Tag: libri

“Le Recensioni Ignoranti” il primo podcast sui libri di Giulia Papalia

Dal 16 maggio 2022 sarà disponibile su tutte le piattaforme di streaming digitale “LE RECENSIONI IGNORANTI” (Blackcandy Produzioni), il primo podcast di GIULIA PAPALIA.

Un nuovo podcast, un percorso culturale multimediale con l’ambizione di diventare un talk itinerante, parlare di libri con spontaneità e leggerezza in modo non accademico.

Una formula nuova per parlare di libri con un sorriso e in modo non ingessato, perché proprio non può fare a meno di mettere il naso sulla carta. Le puntate avranno una durata fino a 8 minuti a cadenza bisettimanale.

Spiega Giulia a proposito del format: “Nella vita di ognuno arriva prima o poi quel momento in cui siamo troppo logorroici, troppo felici, troppo paranoici o lamentosi anche per chi ci ha sempre voluto bene. Di certo non sono io quella che si sostituisce a loro, non ne ho né tempo né voglia e poi chi vi conosce, ma con questo podcast vorrei trovare una soluzione salvifica che ovvia al problema di dover tediare amici e parenti. I libri sono un mezzo incredibile se usati con criterio: possono risollevare gli animi, gettare nello sconforto, accendere l’adrenalina, rispondere a domande che neanche sapevamo di avere e farcene di nuove (mannaggia), ci danno un La, ci divertono, ci riportano indietro nel tempo e un sacco di altre cose belle (ma pure brutte). Eccallà, la soluzione: vorrei semplicemente dare un’idea, un perché sì (un perché no), una situazione in cui leggere quel determinato libro può essere una finestra per un dialogo con sé stessi invece che sfrantumare in mille minuscoli pezzi le gonadi degli altri, oppure convincervi che se le cose vanno alla grande perché dovete andare a pescare libri motivazionali – in caso contrario la responsabilità non è mia. Roba breve, senza pretese, ma soprattutto senza volermi spacciare per una critica d’alto rango; quando veniva distribuita l’abilità letteraria io ero in fila da lampredottaro: sono venuta su con qualche disagio nell’eleganza, ma com’era bòno quel panino.”

Calendario puntate “Le Recensioni Ignoranti”

“Le non cose” di Byung Chul Han (16 maggio), “Vita mortale e immortale della bambina di Milano” di Domenico Starnone (30 maggio), “I miei stupidi intenti” di Bernardo Zannoni (6 giugno), “Quando abbiamo smesso di capire il mondo” di Benjamin Labatut (13 giugno),

“Morsi” di Marco Peano (27 giugno), “Nova” di Fabio Bacà (11 luglio), “Niente di vero” di Veronica Raimo (25 luglio), “Dove sei, mondo bello” di Sally Rooney (8 agosto), “Fedeltà” di Marco Missiroli (22 agosto), “Il pedante in cucina” di Julian Barnes (5 settembre), “Il sesso che verrà” di Katherine Angel (19 settembre), “Come annoiarsi meglio” di Pietro Minto (3 ottobre)

Biografia

Giulia Papalia, fiorentina, classe ‘93. Avvicinatasi alla lettura quasi per caso, trova nei libri sempre nuovi spunti riflessivi che aprono inevitabilmente infinite prospettive: dallo sconforto al presobenismo, dalle risposte a nuove domande. Ed è proprio tra queste nuove domande che le è stato proposto di parlare di libri in un podcast; in un primo momento la risposta è stata un no categorico, poi in virtù di quelle prospettive si è chiesta: perché no?

Instagram Le Recensioni Ignoranti | Instagram Giulia Papalia

Riccardo Riccardi presenta a Matera il libro “Lucania Felix”

Venerdì 29 aprile, alle ore 18, nella sala convegni della Camera di Commercio di Matera – via Lucana 82 – sarà presentato il libro di Riccardo Riccardi “LUCANIA FELIX” (LILIT BOOKS); un evento patrocinato dal Circolo Culturale “LA SCALETTA” e dai tipi “LILIT BOOKS”.

Saluterà e introdurrà il Presidente del Circolo “La Scaletta”, Paolo Emilio Stasi; modererà la Responsabile gruppo di lavoro Autori ed Editori, Anna Pagliei, la quale converserà con il ricercatore del Politecnico di Bari, Marco Bronzini, e con l’autore del libro, Riccardo Riccardi.  Letture a cura di Loredana Bianco.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti-covid e in piena sicurezza. Per l’accesso all’evento sarà necessario essere muniti di green pass e mascherina FFP2, secondo le disposizioni vigenti.

Il libro di Riccardo Riccardi, che gode di una presentazione della storico lucano Giampaolo D’Andrea, è dedicato totalmente a quaranta borghi della Basilicata – tra cui spiccano centri abitati come Potenza, Matera, Montescaglioso, Craco, Venosa, Rivello, Viggianello etc. – che trasudano di bellezze artistiche e architettoniche ma anche di una storia locale e regionale affidata a numerose famiglie e personaggi che hanno costruito  il tessuto sociale e culturale del territorio.

Riccardo Riccardi non crede all’esistenza di verità storiche stabilite una volta per tutte. I cambiamenti inizia a cercarle all’interno di gruppi sociali e di famiglie che diventano oggetto di interpretazioni e frammenti che delineano fonti di conoscenze impensabili.

La ricerca di Riccardi si arricchisce – assemblando sapientemente fonti storiche sia pubbliche che private e realtà turistiche lucane di grande suggestione – di scatti fotografici di grande interesse e, perciò, di sapide zoomate nel passato che non appagano solo la curiosità dell’occhio, ma invitano ad andare oltre la superficie facendosi guidare da espressioni, pose, gestualità che si autorappresentano e che costituiscono un gioco di specchi alla scoperta di una classe dirigente capace di sottrarre l’egemonia feudale e costituirsi in quella borghese che ha saputo guardare al cambiamento e alla modernità.

Riccardo Riccardi, saggista e giornalista barese, studioso di Storia economica e sociale del Mezzogiorno in età moderna e contemporanea, da anni indaga sugli aspetti poco analizzati della storia pugliese e lucana e, chiaramente, del Mezzogiorno d’Italia. Ha pubblicato: I Pomarici – Storia di un’antica famiglia meridionale, Levante Editore, Bari 2003 e 2006; L’impresa di Felice Garibaldi e il Risorgimento in Puglia(1835-1861), Congedo Editore, Galatina 2007 e 2010; Album Lucano – Famiglie, personaggi e immagini ritrovate, Antezza Editore, Matera 2008; Una famiglia borghese meridionale – I Porro di Andria, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli 2013; Spezierie e Farmacia in Terra di Bari, Adda Editore, Bari 2015; Riscatto materano – La vocazione del “fare” della borghesia cittadina, Les Flaneurs Edizioni, Bari 2018; Matera – Breve storia della città dei “Sassi”, Les Flaneurs Edizioni, Bari 2018; La Dinastia Ulmo – Un viaggio sospeso nel tempo tra Matera, Taranto, Martina Franca, Castellaneta, Locorotondo, Ottaviano e Napoli, Edizioni dal Sud, Bari 2019; Lucania Felix, Lilit Books, Montescaglioso 2021; Puglia, Viaggio nelle dimore storiche, Adda Editore, Bari 2021. Collabora con le riviste storiche ed economiche: “Risorgimento e Mezzogiorno” del Comitato di Bari dell’Istituto per la Storia del Risorgimento; il magazine dell’associazione internazionale Wine Fashion Europe; il quotidiano “La Gazzetta del Mezzogiorno”.

“Dopo?” Cristina Leone Rossi e il lancio del suo nuovo progetto letterario

Cristina Leone Rossi, autrice del romanzo Non trovo più parole (edito da bookabook e pubblicato nel maggio del 2021) attualmente è impegnata nella campagna crowfunding con il nuovo romanzo “Dopo?” e sono cento i giorni disponibili per arrivare al raggiungimento di almeno 200 pre-ordine, che serviranno a raggiungere la pubblicazione effettiva del romanzo.

Ph. Paolo Palmieri

Intanto siamo andati a fare due chiacchiere con lei per avere alcune delucidazioni ulteriori in merito a questa sua importante iniziativa.

Cristina, quando è avvenuto il lancio del tuo nuovo progetto letterario?

Il 10 dicembre del 2021, alle ore 18.30 presso il ristornate Tomà (ristornate del cantante Tommaso Paradiso, a Roma in via Pompeo Magno 12c), si è tenuto il lancio del mio nuovo progetto letterario, in campagna crowfunding per la casa editrice di bookabook: “Dopo?” 

Chi era presente all’evento di un mese fa?

C’era l’attore Andrea Venditi, che ha dato voce a diversi brani tratti dal romanzo, e Rosaria Cianciulli, attrice, a dialogare con me. Un numero ristretto di invitati erano presenti all’evento dal momento che si trattava di un lancio, di un’anteprima.

Ph. Paolo Palmieri

Come funziona nella pratica il crowfunding?

Il romanzo per essere pubblicato deve avere il sostegno dei lettori, che leggendo le prime dieci pagine disponibili sul sito di bookabook potranno effettuare il pre-ordine e far in modo che il romanzo arrivi al raggiungimento della pubblicazione e finire negli scaffali.

Ph. Paolo Palmieri

Qual’è il link dove accedere per preordinare il libro?

Questo è il link:

Dopo?

Ci racconti la trama?

“Dopo?” è la storia di due anime di carta che si ritrovano prima ancora di incontrarsi, a scriversi. È una storia d’amore che nasce inaspettatamente, coinvolgendo due persone profondamente lontane e diverse, a partire dal dato anagrafico. I protagonisti, Sonia e Fabio, si ritrovano innamorati ed alle prese con la difficoltà che questo amore comporta a loro ed alle loro vite così agli antipodi. Fabio ha raggiunto i quaranta, Sonia ancora vent’enne. Fabio professore e poeta, Sonia alla ricerca di sé stessa.

Va detto che la bella autrice veneta è anche una talentuosa attrice ed è stata presente sul Carpet della Mostra del Cinema di Venezia e, di recente, ha calcato il tappeto rosso alla festa del Cinema nella Capitale. Al link seguente il suo scatto opera di Getty Images: https://www.gettyimages.ca/detail/news-photo/cristina-leone-rossi-attends-the-red-carpet-of-the-movie-news-photo/1347301312BIOGRAFIA. Cristina Leone Rossi è nata il 25 aprile 1998. Ha ballato per quattordici anni, ama la musica, studia recitazione a Roma ed è iscritta al Dams all’università RomaTre. Sulla sua passione per la scrittura l’autrice afferma: «Niente è scrittura. Niente è letteratura. Ma tutto può diventarlo se è l’unica cosa che ti permette di rendere reale l’invenzione, di rendere credibile la finzione. Esserne l’artefice è un privilegio per il quale sono disposta a spendere ogni energia ed ogni giorno di vita che mi è concesso».

MOSBY EUGENIO BOLLANI: Disponibile su Amazon il quinto libro “C’erano Rossini, l’amico di Leopardi e Tolentino” e il nuovo libro per il Natale 2021

Già disponibile il quinto libro di MOSBY EUGENIO BOLLANI su Amazon sia in formato Kindle che fisico con copertina flessibile, con una sorpresa, infatti trovate anche il libro per il Natale 2021 “C’erano Rossini, i Re Magi e il Presepio”.

Nella quinta avventura “C’erano Rossini, l’amico di Leopardi e Tolentino”, Francesco Rossini e Ginevra Conti sono chiamati da alcuni amici nelle Marche per realizzare un video tratto dalla sceneggiatura scritta da Angelo Laporta l’anima saggia e siciliana del caleidoscopio di amicizie che compone la “Banda Rossini”. Come sempre qualche cosa non va come deve andare, ma l’intuito e l’osservazione di Francesco porterà questa volta ad una sorprendente soluzione. Nel frattempo nei giorni marchigiani, Francesco si innamorerà del Ciauscolo, dei Vincisgrassi, di una focaccia d’Este e di un Serrapetrona, un rosso da far perdere la testa. Ma non solo, scoprirà come sono fatte le mascherine del Covid, tornerà a stupirsi a Recanati, della poesia di Giacomo Leopardi e di quel desiderio di infinito che lo ispirerà nella soluzione dell’ennesimo inghippo. Ma non è tutto, il grande Circus Rossiniano, sarà popolato da giovani millennials, attrici affascinanti, angeli che portano case, droni che portano cibo, elicotteri che portano amici, il fido amico Bond e da Max Borghese un tizio che porta la bombetta. Tutto sotto gli occhi verdi della bellissima Ginevra e del tostissimo Comandante Marida della stazione dei Carabinieri di Tolentino. Si aggiunga per finire San Nicola, un cagnolino, un Ponte del Diavolo e l’avventura è presto servita.

Ma c’è di più… per Natale Mosby Eugenio Bollani ha scritto un racconto speciale sul Natale. Il protagonista di questa nuova avventura di Francesco Rossini è il presepio perché a Montanea sull’altipiano della Paganella, si è deciso di organizzare un grande presepe vivente. E questa è l’occasione per Francesco e i suoi amici di scoprire tutti i grandi segni e significati di quell’istantanea che racconta il grande incontro nella storia tra Dio e l’uomo. E quindi, perché i Re Magi sono tre, perché c’è il bue e l’asinello, perché luna lavandaia, perché ci sta un pastore che dorme in mezzo a tutti quei canti angelici? Ecco, dentro questa piccola grande avventura che ha per titolo: “C’erano Rossini, i Re Magi e il Presepio” anche questa volta, Francesco inciamperà in una statuina che generalmente non è rappresentata ovvero la statuina del male. Riuscirà a toglierla dal presepio?

Mosby Eugenio Bollani è nato un 29 febbraio di sedici compleanni fa (li fate voi i conti…). Creativo, videomaker, regista, papà, nonno. Amante delle montagne trentine e dei cannoli siciliani. Nel suo curriculum si leggono nomi di agenzie pubblicitarie, case editrici, emittenti radio televisive. È stato uno dei primi dj delle “prime” radio libere, il primo creativo italiano a fare un videoclip musicale, tra i primi a usare giornalisti come testimonial delle proprie testate. Ha lavorato come buon secondo accanto a famosi imprenditori che si occupavano dalla televisione alle t-shirt. Ha realizzato spot per il sociale, per delle robe da vestire e anche da mangiare. Ha seguito tre Sanremo per la prima radio italiana in televisione. Ha realizzato video reportage su opere no-profit dall’Argentina alla Sicilia, ha firmato la regia di un docu-film su Pavarotti e su opere teatrali con protagonisti abili e disabili. Crede che si debba sempre imparare qualcosa di nuovo…

Pubblica nel 2021 5 libri gialli e il giallo di Natale “C’erano Rossini, i Re Magi e il Presepio”.

 

https://www.giallosapevo.it/

https://www.facebook.com/EugenioBollaniGiallosapevo

 

 

“Il paese dei libri” a Montescaglioso dal 28 al 30 luglio

IL PROGRAMMA DEL PAESE DEI LIBRI DI MONTESCAGLIOSO

Peppone Calabrese, Dino Paradiso, Michele Cucuzza, Domenico Bennardi, Vincenzo Zito, Piero Marrese,  Franco Arminio, Fabio De Nunzio “già Striscia la Notizia”, Giuseppe Garibaldi, Alina Liccione, Carlo Calcagni, Giampiero Pepe, Fabrizia Dentice di Frasso, Marcello Vernola, Massimo De Salvo, Paolo Emilio Stasi, Lydia Deiure, Alfredo De Giovanni, Antonella Daloiso, Ugo Patroni Griffi, Antonio Maria Vasile, Enzo Montemurro, Federico Valicenti, don Basilio Gavazzeni, Bianca Tragni, Michele Marolla, Massimo Salomone, Pierluigi Rossi e tanti altri    

Apriranno la sesta edizione della manifestazione culturale “ IL PAESE DEI LIBRI” – in programma dal 28 AL 30 LUGLIO a Montescaglioso −  i sindaci di Montescaglioso e di Matera  Vincenzo Zito e Domenico Bennardi − che, intervistati dal giornalista Serafino Paternoster, saluteranno in video-conferenza il ministro Dario Franceschini il quale taglierà il nastro di partenza della kermesse culturale lucana diventata ormai un “must” dell’estate montese e lucana grazie ad un parterre di ospiti che ogni anno cresce e un programma che promette di essere coinvolgente, stimolante e semplicemente unico. Rappresentanti di mondi diversi che porteranno alla manifestazione Il Paese dei Libri un  proprio prezioso bagaglio di conoscenze ed esperienze.

Il 28 luglio saranno presenti il presidente della provincia di Matera, Piero Marrese, che dialogherà con il giornalista Michele Marchitelli; l’avvocato e docente universitario, Marcello Vernola, che converserà con il docente universitario Michele Perniola; il magistrato Lydia Deiure che dialogherà con l’avvocato Nicola Buccico; la scrittrice Bianca Tragni che converserà con il giornalista Michele Loconsole; lo scrittore Vincenzo Viti  che chiacchiererà con il giornalista Filippo Radogna: lo chef stellato Federico Valicenti che dialogherà con il giornalista Michelangelo Ferrara; il sacerdote anti-usura Basilio Gavazzeni che converserà con il giornalista Michele Loconsole; la giornalista e scrittrice Antonella Daloiso che dialogherà con il direttore  “Don Tonino Bello”, Geny Palmiotti; la presidente del Women’s Fiction Festival di Matera, Mariateresa Cascino, che chiacchiererà con la giornalista Paola Saraceno; l’artista Michele Volpicella che converserà con lo storico dell’arte del Circola La Scaletta, Edoardo Delle Donne; il sindaco di Craco, Vincenzo Lacopeta, che dialogherà con il giornalista Salvatore Verde; l’imprenditore Nunzio Di Mauro che chiacchiererà con il giornalista Filippo Radogna; la scrittrice Cinzia Cofano che dialogherà con Luisa Artuso; la vice presidente della Fondazione Sassi,  Sissi Ruggi, che converserà con la giornalista Paola Saraceno; la scrittrice Giuseppina Sinatra che converserà con lo studioso Pierluigi Moliterni; lo scrittore Alfredo Annicchiarico che dialogherà con la scrittrice Cinzia Cofano; il responsabile scientifico della Casa delle Tecnologie emergenti di Matera, Giampiero Pepe, che dialogherà con il giornalista Serafino Paternoster; l’assessore al turismo Elisabetta Chieca e l’assessore alla cultura Raffaella Carlucci del Comune di San Fele che dialogheranno con il giornalista Salvatore Verde; le editrici Anita Carolina Paolicchi per presentare “Mediterraneo al Centro”; Paolo Emilio Stasi e Edoardo Delle Donne del Circolo della Scaletta e il già primario Angelo Andriulli che presenteranno le attività del Circolo la Scaletta e un report sulla rete ospedaliera in Basilicata.

 Il 29 luglio parteciperanno: l’attore lucano Dino Paradiso con un suo spettacolo evento; il giornalista e scrittore Michele Cucuzza che dialogherà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione;  il poeta Franco Arminio che converserà con l’avvocato Cristina Contuzzi; l’attore, scrittore e presidente dell’Associazione “Bullismo No Grazie” Fabio De Nunzio che dialogherà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione:; il già sindaco di Matera Raffaello de Ruggieri che dialogherà con il giornalista Rossano Cervellera; il  giornalista e scrittore Michele Marolla che chiacchiererà con la scrittrice Antonella Capaldi; il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e Console Onorario Svizzera, Ugo Patroni Griffi, che dialogherà con il giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Donato Mastrangelo; la principessa e imprenditrice Fabrizia Dentice di Frasso che converserà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione; il  vicepresidente Aeroporti di Puglia Antonio Vasile che chiacchiererà con  la giornalista Sissi Ruggi; il  presidente Confapi  Matera Massimo De Salvo che dialogherà con il giornalista Michele Brucoli; lo scrittore Antonello Maselli che dialogherà con il grafico Andrea Romagnuolo; lo scrittore e guida turistica Enzo Montemurro che converserà con la consulente turistica Giovanna Parisi il presidente sez. Industrie Basilicata Enzo Antezza che dialogherà con  la giornalista Sissi Ruggi; lo scrittore Rocco Giorgio che converserà con il presidente della cooperativa Allevatori Nunzio Di Mauro  e  con il dirigente generale del Dipartimento Politiche Agricole Donato Del Corso; la scrittrice Francesca Palumbo che dialogherà con Michela De Nicola; il presidente del Parco archeologico storico naturale delle chiese rupestri del Materano Michele Lamacchia che converserà con il giornalista Michele Brucoli; lo scrittore e console onorario Pierluigi Rossi che dialogherà con il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Ugo Patroni Griffi; il manager di Milano Antonio Mirizzi che converserà con la giornalista Sissi Ruggi; la direttrice del Museo Nazionale di Matera Anna Maria Mauro che dialogherà con il direttore creativo Tilt Rocco Calandriello; l’ematologa Loredana Battista che dialogherà con il medico chirurgo ematologo Alberto Fragasso; il coordinatore Turismo Confindustria Puglia Massimo Salomone che chiacchiererà con il giornalista  Michele Brucoli; lo scrittore Alfredo De Giovanni che dialogherà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione.

Il 30 luglio, infine, saranno presenti: il colonnello Carlo Calcagni che dialogherà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione; l’attore e regista teatrale Ulderico Pesce che dialogherà con l’insegnate e divulgatrice culturale Margherita Lopergolo;  il presidente e amministratore delegato di Acquirente Unico S.p.A. Filippo Bubbico che converserà con il giornalista Filippo Mele; lo studioso e pronipote dell’Eroe dei Due Mondi Giuseppe Garibaldi che chiacchiererà con lo storico Giampaolo D’Andrea e lo scrittore Riccardo Riccardi; il conduttore Rai 1  Peppone Calabrese che dialogherà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione; lo stilista Pietro Paradiso che converserà con la indossatrice e presentatrice televisiva Alina Liccione; lo scrittore Léon Sierra Uribe e Matteo Gentile che dialogheranno con il grafico Andrea Romagnuolo; la scrittrice Loredana Pietrafesa che converserà con la scrittrice Antonella Radogna; la poetessa Ezia Di Monte che dialogherà con la scrittrice Maria Pia Latorre; gli imprenditori  Emanuele Frascella e Antonella Passiome che chiacchiereranno con il giornalista e docente di enogastronomia Michelangelo Ferrara; il direttore del Conservatorio Duni di Matera  Saverio Vizziello chedialogherà con l’ insegnante di violino e Musica d’insieme presso il Liceo Musicale Stigliani di Matera Gregorio Giamba;  lo chef stellato Francesco Paldera che converserà con il docente di enogastronomia e giornalista Michelangelo Ferrara; l’imprenditore Gianni Colangelo che dialogherà con la giornalista Sissi Ruggi;  Francesco Garofalo del  Direttivo Sezione Turismo Confindustria – Presidente Destinazione Basilicata che converserà con la giornalista Sissi Ruggi;  i “co-fondatori della via Ellenica del “Cammino Materano” Lorenzo Lozito e Angelo Attolico;  il poeta Rocco Stano che  dialogherà  con Luisa Artuso; lo scrittore Dimitris Roubis che converserà con l’archeologo Francesco Martorella;  il giornalista e presidente della Commissione Parco della Murgia Pasquale Doria che dialogherà con la giornalista Sissi Ruggi;  lo scrittore Riccardo Riccardi che dialogherà con il giornalista  Filippo Radogna e lo storico Giampaolo D’Andrea; lo scrittore e giornalista Filippo Radogna che dialogherà con lo scrittore e politico Vincenzo Viti; il Prorettore al Public Engagement dell’Università della Basilicata Nicola Cavallo che dialogherà con il giornalista Filippo Mele; la manager sviluppo e relazioni Fondazione Matera 2019 Rossella Tarantino che converserà con il direttore responsabile del giornale diocesano Logo Mimmo Infante

Questi sono gli incontri che animeranno la sesta edizione della kermesse culturale “Il Paese dei Libri”. Per tre giorni, pertanto, dalle ore 19 alle 21,30 in quattro piazze di Montescaglioso, nel cuore della storia e della tradizione locale, si farà salotto culturale a cielo aperto pur rispettando le disposizioni anti Covid. Il futuro è nella mani della cultura.

 

In tutte le librerie e nei principali store online La Porta del Cielo, il primo romanzo della scrittrice e pittrice Maria Luisa Alesina

“Un amore sbocciato a Salice Terme sul finire degli anni cinquanta tra Viola, giovane studentessa liceale e un maestro di musica jazz bolognese, leader di un gruppo di musicisti emiliani. Un amore scandito dalle più famose musiche del jazz tradizionale, di Gershwin, Cole Porter, Hoagy Carmichael, Irving Berlin e che costituiscono la colonna sonora del romanzo, dove l’amore è il vero protagonista con tutte le sue componenti umane e non…”

“Alesina induce attraverso i pastelli di una primavera di Monet. Un declinare estivo che scorre sui crinali che volgono sulle terme ove la memoria induce ad una letteratura elegante composta di soffi, refoli di spire ventose e palpiti lunari. La porta del cielo è un ingresso che introduce ad una memoria giovanile dove le trasparenze calano sinuose sui profumi serali prodromici ad una letargia notturna. Viola, la protagonista, esprime una emozione pagana volta a ritmi emotivi di un amore compiuto nel suo nascere. E’ un procedere lieve dove i sentieri conducono ad una confessione priva di presenze, testimoni, come l’acqua di una roggia che titilla lieve sui piedi bagnati in   una notte di mezza estate. Passeggiate su sfondi chiari protette da ombrelli di organza ove il sole peregrino ed estraneo comunica un nuovo sorgere e le campagne abbaiano nel loro vociare quotidiano.  E’ come la forza di una memoria dipinta su tela che porta a un altroquando. Il romanzo si sviluppa come una voce di soprano limpida priva di ingerenze storiche, ma pulita come un sentimento mattiniero. E sullo sfondo…  la bella estate che concupisce le prime memorie di amori, sentimenti e nostalgie in un mondo collinare fatto di incontri e pensieri sopiti. La verecondia e il pudore alimentano il cuore che percorre sentieri profumati e intimi,  compresi nell’attesa di  un amore corrisposto. Ma si sa che l’amore corrisponde a sé stesso, e Viola nel suo dipanare emotivo apre il cuore all’infinito nell’attesa di una epifania che manifesta la sua presenza nei colori e nell’arte di serate seducenti. Black Velvet, Beer Sangaree, ci si avvolge nei ritmi di I get a kick out of you di Cole Porter . L’orchestra suona dondolante, oscillando come lo swing impone, graffiosa e penetrante, insinuandosi nel cuore lasciando uno stigma selvaggio. E’ il principio del dolore, Viola non vuole essere avvolta, ella è la custode delle proprie emozioni, il suo amore va deposto su un tabernacolo avvolto da incensi e mirra.” Nelle vicinanze del torrente Staffora la brezza frusciava tra i salici e lungo i viali” è il principio di un incedere che conduce Viola Arcangeli all’ingresso delle terme. “Viola si inorgogliva di fronte a tanta bellezza e per lei, che amava quell’angolo di terra più di ogni cosa al mondo, la visione del paesaggio con i suoi mutamenti costituiva un’inesauribile fonte di gioia e un’esaltante continua meraviglia.”

Il plot si dipana come un canone, un discanto corale tra i fruscii della collina di San Nazzano tra tigli e petunie. Ma sono le ore del vespero quasi immanenti a una serata lieve a principiare i mutamenti che divengono i sospiri di una “Rapsodia in blu” ed una voce lontana cala sui divani di una hall spiata dai primi bagliori lunari di Billie Holiday. I profumi della notte accompagnano la protagonista lungo i sentieri di casa in cerca di un ritrovo custodito e inviolato. L’amore non si confessa, si vive attraverso la gioia pudica di un acquarello impressionista. Alesina è Viola Arcangeli con i suoi diciott’anni non ancora compiuti e le volte leggere di una gonna plissé che volge alla note di Gershwin. Sono giornate interminabili custodite nell’opificio della memoria che Alesina stringe forte con l’amore del ricordo, la mestizia agrodolce della maturità. Vi è uno spirito Nietzschiano nelle cose condotto e generato dalle note di un grammofono; una voce lontana potente e suadente che richiama ai nostri inizi di una umanità ferita. E’ il dolore mai consumato di Orfeo che si volge ad un perduta Euridice consapevole della ineluttabilità di ogni fine.

Alesina comprende nei ricordi un Renoir primaverile, impalpabile e semichiuso al declinare delle prime ombre. La notte si dissolve ai primi luccicori del sole ed ai propositi di vita e questa, come un leggero soffio vitale ci riporta alla bellezza mitologica di Leucotea, signora delle spume e delle onde, amore consumato nella eterna provvisorietà di un grande cuore. Se un dato emerge… è quello dell’infinita bellezza dell’Aleph, principio del tutto, privo di pause e terminazioni, ma solo la grande meraviglia di un amore sospeso e mai terminato.”

Matteo Baron

(Critico Letterario e Scrittore)

 

Maria Luisa Alesina. Pittrice chiarista e insegnante d’Arte, è nata a Godiasco Salice Terme, nell’Oltrepò Pavese, ma vive a Milano da più di mezzo secolo. Nel suo romanzo La porta del cielo, da lei definito “un libro dipinto con un soffice pennello al posto della penna”, Maria Luisa esprime e evidenzia l’etica chiarista e il suo messaggio, più che mai attuale: un grande amore e un grande rispetto per l’uomo e per la natura.

https://www.facebook.com/laportadelcielomarialuisaalesina

https://www.instagram.com/laportadelcieloromanzo/

Il peso dell’amore: mercoledì 30 giugno 2021 ore 18,30 Piazza Lamarmora Iglesias

Mercoledì 30 giugno alle ore 18,30 in Piazza Lamarmora ad Iglesias, verrà presentato il libro di Leonardo Mendolicchio, medico psichiatra e psicanalista dal titolo “Il peso della amore” Capire i disturbi alimentari partendo da famiglia e scuola, la prefazione del libro è di Francesca Fialdini, edito da BUR – Rizzoli.

Questa presentazione, che si terrà all’aperto, nasce dalla collaborazione con il Comune di Iglesias, Assessorato alla Cultura, guidato da Claudio Sanna. Ruolo fondamentale nell’organizzazione ha anche, Lo Specchio Centro per i disturbi del comportamento alimentare, che ha sede ad Iglesias, del quale il dottor Mendolicchio è direttore scientifico, in collaborazione con l’Associazione Culturale Argonautilus, che ogni anno organizza la Fiera del Libro, prevista per il mese di ottobre 2021. Questo evento rientra tra quelli della “Fiera off”, eventi satellite di quello principale di ottobre. La presentazione verrà condotta dalla Dott.ssa Fabrizia Falco, coordinatrice de Lo Specchio.

Anoressia, bulimia, obesità e non solo: perché i nostri ragazzi non accettano il proprio corpo e come possiamo fare per aiutarli.

Che cos’è un disturbo alimentare? E perché proprio mio figlio si è ammalato? 
Sono le domande che si pongono sempre più genitori a fronte dell’aumento dei casi di DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare) tra i ragazzi, divisi tra stupore e disperazione, tra negazione e abnegazione totale alla “malattia”. L’arrivo dell’anoressia, della bulimia, delle dipendenze da cibo e degli altri disturbi alimentari è infatti il punto di non ritorno rispetto a una normalità (spesso solo apparente) che era vissuta prima, e la famiglia è parte in causa di questa drammatica realtà.
Ma qual è il comportamento giusto da adottare per riconoscere gli atteggiamenti sentinella e affrontare i sintomi conclamati
di una malattia che non riguarda soltanto l’equilibrio della massa corporea, ma anche e soprattutto il senso di adeguatezza
nel vivere? 
In questo viaggio dentro i disturbi alimentari, uno dei maggiori esperti italiani di DCA illustra, con esempi e casi concreti,
che cosa accade quando una ragazza o un ragazzo decide di alimentarsi in modo diverso – perseguendo una folle magrezza, oppure, al contrario, decidendo di non porre freno a una fame smisurata –, e spiega perché è importante affrontare i disturbi legati al cibo all’interno della famiglia e a scuola, e come rapportarsi alle cure con l’aiuto dei terapeuti.
Perché la guarigione è possibile, se si è uniti nella battaglia.

LEONARDO MENDOLICCHIO è medico psichiatra psicoanalista, membro della scuola lacaniana di psicoanalisi e della Associazione mondiale di psicoanalisi.
Da sempre dedito alla cura e alla lotta dei disturbi alimentari, ha creato e diretto diverse realtà terapeutiche in Italia per il trattamento di tali disturbi. Al momento dirige un reparto di riabilitazione per i disturbi alimentari dell’Istituto Auxologico
 di Piancavallo (VB). Ideatore del progetto Food For Mind per la diffusione di una metodologia di cura inclusiva e innovativa. Supervisore scientifico per Ballandi Arts della docuserie TV Fame d’amore andata in onda su Rai 3. Pugliese di nascita, è innamorato della Sardegna, regione per la quale sostiene dal punto di vista scientifico
la Comunità Lo Specchio, unica realtà terapeutica presente sul territorio sardo. Appassionato di gatti e di arte, crede fermamente nel valore del legame come antidoto al malessere contemporaneo. 
Ha pubblicato Il resto dell’amore per ET/ET (2010), Bisogna pur mangiare per Lindau (2017) e Prima di aprire bocca per Guerini Editori (2018).

La Comunità Lo Specchio compie nel mese di Luglio un anno, molti sono stati i successi raggiunti, in questi dodici mesi; molti i pazienti e le pazienti presi per mano dagli abili professionisti di questa comunità, supportati ed aiutati ad uscire da questo terribile male, che negli ultimi anni, ha avuto una crescita esponenziale anche a causa della pandemia.

Presentazione del libro

IL PESO DELL’AMORE

Capire i disturbi alimentari partendo da famiglia e scuola

Prefazione di Francesca Fialdini

(BUR – Rizzoli)

di LEONARDO MENDOLICCHIO 

mercoledì 30 giugno 2021

ore 18,30 Piazza Lamarmora – Iglesias

Dal testo alla prosa: questioni di scrittura con Silvia Brindisi

Durante il periodo di lockdown tanti cambiamenti hanno attraversato l’Italia e la Capitale. Fra i vari mutamenti che sono avvenuti nelle persone, c’è una scrittrice di nome Silvia Brindisi che ha trasformato parzialmente il “genere” dei suoi scritti dedicandosi alla poesia in virtù delle sensazioni suscitate dal particolare periodo.
Silvia quali emozioni nello specifico ti hanno indotto a coltivare questa nuova passione?
E’ stata una scoperta nata per caso partecipando a dei concorsi letterari. L’ho “rinforzata” soprattutto durante il lockdown dove avevo bisogno di esternare e condividere i miei pensieri e le mie emozioni visto il periodo molto delicato e difficile che abbiamo vissuto. Non è stato sempre facile scrivere le poesie in quei giorni, ma sono felice di averlo fatto.
Per me la poesia è stata una bellissima sorpresa, visto che nel mio piccolo prima di questo periodo ho scritto solo libri.
Non è stato facile accettare di punto in bianco il cambiamento di molte abitudini o cose.
Come mai pubblicare proprio poesie?
Non era nei miei progetti nè scrivere nè pubblicare poesie, ma quando ho visto un progetto che mi interessava non me lo sono precluso ed ho voluto provare una cosa nuova per me sia a livello di scrittura che personale.
Le poesie con le varie emozioni che si provano nello scriverle o leggerle arrivano subito, e questo era il mio scopo. Spero di esserci riuscita nel mio piccolo. Amo infatti ogni tipo di scrittura, di comunicazione e di arte.
Ti aspettavi nel 2020 questa sorpresa? Ci racconti i sentimenti che ti ha suscitato?
In questi mesi ho provato tantissime emozioni  e sono stata molto soddisfatta di me e del traguardo che ho raggiunto quando a maggio ho pubblicato insieme ad altri scrittori , le mie poesie a tema libero scritte durante i mesi del lockdown.
Le poesie sono state pubblicate all’interno dell’antologia “Le raccolte di scrittori volume 1”, sia in formato cartaceo che e-book.
Un’altra bella sorpresa è stata la pubblicazione di altre mie poesie pubblicate all’interno dell’antologia “M’illumino d’immenso”, uscita a giugno .
Questi mesi del 2020 sono stati difficili, soprattutto dall’inizio del lockdown ad oggi.
Tutto ciò che ci capita che non dipende da noi, va accettato anche se non è facile.
Da questo periodo ho provato a trarre il meglio, dalla vita e da me stessa; l’ho fatto a modo mio cercando di rendere i miei limiti i punti di forza, scrivendo ciò che sentivo e ciò mi ha permesso di stare più a contatto con me stessa con la mia fragilità trasformandola in forza.
Inoltre non ho mai smesso di sognare e di portare avanti nuovi progetti.
Amo la mia vita e spero di riuscire a realizzare alcuni o magari tutti i miei sogni.
Oggi ancora di più sono convinta che non bisogna mai mollare e soprattutto mai smettere di credere in se stessi.

Ad Anna Silvia Angelini Il Premio Speciale della Critica “La Voce dei Poeti”2019

a bravissima scrittrice Anna Silvia Angelini, con
il suo primo libro
“LA VIOLENZA DECLINATA”
si aggiudica un prestigioso riconoscimento:
VINCITRICE DEL PREMIO “LA VOCE DEI POETI” 2019 LIBRI EDITI
PREMIO SPECIALE DELLA CRITICA
PER L’IMPEGNO, L’ATTIVITA’ E LA TESTIMONIANZA AUTENTICA CON LO SGUARDO PROFONDO ALL’IMPEGNO CIVILE.
• ANNA SILVIA ANGELINI (Bertoni Ed.)
La cerimonia di premiazione si svolgerà nella sala convegni della societa’ Dante Alighieri in piazza di Firenze 27 a Roma il 31 maggio prossimo alle 16.30.
La giuria, che ha valutato i componimenti è presieduta da Massimo Enrico Milone, presidente onorario e direttore Rai vaticano, Tiziana Grassi presidente di giuria e giornalista. Pierfranco Bruni scrittore, poeta e giornalista Annella Prisco scrittrice, vice presidente centro studi Michele Prisco, funzionario regione Campania.
Goffredo Palmerini, giornalista e scrittore. Franco Roberti Assessore della Giunta Regionale della Campania, ex procuratore nazionale antimafia ed anti terrorismo. Fiorella Franchini giornalista e scrittrice. Cosimo Lorè scienze Forense Siena. Salvatore Mattia Maria Giraldi presidente Federiciana Università Popolare. Mirjana Dobrilla scrittrice, poetessa, traduttrice. Antonietta Vaglio traduttrice Annalena Cimino poetessa. Regina Resta presidente VerbumlandiArt.