hairstylist Michele Spanò e che quest’anno avrà come prestigioso “teatro di posa” la GIOSTRA via Guido Reni 7, una location del panorama romano veramente unica. L’organizzazione sarà impeccabile come sempre dall’accuratissima coreografia fino alle sorprese della serata e naturalmente gli ospiti, tutti personaggi di spicco provenienti dal mondo della tv, della cultura, del cinema e dello spettacolo. Manca una settimana…Già non vedo l’ora che arrivi mercoledì!

AL TERRE DEI CONSOLI GOLF CLUB SCATTA L’ITALIAN CHALLENGE OPEN ENEOS MOTOR OIL

Monterosi, 26 giugno 2019 – Dopo la pro-am disputata ieri, e vinta dal team composto dal pro Robin Roussel e dagli amateur Sergio Paolantoni, Alessandra Daquanno e Alessandro Seghi, oggi sul percorso del Terre dei Consoli Golf Club, a Monterosi (VT), l’undicesima edizione dell’Italian Challenge Open Eneos Motor Oil (27-20 giugno), torneo in calendario nel Challenge Tour e nell’Italian Pro Tour Banca Generali Private.

E’ il settimo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour Banca Generali Private, il circuito di dieci gare nazionali e internazionali della FIG programmate in sette regioni diverse, dalla Valle d’Aosta alla Puglia, in un cammino verso la Ryder Cup 2022 che coinvolge tutta la nazione.

>>> Un torneo di elevata caratura tecnica – L’Italian Challenge Open Eneos Motor Oil sarà un avvenimento di ottima levatura tecnica e sicuramente molto combattuto con un field che annovera otto dei primi dieci della money list e sei dei sette vincitori stagionali. Nella lista dei favoriti un posto di rilievo spetta al francese Antoine Rozner, leader dell’ordine di merito, che sarà alla ricerca della terza vittoria stagionale con cui salirebbe immediatamente sull’European Tour.

Impresa, comunque, non facile perché la concorrenza sarà molto forte specie da parte di quegli atleti che già hanno vinto nell’anno quali il portoghese Ricardo Santos, il transalpino Robin Roussel, lo scozzese Connor Syme, l’inglese Ross McGowan e l’olandese Daan Huizing.

>>> Hanno belle carte da giocare anche il francese Mathieu Fenasse, lo scozzese Calum Hill, il polacco Adrian Meronk, il tedesco Moritz Lampert e l’inglese Ben Stow, ma sicuramente può dire la sua Francesco Laporta, 15° nella money list, a un passo dal successo nel Turkish Challenge (2°) e vincitore in Italia del Campionato Nazionale Open. L’esperienza sarà la miglior alleata dello svedese Joel Sjoholm, past winner (Is Molas, 2017), e di due vincitori di un Open d’Italia, i francesi Gregory Havret (2001) e Julien Quesne (2013).

Oltre a Laporta saranno in gara altri undici italiani: Luca Cianchetti, Lorenzo Scalise ed Edoardo Raffaele Lipparelli, quest’anno con un titolo sull’Alps Tour, Enrico Di Nitto, Federico Maccario, Jacopo Vecchi Fossa, Michele Cea, Andrea Saracino, Federico Zucchetti e i dilettanti Andrea Romano e Stefano Mazzoli.
>>> Gli sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto di Banca Generali Private (Title Sponsor); BMW (Main Sponsor); Kappa (Official Supplier), Leaseplan (Official Supplier), Dailies Total 1 ((Official Supplier). Title sponsor Italian Challenge Open: Eneos Motor Oil. Official Supplier Italian Challenge Open: OV Energy, LG Business, De Gregoris. Official advisor: Infront.

>>> Formula e montepremi- L’Italian Challenge Open Eneos Motor Oil si svolgerà sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 36 che promuoverà ai due turni successivi i primi 60 classificati e i pari merito al 60° posto dilettanti compresi. Il montepremi è di 300.000 euro con prima moneta di 48.000 euro.

Ingresso gratuito per il pubblico – Per tutta la durata della manifestazione l’ingresso per il pubblico sarà gratuito.
>>> Terre dei Consoli Golf Club – Il percorso del Terre dei Consoli Golf Club ha avuto il suo battesimo internazionale nel 2016, quando ha ospitato per la prima volta il Challenge Tour. In quell’occasione fu il più lungo tracciato affrontato nella stagione del circuito (7.600 yards) e ricevette gli elogi incondizionati di tutti i concorrenti per la varietà dei temi tecnici e tattici che propone e per l’ottima preparazione. Questa volta viene inaugurata la nuova club house, un modello di eleganza e funzionalità, vero valore aggiunto in un circolo che va acquisendo sempre più prestigio. Il tracciato, disegnato dal grande architetto Robert Trent Jones Jr si sviluppa tra ostacoli naturali, laghi, grandi bunker posizionati strategicamente obbligando il giocatore a grande attenzione e ad attente strategie.

>>> Caratteristiche tappa romana European Challenge Tour

>>> Lo European challenge tour di Terre dei Consoli è il primo torneo che si svolgerà a Roma, da quando è iniziato il cammino Ryder Cup.
>>> • Si riconferma il campo più lungo in termini di distanza, del circuito Challenge. Questo lo rende ancora più selettivo e affascinante.
>>> • Montepremi tra i più alti del circuito Challenge Europeo: 300.000 con prima moneta di quasi 48.000.
>>> • presenti tutti i più forti giocatori dell’ordine di merito Challenge.
>>> • Italiani in lizza: Francesco Laporta, Michele Cea, Enrico Di Nitto, Andrea Saracino, Jacopo Vecchi Fossa.

>>> • Nel field parecchi giocatori da tutto il mondo che hanno giocato molti anni sullo European Tour: Gregory Havret, Francesco Laporta, Felipe Aguilar, ed altri.
>>> • In lizza per il titolo anche Chase Koepka, che si sta facendo le ossa sul Challenge, proprio come fece il fratello maggiore qualche anno fa, prima di approdare sul PGA Tour e diventare in poco tempo numero uno al mondo, Brooks Koepka, recente vincitore del PGA, secondo classificato allo US Open appena terminato e protagonista di altri 3 Majors, vinti negli ultimi 2 anni.