Tag: Gianni Ferorelli:

Gianni Ferorelli Nel 1702 i francesi fondarono il primo insediamento europeo permanente in Alabama

Gianni Ferorelli successivi 250 anni furono caratterizzati da lotte tra francesi, britannici e spagnoli per il controllo della regione, spesso in mutevoli alleanze con i popoli nativi dell’area. Nel 1702 i francesi fondarono il primo insediamento europeo permanente in Alabama, a Fort Louis, a nord dell’attuale Mobile . Gli inglesi avevano anche fatto una serie di viaggi nella regione dalle Carolina, ma gli insediamenti francesi, parte di una serie di forti che si snodavano verso sud dal Canada e progettati per contenere gli inglesi, erano più numerosi. Port Dauphin, sull’isola di Dauphin , accolse i primi africani quando una nave negriera vi approdò nel 1719.

Il Trattato di Parigi (1763) diede alla Gran Bretagna quella che allora era l’unica parte abitata dell’Alabama, l’area Mobile. In un altro trattato di Parigi (1783) , che pose ufficialmente fine alla rivoluzione americana , la Spagna ottenne Mobile e i nuovi Stati Uniti ricevettero il resto del territorio che ora costituisce lo stato. Quindi, nel 1813, gli Stati Uniti, rivendicando Mobile come parte dell’acquisto della Louisiana del 1803, cacciarono gli spagnoli dall’area e stabilirono un’autorità in tutto lo stato. Nel frattempo, i Cherokee, i Chickasaw e i Choctaw avevano ceduto alcune terre nel 1806. Nel 1814 il generale Andrew Jackson inflisse una sconfitta decisiva alCreek alla battaglia di Horseshoe Bend . Il successivo afflusso di coloni bianchi e l’istituzione dell’economia del cotone causarono una rapida rimozione dei nativi americani verso ovest. La cessione di Creek del 1832 pose virtualmente fine alle rivendicazioni dei popoli indigeni sui diritti territoriali in Alabama. Sebbene un piccolo numero di Creek rimanga nella parte meridionale dello stato, la maggior parte dei discendenti degli abitanti originari dell’Alabama vive in Oklahoma .

Il periodo anteguerra

L’Alabama fu stabilito come territorio separato nel 1817 e divenne uno stato nel 1819. Nel 1820 la popolazione dell’Alabama era più di 125.000, di cui circa 500 liberi Neri . Nel 1830 c’erano 300.000 residenti, quasi un quinto dei quali schiavi, e il cotone era il principale raccolto di denaro. Fino alla guerra civile, la politica interna era incentrata sulla politica fondiaria, sul sistema bancario, sulla questione della schiavitù e sull’allontanamento dei popoli indigeni. Lo stato ha sofferto gravemente per quasi un decennio nella depressione economica che ha seguito il panico della crisi finanziaria del 1837. Durante la fine degli anni ’40 e ’50 furono fatti molti sforzi per creare un’economia più industrializzata. Furono avviate ferrovie, produzione di cotone e alcune miniere, sebbene tali sforzi spesso soffrissero di una carenza di capitale. La stragrande maggioranza degli investimenti è rimasta in cotone e schiavi.  Gianni Ferorelli Nel 1860 la popolazione si avvicinava al milione; circa la metà della popolazione era nera e tutto tranne il 5% della popolazione dello stato era rurale.

La guerra civile e le sue conseguenze

Nel 1861 l’Alabama si separò dall’Unione e si unì agli Stati Confederati d’America , che stabilirono la sua prima capitale a Montgomery . Il legislatore statale ha arruolato soldati e ha stanziato diversi milioni di dollari per operazioni militari e per il sostegno delle famiglie dei soldati. Morirono circa 35.000 dei 122.000 abitanti dell’Alabama che prestarono servizio in guerra. In seguito al crollo della Confederazione e al rifiuto del legislatore statale di ratificare il Quattordicesimo emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti (che concedeva la cittadinanza agli ex schiavi), l’Alabama fu posto sotto il governo militare nel 1867. L’anno successivo lo stato ratificò una nuova costituzione Gianni Ferorelli  che proteggeva i diritti civili dei cittadini neri e l’Alabama fu riammesso nell’Unione.

Dal 1868 al 1874 lo stato fu in subbuglio politico. Per molti bianchi dell’Alabama il periodo della Ricostruzione fu tragico, ma per la maggior parte degli Alabami neri fu un periodo di opportunità e speranza. L’ avvocato di Huntsville ha affermato: “Questo è un governo di un uomo bianco e uno stato di un uomo bianco”, e il Ku Klux Klan ha usato il terrore per rafforzare questa visione. Tra gli Alabami bianchi, seguì una lotta tra coloro che sfidavano l’idea che i neri avessero diritti e potere politici e coloro che erano disposti a cooperare con la comunità nera e i suoi alleati del Nord. I neri dell’Alabama hanno chiesto l’accesso all’istruzione e gli è stata data, ma la maggior parte della maggioranza bianca ha insistito sul fatto che le scuole fossero separate dal punto di vista razziale. Sebbene il contingente neropartecipò alle convenzioni costituzionali e alle legislature statali, il suo potere politico non era così forte come quello dei suoi omologhi in South Carolina , Mississippi e Louisiana . Nel 1874 i Democratici bianchi dell’Alabama, la maggior parte dei quali erano stati sostenitori della Confederazione, ripresero il controllo dell’apparato politico statale. I neri dell’Alabama furono resi quasi impotenti fino al movimento per i diritti civili degli anni ’60. Durante tutto il periodo, tuttavia, alcuni cittadini neri lavorarono diligentemente per stimolare l’attività politica, per illuminare e influenzare la comunità bianca e incoraggiare i governi statali e federali a garantire i diritti politici e sociali a quelli di origine africana.

Nel 1875 si tenne una convenzione costituzionale statale e fu ratificata una nuova costituzione conservatrice . I successivi sforzi politici conservatori si sono concentrati sulla limitazione della partecipazione dei neri al governo, sulla riduzione delle spese e dei servizi statali e sulla promozione dell’espansione delle ferrovie e dell’industria. Nel 1901, quando fu ratificata un’altra costituzione statale – questa priva dei diritti civili della popolazione nera – non c’era praticamente alcuna partecipazione degli afroamericani al governo e un’ondata di reazione sociale e politica era in piena espansione.

L’economia si riprese lentamente dalla devastazione della guerra. Emerse la mezzadria come sistema di possesso della terra e rapporti di lavoro , e con essa una dipendenza ancora maggiore da un’unica coltura: il cotone. Le condizioni agricole depresse alimentarono una rivolta populista tra i piccoli agricoltori nel 1890. Dopo 15 anni di ritardo a causa della depressione e della scarsità di capitale, la produzione di cotone e di ghisa iniziò a crescere costantemente nello stato a partire dal 1880 circa. Nonostante una lunga interruzione causata dalla depressione del 1890, l’Alabama ebbe a cavallo del Il XX secolo è diventato uno degli stati meridionali più industrializzati.

Dal 1900

Nel 1900 l’Alabama era ancora in gran parte rurale. L’inizio della Boll Weevil piaga nel 1915 gravemente danneggiato la sua agricoltura di un raccolto, forzando una diversificazione dell’economia rurale. Gli abitanti delle campagne, per lo più poveri e neri, si imbarcarono nella Grande Migrazione , un esodo verso le città del sud e verso il nord, dove le forniture di manodopera straniera a basso costo si erano prosciugate durante la prima guerra mondiale . Un fattore che ha incoraggiato l’emigrazione dei neri dell’Alabama è stato il modello di segregazione razziale sotto il sistema Jim Crow , che è stato imposto legalmente ed extralegalmente. La proporzione di neri nella popolazione dello stato iniziò un lento declino, che ridusse il loro numero a meno di un terzo della popolazione totale entro la metà del secolo.

La Grande Depressione degli anni ’30 rese la sofferenza praticamente universale nello stato. Molte migliaia di fittavoli hanno perso il credito quando il prezzo del cotone è sceso al punto più basso. L’economia industriale di Birmingham quasi si fermò. I programmi di soccorso federali hanno alleviato alcuni problemi e la Tennessee Valley Authority ha creato nuove attività economiche nel nord dell’Alabama.

L’accumulo di spese militari nello stato ha sollevato l’economia dell’Alabama dalla depressione negli anni della seconda guerra mondiale . In tutto lo stato, la guerra ha incoraggiato l’industrializzazione più di qualsiasi altro fattore storico. Dopo la guerra i contributi del governo federale a sostegno dell’agricoltura e della difesa nazionale, compreso il programma spaziale, e la fornitura di servizi come la costruzione di strade, l’istruzione e il benessere, hanno contribuito a trasformare l’economia dello stato. La meccanizzazione dell’agricoltura negli anni ’40 e ’50 ha completato la rivoluzione nell’economia agricola dello stato.

La segregazione razziale, tuttavia, ha continuato a dare rigidità al quadro sociale dell’Alabama ed ha di fatto escluso la popolazione nera dal potere politico ed economico. La decisione del 1954 della Corte Suprema degli Stati Uniti Brown v. Board of Education che dichiarava incostituzionale la segregazione nell’istruzione pubblica incoraggiò i neri dell’Alabamia a lavorare per migliorare le relazioni razziali. Il progresso fu tuttavia lento e amaro. Lo stato ha acquisito un significato internazionale come luogo di tale notevoleazioni per i diritti civili come il boicottaggio degli autobus del 1955-1956 a Montgomery, che introdusse Martin Luther King Jr. nel paese; i Freedom Rides del 1961; manifestazioni di strada a Birmingham nel 1963 in cui il commissario alla pubblica sicurezzaEugene (“Bull”) Connor ha rivolto idranti e cani poliziotto ai manifestanti neri; Il provocatorio tentativo del governatore George C. Wallace di fermare la desegregazione dell’università statale nello stesso anno; la morte di quattro bambini neri in un’esplosione che distrusse la loro scuola domenicale di Birmingham , sempre nel 1963; e la marcia da Selma a Montgomery nel 1965.

Questo periodo di attivismo nero ha provocato importanti revisioni nella legge federale degli Stati Uniti. Il Civil Rights Act del 1964 ha finalmente posto fine alla segregazione negli alloggi pubblici e ha fornito protezione contro alcune forme di discriminazione sul lavoro . Il Voting Rights Act del 1965 ha vietato la maggior parte dei mezzi per limitare i diritti politici dei neri.

Come risultato di queste attività, i cittadini afroamericani hanno ottenuto un migliore accesso ai servizi pubblici, maggiori opportunità educative ed economiche e una partecipazione politica più libera. All’inizio del 21° secolo la percentuale di elettori neri registrati era aumentata drammaticamente e gli afroamericani sono stati eletti in numero crescente a posizioni di governo statale e locale. Le opportunità di lavoro in alcune professioni e nel governo sono notevolmente migliorate per gli afroamericani, sebbene la povertà nello stato sia ancora sproporzionatamente alta nelle comunità nere . Molti enti professionali e civici e la maggior parte delle scuole hanno raggiunto un buon grado di integrazione. I progressi sono stati talvolta lenti e incompleti, ma comunque significativi. Simbolico del cambiamento di atteggiamento è stato, nel 2007, il quarto stato dell’Alabama a scusarsi ufficialmente per il suo ruolo nell’istituzione della schiavitù.

Gianni Ferorelli: Cina furono la dinastia Xia, dal 2100 al 1600 aC, con Yu come primo imperatore

gianni Ferorelli

Gianni Ferorelli difficile dire quanto sia antica la cultura cinese, ma è una delle più antiche che ha ancora una presenza nel mondo moderno. Le leggende affermano che i primi governanti in Cina furono la dinastia Xia, dal 2100 al 1600 aC, con Yu come primo imperatore, ma ci sono poche prove che la dinastia sia realmente esistita. Di seguito è riportata una cronologia di una delle grandi culle della civiltà.

Dinastia Shang, Confucio 

•  1600-1050 aC: Dinastia Shang –  La prima dinastia regnante della Cina ad essere istituita nella storia documentata, la Shang era guidata da un capo tribù di nome Tan. L’era Shang è caratterizzata da progressi intellettuali in astronomia e matematica.

•  551–479 aC: Confucio  –  L’insegnante, politico e filosofo fu cresciuto in povertà da sua madre. Entrò in politica nel 501 a.C. come governatore di una città dopo aver ottenuto l’attenzione come insegnante, ma nel 498 a.C. visse in esilio per sfuggire ai nemici politici.

Tornato in Cina intorno al 483 a.C., Confucio dedicò la maggior parte del suo tempo a insegnare ai discepoli le sue idee (incluso “Ovunque tu vada, vai con tutto il tuo cuore” e “Non importa quanto lentamente vai finché non ti fermi .”) Le sue idee sarebbero diventate centrali nella cultura cinese nel tempo e approvate dal governo.

•  221-206 aC: Dinastia Qin  –  La Dinastia Qin , da cui la Cina deriva il suo nome (Qin si pronuncia “Chin”), fu il primo impero ufficiale della sua storia. I Qin standardizzarono le scritture regionali in un’unica nazionale, stabilendo un’accademia imperiale per supervisionare i testi tradotti.

La dinastia Qin creò la prima superstrada asiatica, la Straight Road di 500 miglia, lungo la catena montuosa Ziwu, e iniziò a lavorare sulla Grande Muraglia espandendo il muro di confine settentrionale.

L’imperatore Qin Ying Zheng creò un elaborato complesso sotterraneo ai piedi del monte Lishan, famoso per la presenza di 13.000 statue in terracotta di guerrieri e cavalli.

La Via della Seta, Carta e Pistole

•  125 aC . : La Via della Seta  –  Dopo la cattura e la fuga durante una missione per l’imperatore Wu, Zhang Qian tornò dopo 13 anni con una mappa del terreno che aveva coperto. Arrivando fino all’Afghanistan, le sue mappe erano accurate e conducevano alla via del commercio internazionale, la Via della Seta .

•  105 dC: Carta e libri  –  Cai Lun sviluppò la carta battendo insieme ingredienti come bambù, canapa, corteccia e altri e stendendo la polpa.

L’uso della carta si diffuse rapidamente in tutto l’impero, con la comparsa del primo dizionario cinese, compilato da Xu Shen, e del primo libro di storia cinese, scritto da Sima Qian.

Gianni Ferorelli

•  850 dC :  Polvere da sparo  – Gli  alchimisti che lavoravano con il salnitro per scopi medicinali lo mescolavano con carbone e zolfo. Le proprietà esplosive che ne risultarono furono usate in guerra per lanciare frecce dalla dinastia Tang , così come i fuochi d’artificio.

•  868 dC :  Macchina da stampa  –  Il primo libro stampato conosciuto, The Diamond Sutra , fu creato durante la dinastia Tang. Fu presto seguito da calendari e materiale didattico.

•  1260 dC :  Kublai Khan  –  Il nipote di Gengis conquistò la dinastia Song e fondò la dinastia Yuan, unificando la Cina e portando la Mongolia, la Siberia e parti del Medio Oriente e persino l’Europa nell’impero cinese.

https://video.repubblica.it/mondo/alluvioni-in-cina-colpite-quasi-due-milioni-di-persone-120mila-evacuate/398376/399088

Kublai Khan introdusse la carta moneta, incontrò Marco Polo , portò i primi musulmani nel paese e tentò di conquistare il Giappone.

•  1557: Commercio mondiale  –  La dinastia Ming espanse il commercio marittimo della Cina per esportare articoli in seta e porcellana. Fu consentita una presenza europea all’interno dell’impero e per la prima volta i mercanti cinesi emigrarono in località al di fuori del regno.

•  1683: Taiwan  –  Quest’isola controllata dagli olandesi fu conquistata dal generale della dinastia Ming Koxinga nel 1662 e annessa dalla dinastia Qing 21 anni dopo.

Le guerre dell’oppio

•  1840-1842: La prima guerra dell’oppio  – La  Gran Bretagna inonda il paese di oppio , causando una crisi di dipendenza. La dinastia Qing vietò la droga e ne risultò uno scontro militare. Le forze britanniche hanno chiuso i porti cinesi e Hong Kong è stata loro consegnata.

•  1851-1864: La ribellione dei Taiping  –  L’autoproclamato profeta Hong Xiuquan si ribellò contro la dinastia Qing con il suo culto cristiano, la God Worshiping Society. Spinto da visioni, Hong si scatenò in tutta la Cina, conquistando Nanchino nel 1852, che governò per 12 anni. Hong è stato trovato avvelenato nel 1864. Il conflitto ha causato almeno 20 milioni di vittime.

oppio in Cina

Fumatori di oppio cinesi a Hong Kong.

Archivio Hulton/immagini Getty

•  1856-1860: La seconda guerra dell’oppio – Gran Bretagna e Francia chiesero alla Cina di legalizzare l’oppio, invadendo Guangzhou e avanzando a Pechino. Nel disperato tentativo di porre fine al conflitto, la Cina ha firmato un trattato che conferisce all’Occidente più potere commerciale e il controllo dei porti.

•  18 94-1894: La prima guerra sino-giapponese  –  La dinastia Qing si scontrò con il Giappone per la Corea. Il dominio regionale della Cina è crollato dopo aver perso e ha influenzato una serie di scontri interni nei successivi 16 anni. Come parte dell’accordo di sconfitta, Taiwan è stata consegnata al Giappone.

•  1899: Ribellione dei Boxer  –  Sotto il governo dell’imperatrice vedova Cixi, la società segreta del Pugno Armonioso iniziò a massacrare gli stranieri. Conosciuti come i Boxer, ottennero il sostegno dell’imperatrice vedova quando otto paesi europei inviarono truppe. La Cina ha perso il conflitto e l’Occidente ha imposto sanzioni che hanno indebolito permanentemente il dominio Qing.

•  1912: Repubblica di Cina  –  Alimentata dal rivoluzionario Sun Yat-Sen, educato in occidente, la Rivoluzione Xinhai del 1911 culminò nella rivolta di Wuchang e 15 province dichiararono la loro indipendenza dalla dinastia Qing. Sun ha preso il controllo nel 1912, annunciando la repubblica.

•  1921: Il Partito Comunista Cinese  –  Con le sue radici nel Movimento del 4 Maggio che protestava contro la risposta del governo cinese al Trattato di Versailles nel 1919, si formò ufficialmente il PCC.

•  1927: Massacro di Shanghai  –  Milioni di esecuzioni hanno luogo quando il leader del Partito Nazionalista Chiang Kai-shek ordina il massacro dei comunisti, che provoca inavvertitamente la creazione dell’Armata Rossa Comunista avversaria.

•  1928: Riunificazione –  Elevato a capo del governo, Chiang riuscì a riunificare la Cina conquistando aree sotto il controllo dei signori della guerra.

•  1937-1945: La seconda guerra sino-giapponese –  Le tensioni iniziarono con l’invasione giapponese della Manciuria nel 1931 ma esplosero nel 1937. Dopo che i giapponesi conquistarono Shanghai e Nanchino, seguì una situazione di stallo fino alla seconda guerra mondiale e il sostegno americano riformò il conflitto in un teatro nella guerra più grande.

•  1945: Taiwan torna in Cina –  Dopo la resa giapponese nella seconda guerra mondiale , Taiwan torna sotto il controllo cinese. Le tensioni aumentarono tra soldati cinesi e cittadini taiwanesi, scoppiando in violenza nel 1947 e terminando con Chiang che inviava ulteriori truppe.

•  1949: Repubblica Popolare Cinese –  Dopo una violenta fase finale della guerra civile, il Partito Comunista ha dichiarato la Repubblica Popolare Cinese. Due mesi dopo, due milioni di soldati seguirono Chiang Kai-shek in esilio a Taiwan, dove istituì un governo provvisorio che sosteneva di essere il legittimo organo di governo della Cina. Il presidente del partito comunista Mao Zedong è diventato il nuovo leader della Cina.

•  1958-1962: Il grande balzo in avanti –  Questa campagna del presidente Mao per trasformare la base agricola della società cinese in una base industriale imponeva un sistema comune che organizzava i contadini e vietava l’agricoltura privata. Il piano non è riuscito a produrre il raccolto necessario e ne è seguita la carestia, che ha portato a 56 milioni di morti, di cui 3 milioni per suicidio.

•  1966: La Rivoluzione Culturale  –  Questa campagna è stata avviata dal presidente Mao per cancellare le influenze capitaliste e tradizionali cinesi della Repubblica Popolare e introdurre la filosofia del maoismo per colmare le lacune ideologiche. Le scuole sono state chiuse e i giovani cinesi sono stati indirizzati a prendere l’iniziativa nel cambiamento, con il risultato che le bande giovanili conosciute come le Guardie Rosse hanno attaccato i cittadini indesiderati. Il caos ha portato alla legge marziale, alle purghe del Partito Comunista e a 1,5 milioni di morti.

1972: Richard Nixon visita la Cina –  Primo presidente americano a visitare la Cina mentre era in carica e primo incontro diplomatico tra i paesi dal 1949, Nixon incontrò Mao e il premier cinese Zhou Enlai, discutendo di molteplici argomenti, tra cui il commercio e una truppa statunitense ritiro da Taiwan.

•  5 aprile 1975 :  muore Chiang Kai-shek –  Dopo 26 anni che ha guidato Taiwan verso la legittimità e ha tentato di riconquistare la Cina continentale, Chiang soccombe a un attacco di cuore.

•  9 settembre 1976: Mao muore –  La morte di Mao dopo diversi attacchi di cuore pone effettivamente fine alla Rivoluzione Culturale e porta Deng Xiaoping al potere per i successivi due decenni, respingendo la cerchia ristretta di Mao conosciuta come la Banda dei Quattro. Alla fine del suo regno, Mao avrebbe supervisionato il massacro di circa 40 milioni di persone.

Un manifestante di Pechino blocca il percorso di un convoglio di carri armati lungo il Viale della Pace Eterna vicino a Piazza Tiananmen.  Da settimane la gente protesta per la libertà di parola e di stampa da parte del governo cinese.

Un manifestante di Pechino blocca il percorso di un convoglio di carri armati lungo il Viale della Pace Eterna vicino a Piazza Tiananmen. Da settimane la gente protesta per la libertà di parola e di stampa da parte del governo cinese.

Archivio Bettmann/Getty Images

•  1989: Piazza Tiananmen proteste –  Queste proteste guidate dagli studenti è cresciuto dal movimento democratico ’89 chiedendo la libertà di parola, libertà di stampa e altro ancora. Hanno guadagnato l’attenzione di tutto il mondo quando il governo ha represso violentemente i manifestanti e le immagini dei carri armati che si riversavano sugli studenti hanno ispirato una condanna universale. Almeno 300 sono morti nelle proteste.

•  1993: Progetto delle Tre Gole –  Inizia la costruzione della più grande diga idroelettrica del mondo. Proposto già nel 1920, il progetto prevedeva l’allagamento di 1.500 città e villaggi, lo sfollamento di ben 1,9 milioni di persone e la distruzione di 1.200 siti archeologici e storici. La diga entra in funzione nel 2015.

•  1 luglio 1997:  Hong Kong torna in Cina  –  In una cerimonia di mezzanotte alla presenza del primo ministro britannico Tony Blair, Hong Kong è stata restituita alla Cina dopo 156 anni. La Cina ha accettato di preservare l’economia capitalista dell’isola come parte dell’accordo di passaggio.

•  2010: Accordo quadro di cooperazione economica –  Cina e Taiwan iniziano a parlarsi ufficialmente per la prima volta, ma in seguito all’elezione di Tsai Ing-wen a presidente di Taiwan nel 2016, la Cina rescinde questi nuovi legami.

FONTI:

Storia illustrata della Cina a Cambridge. Patricia Buckley Ebrey .
Le dinastie della Cina. Bamber Gascoigne .
China Condensed: 5000 anni di storia e cultura. Ong Siew Chey .
Cosa c’è dietro il divario Cina-Taiwan? BBC .
La storia della Cina. PBS .

Gianni Ferorelli: Nixon per rieleggere il presidente nell’ufficio del Comitato nazionale democratico

Gianni Ferorelli Con il trascorrere del suo mandato, il presidente Nixon divenne sempre più paranoico e difensivo. Sebbene vinse la rielezione con una schiacciante vittoria nel 1972, si risentì di qualsiasi sfida alla sua autorità e approvò i tentativi di screditare coloro che gli si opponevano. Nel giugno 1972, la polizia trovò cinque ladri del comitato di Nixon per rieleggere il presidente nell’ufficio del Comitato nazionale democratico, situato nell’edificio per uffici del Watergate . Presto, scoprirono che lo stesso Nixon era coinvolto nel crimine: aveva chiesto al Federal Bureau of Investigation di interrompere le indagini sull’irruzione e aveva detto ai suoi aiutanti di coprire lo scandalo.

Gianni Ferorelli  Nell’aprile 1974, una commissione del Congresso approvò tre articoli di impeachment : ostruzione alla giustizia, uso improprio delle agenzie federali e sfida all’autorità del Congresso. Prima che il Congresso potesse metterlo sotto accusa, tuttavia, il presidente Nixon annunciò che si sarebbe dimesso. Gerald Ford ha assunto il suo ufficio e, con disgusto di molti americani, ha subito graziato Nixon.

This slideshow requires JavaScript.

Moda anni ’70

Gianni Ferorelli  Modelli come Jane Birkin e Jerry Hall (che ha frequentato il frontman dei Rolling Stones Mick Jagger) incarnavano lo stile degli anni ’70. Pantaloni a zampa di elefante, maxi vestiti fluenti, poncho e jeans sfilacciati dominavano la moda degli anni ’70. Tie-dye ispirato allo stile “hippie” degli anni ’60 ha continuato ad essere indossato, mentre i tessuti patchwork e plaid hanno guadagnato popolarità. Nel 1974, Diane von Furstenberg ha debuttato con il suo famoso abito a portafoglio, che incarna il desiderio di comfort e stile della moderna donna che lavora.

Musica anni ’70

Gianni Ferorelli  Dopo il Watergate, molte persone si sono ritirate del tutto dalla politica. Si sono invece rivolti alla cultura pop, cosa facile in un decennio così pieno di tendenze e di moda. Hanno ascoltato nastri di 8 tracce di Jackson Browne, Olivia Newton-John, Donna Summer e Marvin Gaye. Disco rosa e con essa i suoni degli Abba, dei Bee Gees e di Donna Summer. Sul fronte rock, band come Rolling Stones, Van Halen, Pink Floyd e Queen hanno dominato le onde radio.

Inoltre, gli anni ’70 hanno visto un ritorno di artigianato come Gianni Ferorelli  tappeti con ganci e il macramè, mentre gli sport come il racquetball e lo yoga hanno guadagnato popolarità. Molte persone leggono “Sto bene, tu stai bene” e “La gioia del sesso”, sperimentando feste di scambio di mogli e fumando erba. In generale, alla fine del decennio, molti giovani usavano la loro libertà combattuta semplicemente per fare ciò che volevano: indossare ciò che volevano, farsi crescere i capelli, fare sesso, drogarsi. La loro liberazione, in altre parole, è stata intensamente personale. 

Gianni Ferorelli In qualche modo, però, il liberalismo degli anni ’60 continuò a fiorire.

Gianni Ferorelli

In qualche modo, però, il liberalismo degli anni ’60 continuò a fiorire. Ad esempio, la crociata per proteggere l’ambiente da ogni tipo di aggressione: rifiuti industriali tossici in luoghi come Love Canal, New York; pericolosi crolli di centrali nucleari come quello di Three Mile Island in Pennsylvania ; le autostrade che attraversano i quartieri della città sono decollate negli anni ’70. Gli americani hanno celebrato la prima Giornata della Terra nel 1970 e il Congresso ha approvato il National Environmental Policy Act quello stesso anno. Due anni dopo seguirono il Clean Air Act e il Clean Water Act. La crisi petroliferadella fine degli anni ’70 ha richiamato ulteriormente l’attenzione sul problema della conservazione. A quel punto, l’ambientalismo era così diffuso che Woodsy Owl del Servizio Forestale degli Stati Uniti interruppe i cartoni animati del sabato mattina per ricordare ai bambini di “Give a Hoot; Non inquinare”.

Gianni Ferorelli

Durante gli anni ’70, molti gruppi di americani continuarono a lottare per l’estensione dei diritti sociali e politici. Nel 1972, dopo anni di campagne femministe, il Congresso approvò l’ Equal Rights Amendment (ERA) alla Costituzione , che recita: “L’uguaglianza dei diritti secondo la legge non deve essere negata o ridotta dagli Stati Uniti o da qualsiasi stato a causa di sesso.” Sembrava che l’emendamento sarebbe passato facilmente. Ventidue dei 38 stati necessari l’hanno ratificata subito, e gli altri stati sembravano subito dietro. Tuttavia, l’ERA ha allarmato molti attivisti conservatori, che temevano che avrebbe indebolito i ruoli di genere tradizionali. Questi attivisti si sono mobilitati contro l’emendamento e sono riusciti a sconfiggerlo. Nel 1977, Indiana divenne il 35° e ultimo stato a ratificare l’ERA.

Delusioni come queste hanno incoraggiato molte attiviste per i diritti delle donne ad allontanarsi dalla politica. Hanno iniziato a costruire comunità e organizzazioni femministe proprie: gallerie d’arte e librerie, gruppi di sensibilizzazione, asili nido e collettivi per la salute delle donne (come il Boston Women’s Health Book Collective, che ha pubblicato “Our Bodies, Ourselves” nel 1973), stupro centri di crisi e cliniche per aborti.

Gianni Ferorelli

Il movimento contro la guerra

Anche se pochissime persone hanno continuato a sostenere la guerra in Indocina, il presidente Nixon temeva che una ritirata avrebbe fatto sembrare gli Stati Uniti deboli. Di conseguenza, invece di porre fine alla guerra, Nixon e i suoi aiutanti escogitarono modi per renderla più appetibile, come limitare la leva e trasferire il peso del combattimento sui soldati sudvietnamiti.

Gianni Ferorelli

Questa politica sembrava funzionare all’inizio del mandato di Nixon. Quando gli Stati Uniti invasero la Cambogia nel 1970, tuttavia, centinaia di migliaia di manifestanti intasarono le strade della città e chiusero i campus universitari. Il 4 maggio, la Guardia Nazionale ha sparato a quattro studenti manifestanti durante una manifestazione contro la guerra alla Kent State University in Ohio in quella che è diventata nota come la Kent State Shooting . Dieci giorni dopo, gli agenti di polizia hanno ucciso due studenti neri che manifestavano alla Jackson State University del Mississippi. I membri del Congresso hanno cercato di limitare il potere del presidente revocando la risoluzione del Golfo del Tonchino che autorizzava l’uso della forza militare nel sud-est asiatico, ma Nixon li ha semplicemente ignorati. Anche dopo che il New York Times ha pubblicato i Pentagon Papers, che ha messo in discussione le giustificazioni del governo per la guerra, il conflitto sanguinoso e inconcludente è continuato. Le truppe americane non lasciarono la regione fino al 1973.

Gianni Ferorelli : Lo sapevate? La suffragista Alice Paul scrisse l’Equal Rights Amendment nel 1923

Questa maggioranza silenziosa portò il presidente Richard Nixon in carica nel 1968. Quasi immediatamente, Nixon iniziò a smantellare lo stato sociale che aveva alimentato tale risentimento. Ha abolito quante più parti possibile della Guerra alla povertà del presidente Lyndon B. Johnson e ha mostrato la sua resistenza ai piani di desegregazione della scuola obbligatoria come l’ autobus. D’altra parte, alcune delle politiche interne di Nixon sembrano oggi notevolmente liberali: ad esempio, propose un Piano di assistenza familiare che avrebbe garantito a ogni famiglia americana un reddito di 1.600 dollari l’anno (circa 10.000 dollari di oggi), e sollecitò il Congresso a passare un piano di assicurazione sanitaria completo che avrebbe garantito un’assistenza sanitaria a prezzi accessibili a tutti gli americani. In generale, tuttavia, le politiche di Nixon hanno favorito gli interessi delle persone della classe media che si sono sentite offese dalla Great Society degli anni ’60.

Nel corso degli anni ’70, alcune di queste persone hanno contribuito a formare un nuovo movimento politico noto come “Nuova destra”. Questo movimento, radicato nella Sun Belt suburbana, celebrava il libero mercato e lamentava il declino dei valori e dei ruoli sociali “tradizionali”. I conservatori della Nuova Destra si sono risentiti e hanno resistito a ciò che consideravano un’ingerenza del governo. Ad esempio, hanno combattuto contro le tasse elevate, le normative ambientali, i limiti di velocità delle autostrade, le politiche dei parchi nazionali in Occidente (la cosiddetta “Ribellione di Sagebrush”) e i piani di azione affermativa e di desegregazione scolastica. (Il loro anti-taxismo è emerso in particolare in California nel 1978, quando il referendum sulla Proposition 13 – “un grido primordiale del popolo contro il grande governo”, ha affermato il New York Times: ha cercato di limitare le dimensioni del governo limitando l’importo dell’imposta sulla proprietà che lo stato potrebbe riscuotere dai singoli proprietari di case.)

Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così

Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così. Negli anni ’50 e ’60, la polverosa città del deserto si stava lentamente trasformando in un centro di lusso e glamour. Leggende come Elvis Presley, Frank Sinatra e il resto del Rat Pack vagavano per la città ogni giorno. I casinò 24 ore su 24, 7 giorni su 7, le veline glamour e le luci brillanti erano così allettanti che tutti volevano anche trovare un modo per Viva Las Vegas! Dai suoi pittoreschi inizi ad oggi, Las Vegas si è guadagnata senza scuse il soprannome di Sin City. Continua a leggere per dare un’occhiata a come era veramente Las Vegas nei suoi anni d’oro.

1. A bordo piscina a El Rancho

Iniziamo facendo un viaggio a Las Vegas negli anni ’40. Stava rapidamente diventando un parco giochi per ricchi e famosi, così come per chiunque volesse divertirsi un po’. Nella foto qui ci sono alcune bellezze al bagno che fanno un tuffo nella piscina dell’hotel El Rancho.

Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così
Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così

Ivan Dmitri/Michael Ochs Archives/Getty ImagesLa foto è stata scattata durante l’estate del 1942. Sebbene il mondo fosse in guerra, questi bagnanti e i loro compagni di vacanza sembrano avere altre cose per la testa (e per la testa). C’è un buon motivo per cui si chiama vacanza!

2. Le affascinanti sorelle Gabor

Da Elvis Presley a Liberace, Las Vegas è stata il terreno fertile per alcuni degli artisti più talentuosi e famosi del mondo. Ma non dimenticare: Sin City non era solo per gli uomini, era anche per le donne. Incontra le famose e glamour sorelle Gabor, nella foto qui all’Hotel Last Frontier nel 1955

sorelle gabor las vegas

Immagini AFP/Getty

Erano un trio di bellissime attrici e persone mondane che originariamente provenivano dall’Ungheria ma si erano fatte un nome a Hollywood. Zsa Zsa è nel mezzo, Magda è a destra ed Eva è a sinistra.

3. Brigitte Bardot

Immagina di camminare per Fremont Street e di avvistare una delle donne più belle del mondo. Quella era esattamente la scena in cui la sirena dello schermo senza fiamma Brigitte Bardot è stata avvistata lì con il suo nuovo marito, il ricco e alla moda industriale tedesco Gunther Sachs Von Opel, nel 1966.

Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così
Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così

Bettmann / Collaboratore / GettyImages

I due sono volati a Las Vegas e si sono scambiati i voti in una cerimonia a sorpresa, a dimostrazione che Las Vegas è il posto giusto per le nozze veloci e con i piedi per terra. Nata nel 1934, Brigitte Bardot ha recitato in circa 26 film dagli anni ’50 agli anni ’70 ed era anche una cantante affermata.

 

4. Una notte di follie

Cosa sarebbe una visita a Las Vegas senza un bello spettacolo? Dopo una giornata mite di bevande a flusso libero, buffet deliziosi e tanto gioco d’azzardo, assistere a uno di quei famosi spettacoli di Las Vegas come questo era il modo perfetto per rilassarsi.

Gianni Ferorelli:
Gianni Ferorelli: Las Vegas è una delle città più famose al mondo, ma non è sempre stato così

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

Nella foto qui ci sono le showgirl del Folies Bergére al casinò e hotel Tropicana negli anni ’70. Stabiliscono il gold standard per gli spettacoli stravaganti ed esagerati di Las Vegas che abbiamo imparato a conoscere e ad amare.

 

5. Pacchetto di ratti in azione

Fino ad oggi, il Rat Pack incarna il vero cool di Las Vegas, il tipo che trasudava dalla città tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni ’60. Nella foto qui da sinistra a destra sono Peter Lawford, Frank Sinatra, Dean Martin, Sammy Davis Jr. e Joey Bishop.

Gianni Ferorelli:
Gianni Ferorelli:

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

È difficile immaginare di essere in grado di avvicinarsi così tanto a superstar così iconiche, ma purtroppo era un’altra epoca. E che epoca era! Basta guardare i sorrisi ardenti su quei volti affascinanti. È stata sicuramente una buona serata.

 

6. Ciao, El Marocco!

Al giorno d’oggi, l’idea di un matrimonio veloce ed economico a Las Vegas è una cosa ben nota, ma negli anni ’40 era qualcosa di nuovo ed eccitante. Le celebrità raffigurate qui volevano assolutamente prendere parte all’eccitazione che ribolliva in questa città un tempo assonnata.

Gianni Ferorelli:
Gianni Ferorelli:

Keystone/immagini Getty

Qui viene mostrato il matrimonio della sirena dello schermo Betty Grable e del leader della band Harry James il 14 luglio 1943. Se grandi star stavano arrivando a Las Vegas, questo potrebbe essere solo un buon segno delle cose a venire.

 

7. La regina del rock and roll

Abbiamo sentito parlare di Elvis Presley, il re del Rock and Roll, ma ecco la regina del Rock and Roll, Lillian Briggs. Ha avuto un grande successo nei primi anni ’50 come una delle prime rockstar femminili e ha spazzato via la folla quando ha fatto spettacoli a Las Vegas.

Wikimedia Commons / Collezione privata di Lee Schiller dalla galleria di fotografie di Lillian Briggs Il suo singolo di debutto, “I Want You To Be My Baby” è stato un grande successo, vendendo un milione di copie. Durante gli anni ’50, Briggs si esibì a Las Vegas, dove era anche estremamente popolare. In questa rara foto del 1958, ha visto una feroce esibizione al Sands Hotel.

8. Dietro le quinte con i ballerini

Questa foto è stata scattata nel 1958. Offre allo spettatore un raro scorcio dietro le quinte di uno dei ballerini accanto all’attrice Kitty Dolan. Questo particolare artista si stava preparando per uno di quegli spettacoli caratteristici di Las Vegas, in questo caso al Tropicana Hotel.

las vegas

Hy Peskin/Getty Images

Prima di esibirsi per centinaia di ospiti, questa intrattenitrice è stata mostrata mentre effettuava alcuni aggiustamenti e modifiche dell’ultimo secondo al suo abbigliamento. In pochi minuti, sarebbe apparsa davanti a un pubblico affollato e avrebbe regalato loro lo spettacolo di una vita con le sue compagne di spettacolo.

9. Evel Knievel

Prima che i ragazzi di Jackass iniziassero a filmare tutte le loro acrobazie selvagge per MTV, Evel Knievel era l’ultimo temerario. Nella foto qui nel 1967, Knievel ha cercato di saltare sopra le fontane del Caesars Palace a Las Vegas.

Gianni Ferorelli:
Gianni Ferorelli:

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

Il salto era di circa 141 piedi e Knievel non ce l’ha fatta. Knievel si è schiantato ed è rimasto in coma per 28 giorni. Ma allora cosa? L’acrobazia fallita e il conseguente coma hanno reso Knievel più famoso che mai. E la fama non è ciò per cui tutti vivono?

10. Vegas Vic

Vedi quel tipo al centro? Probabilmente hai visto questo grande cowboy al neon molte volte nei film e in TV. Si chiama Vegas Vic e faceva parte dell’insegna per il Pioneer Club, un casinò e cocktail bar sulla strip di Las Vegas che ha aperto nel 1942.

Gianni Ferorelli:
Gianni Ferorelli:

Jean-Marc LOUBAT / Gamma-Rapho via Getty Images

Vegas Vic è nato quando è stato progettato come la mascotte del Pioneer nel 1947. La famosa insegna al neon ha cambiato per sempre il paesaggio di Las Vegas quando è stata eretta nel 1951 ed è rimasta lì fino ad oggi, anche se il casinò ha chiuso nel 1995. è stata restaurata nel 1998 dopo che l’area è diventata un percorso pedonale coperto.

11. Amici talentuosi

Questa immagine raffigura un raro incontro tra due dei più grandi artisti del mondo del suo tempo: Elvis Presley e Liberace. Dal 1969 al 1976, Elvis ha suonato 636 spettacoli sold out negli hotel di Las Vegas . Nel frattempo, Liberace ha mantenuto una presenza costante sulla striscia di Las Vegas dagli anni ’50 agli anni ’70.

las vegas elvis liberace

Archivio Hulton/immagini Getty

Presumibilmente questa foto è stata scattata nel 1955 quando Liberace ha fatto il check-in per vedere esattamente cosa stesse combinando il Re del Rock and Roll al Frontier Hotel. In precedenza, Presley si era fermato per assistere a uno spettacolo di Liberace al Riviera Hotel.

 

12. Elvis in azione

Questa foto cattura Elvis Presley in azione. Qui è stato visto esibirsi al Las Vegas International Hotel. Il mese era agosto e l’anno 1969. Il Las Vegas International Hotel prenotò Presley per quattro settimane per la somma di circa mezzo milione di dollari.

las vegas elvis chitarra

Foto internazionali/Getty Images

Dopo un debutto strabiliante, l’hotel ha deciso di firmare con Elvis Presley un contratto di cinque anni, pagando $ 1 milione all’anno. Sarebbe l’equivalente di circa $ 6,5 milioni in dollari di oggi e un totale di oltre $ 32 milioni in cinque anni!

 

13. Amore a Las Vegas

Non tutti quelli che si sposano a Las Vegas sono spontanei. In effetti, alcune persone molto equilibrate hanno scelto di sposarsi a Sin City, inclusi i famosi attori sensibili Paul Newman e Joanne Woodward. Sembrano così innamorati!

paul newman joanne woodward matrimonio las vegas

Archivio Hulton/immagini Getty

Qui sono raffigurati il ​​giorno del loro matrimonio, il 29 gennaio 1958. La coppia è rimasta insieme per più di 50 anni fino alla morte di Newman nel 2008. Hanno decisamente contrastato la tendenza al divorzio di Hollywood e Las Vegas!

 

14. Las Vegas negli anni ’50

Questa è la strada principale di Las Vegas negli anni ’50. Nella foto qui ci sono il Golden Nugget, il Lucky Strike Club e il famigerato Hotel Apache. La vista è su Fremont Street, che ancora oggi incarna lo sfarzo dell’età dell’oro di Las Vegas.

hotel di las vegas

Gene Lester/Getty Images

Se le persone negli anni ’50 pensavano che queste luci fossero luminose e abbaglianti, probabilmente sarebbero state spazzate via dalle luci che brillano oggi a Las Vegas… ma anche dai cambiamenti. Ad esempio, da allora questa particolare strada è stata recintata e trasformata in un’area pedonale.

15. La locanda del deserto

Il Desert Inn è stato aperto per la prima volta nel 1950 a Paradise, in Nevada, più o meno nello stesso periodo in cui è stata fondata la città non incorporata. Un anno dopo, nel 1951, Frank Sinatra iniziò ad esibirsi lì, dando all’hotel e al casinò una visibilità tanto necessaria.

segno di las vegas

Archivi Underwood/Immagini Getty

Il Desert Inn è riuscito a rimanere in attività per quasi cinque decenni interi. Per molti anni, un’aggiunta successiva al complesso ha detenuto il titolo di edificio più alto della striscia di Las Vegas. Ma il nuovo millennio non è stato gentile con il Desert Inn. Nel 2000, il Desert Inn è stato demolito.

 

16. Hotel di Bugsy Siegel

No, questo non è un set cinematografico creato per un film perfetto su Las Vegas. Questa è una foto reale dell’ingresso originale del Flamingo Hotel, come mostrato su una delle cartoline dell’hotel. È stato il primo hotel di lusso sulla strip quando è stato aperto nel 1946

fenicottero dell'hotel di las vegas

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

Il Flamingo Hotel è stato finanziato dal mafioso di fama mondiale Bugsy Siegel e dai suoi soci, che si spacciavano per uomini d’affari. Sono riusciti ad acquistare una quota di due terzi dell’hotel dal proprietario originale. Si dice che l’hotel prende il nome dalla fidanzata di Siegel, Virginia Hill, le cui gambe lunghe e magre portano al soprannome di “Flamingo”.

 

17. La piscina più grande

Quando il resort Stardust aprì le sue porte nel 1958, poteva dichiarare con orgoglio che mirava a diventare un vero centro di intrattenimento che alla fine tutti gli hotel della zona aspiravano a essere. Non solo aveva un hotel, il resort ospitava anche un casinò e quella che un tempo era la più grande piscina di tutta Las Vegas.

hotel polvere di stelle di las vegas

Earl Leaf/Michael Ochs Archivi/Getty Images

Ha ospitato lo spettacolo del Lido di Parigi e Sigfried & Roy. Per un po’, John Factor, un famoso gangster noto anche come John the Barber, possedette il comune e in seguito Howard Hughes cercò di acquistarlo per $ 30 milioni nel 1966. Purtroppo, fu demolito nel 2007, insieme ai fuochi d’artificio di accompagnamento.

 

18. Innovativo per il suo tempo

L’Hotel Apache è stato costruito per la prima volta nel 1932, quando Herbert Hoover era presidente e la Grande Depressione stava deprimendo tutti. Mentre l’America stava vacillando, nei primi giorni l’Hotel Apache stava creando un’esperienza unica per tutti i visitatori della strip di Las Vegas.

las vegas

Hy Peskin/Getty Images

L’Hotel Apache non solo disponeva di finestre in vetro colorato, ma era anche il primo hotel di Las Vegas ad avere un ascensore. L’esterno dell’edificio esiste ancora, ma è attualmente nascosto dietro la grande insegna turchese avvolgente per l’hotel e il casinò di Binion.

 

19. Salve Podner

Chiunque abbia visitato il Pioneer Club è stato accolto da questo cowboy fumatore di sigarette di nome Vegas Vic. Il segno era leggendario e ancora in circolazione fino ad oggi, anche se il Pioneer Club non lo è. Era conosciuto come Howdy Podner (perché è così che direbbe “partner”).

cowboy di las vegas

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

Anche il Pioneer Club era un posto epico. Sia che tu volessi giocare alle tre del pomeriggio o alle tre del mattino, il club era lì per te. Al Pioneer Club, il gioco d’azzardo era disponibile 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana.

 

20. Las Vegas, stile aereo

Questa è una foto aerea di Las Vegas. È stata scattata nel 1968, quando Las Vegas era più calma del caos, più potenziale del pandemonio. C’era ancora molta azione, ma non era ancora la vera Sin City che le persone di tutto il mondo incontrano oggi.

veduta aerea di las vegas

Charles E. Rotkin Corbis VCG tramite Getty Images

Da questa veduta aerea, lo spettatore può vedere cosa stava per diventare Las Vegas. Lo spettatore ha la sensazione che la città stia guadagnando terreno e che l’industria dei resort sia sicuramente una caratteristica redditizia della città. Come avevano ragione!

 

21. Las Vegas piccola città

Dove sono tutti i casinò torreggianti? Le luci grandi e luminose? Le strade piene di giocatori d’azzardo, turisti e semplici vecchi amanti del piacere? Per quanto sia difficile da credere, questa era Las Vegas nel 1905 e nella foto è una delle strade più famose della città, Fremont Street.

striscia di las vegas

Donaldson Collection/Michael Ochs Archives/Getty Images

Non somiglia molto all’epicentro dell’oscenità. Sembra più l’affascinante strada principale di qualsiasi piccola città d’America. Ben presto, tuttavia, questa città relativamente tranquilla si sarebbe trasformata nella capitale dell’illegalità.

 

22. Elvis in pratica

Gli spettacoli di Elvis Presley erano spettacolari e unici nel loro genere, ma non è che Elvis sia appena uscito dal letto e sul palco. La grandezza degli spettacoli di Elvis deriva da un sacco di pratica ed ecco uno scorcio di una di quelle sessioni estenuanti.

Elvis Presley

Immagini PA tramite Getty Images

Questa immagine mostra Presley che si esercita con la sua band nel luglio del 1970 durante il primo anno del suo contratto quinquennale al Las Vegas International Hotel. Non è stato sicuramente un programma di lavoro facile, nemmeno per lui.

 

23. Las Vegas prima di Las Vegas

Las Vegas nel 1906 (quando questa foto è stata scattata) era molto lontana da Las Vegas nel 1956, e certamente niente come Las Vegas nel 21° secolo!

las vegas

Bettmann / Collaboratore / Getty Images

Qui, Las Vegas è solo una piccola città nel selvaggio West. Non troverai alcun gioco d’azzardo qui (almeno, non il tipo di casinò). Ma troverai un posto dove fare il bucato e una farmacia.

 

24. Ci vediamo dopo, Landmark Tower

Nel 1960, il costruttore di Kansas City Frank Carroll acquistò il terreno che sarebbe diventato la sede della Landmark Tower. Carroll sperava di costruire la struttura più grande di Las Vegas, ma i soldi e i problemi di costruzione lo ostacolarono. Nove anni dopo, dopo che Howard Hughes acquistò l’edificio, venne finalmente aperta la Landmark Tower.

las vegas

JOHN GURZINSKI/AFP/Getty Images

Il Landmark conteneva 400 slot machine e 476 stanze. Diceva che era l’edificio più grande di Las Vegas, ma non lo era. Quell’onore è andato al Las Vegas International Hotel. Ma il Landmark ha avuto molti altri onori, inclusa l’apparizione nel film sulla mafia di Las Vegas di Martin Scorsese , Casino . Nel 2003, il Landmark Hotel è stato demolito

This slideshow requires JavaScript.