Tag: molestie

Molestie, il capo della Pixar John Lasseter lascia per sei mesi: “Chiedo scusa”

Il congedo dopo le lamentele alla stampa di diversi impiegati per gli “abbracci indesiderati” del produttore, considerato il moderno Walt Disney (suoi sia Frozen che Inside Out): “Non sono stato all’altezza del compito”

arando zeppieri fr

LOS ANGELES – A parlare intaccando anche il mondo dell’animazione, è stato un dipendente della Pixar. John Lasseter, il direttore creativo della Pixar e dei Walt Disney Studios da molti considerato un innovatore e il moderno Walt Disney (ha creato Toy Story e prodotto da Frozen a Inside Out), era noto per “abbracci, baci, commenti sugli attributi fisici”, non desiderati. Quindi inopportuni, quindi molestie, quindi denunce. Fonti anonime hanno raccontato all’Hollywood Reporter che Rashida Jones sceneggiatrice in Toy Story 4, nonché attrice, e il suo socio di scrittura Will McCormack, avevano lasciato il progetto appena all’inizio proprio a causa delle advances indesiderate di Lasseter. Contattati direttamente i due però non hanno rilasciato commenti né una propria versione dei fatti. Ma oggi Lasseter ha comunicato che prenderà sei mesi di aspettativa. Non solo. Ha spiegato di aver preso la decisione dopo una serie di “conversazioni difficili” e chiesto scusa per “abbracci indesiderati o altri gesti che possano essere stati fastidiosi”. La Disney gli ha dato il suo supporto e scritto di “apprezzare la sua sincerità”. Molti tra i dipendenti sostengono che Lasseter è anche noto per bere pesantemente durante gli eventi aziendali, le prime dei film, o le feste. Nel congedarsi, sebbene provvisoriamente, il capo della Pixar ha comunque riconosciuto i suoi “passi falsi”, non meglio specificati, e scritto una nota di scuse rivolta allo staff. “Ho sempre desiderato che i nostri studi di animazione fossero luoghi in cui i creatori potessero esprimere la loro visione con il supporto e la collaborazione di altri animatori e narratori di talento”, ha affermato Lasseter. “Questo tipo di cultura creativa richiede una costante vigilanza da mantenere, basata sulla fiducia e sul rispetto, e diventa fragile se i membri del team non si sentono valorizzati. In qualità di leader, è mia responsabilità garantire che ciò non accada; e ora credo di non essere stato all’altezza di questo compito, e so di aver mancato su questo punto”. Lasseter ha vinto due Oscar, uno, speciale, per il suo lavoro su Toy Story. Sotto la sua supervisione la Wda ha raccolto tre vittorie, la più recente con Zootopia lo scorso anno. I film Pixar hanno incassato oltre 6 miliardi di dollari solo al botteghino americano. La compagnia di Emeryville ha pubblicato il suo prossimo film, Coco, il giorno del Ringraziamento. Pixar sta attualmente lavorando a un sequel degli Incredibili e al quarto episodio di Toy Story. La Wda pubblicherà il sequel di Ralph spaccatutto il prossimo anno.

Le accuse di molestie sessuali contro Louis CK Cinque donne hanno raccontato al New York Times che anni fa si masturbò davanti a loro; lui ha confermato

ck-1.jpg

Cinque donne hanno accusato il comico americano Louis CK, uno dei più famosi e apprezzati del mondo, di averle molestate sessualmente più di dieci anni fa, confermando voci che circolavano da anni nel mondo dello spettacolo e su alcuni siti specializzati. Le donne hanno deciso di parlare al New York Times delle molestie subite da Louis CK dopo le molte denunce arrivate nelle scorse settimane da attrici e altre donne prima contro il produttore Harvey Weinstein e poi contro altre personalità dello show business, del giornalismo e della politica. Le accuse delle cinque donne, che sono tutte comiche, sono simili: Louis CK si sarebbe masturbato davanti a loro, senza il consenso delle donne oppure ottenendolo sfruttando la sua posizione di potere.

Nella serata di venerdì, CK ha ammesso in un comunicato che le accuse nei suoi confronti sono vere. CK ha scritto: «Queste storie sono vere. Al tempo, mi ero detto che quello che avevo fatto era ok, perché non avevo mai mostrato il pene a una donna senza prima chiedere il permesso, cosa che è anche vera. Ma più avanti nella vita ho capito, comunque troppo tardi, che quando sei in una posizione di potere chiedere loro di guardare il tuo pene non è una domanda. Per loro è un’imposizione. Il potere che avevo su queste donne era che loro mi ammiravano. E io ho usato irresponsabilmente questo potere». CK ha detto che ora è consapevole delle sue azioni. Ha aggiunto di essere dispiaciuto e di poter solo immaginare il dolore che ha causato. Alla fine del comunicato, ha scritto: «Ho passato la mia lunga e fortunata carriera dicendo e parlando di tutto quello che volevo. Ora farò un passo indietro e mi prenderò un bel po’ di tempo per ascoltare».

 Le accuse contro Louis CK – famoso, oltre che per i suoi spettacoli di stand up, per la serie Louie – hanno generato un’attenzione particolare negli Stati Uniti, visto che è considerato da molti il comico più talentuoso della sua generazione, e visto che nei suoi spettacoli ha sempre parlato con molta schiettezza della sua sessualità e del suo rapporto con la masturbazione. Per molti, Louis CK è femminista, per i temi e le posizioni espresse nei suoi spettacoli, famosi per affrontare argomenti delicati e a volte tragici in modo provocatorio e dissacrante. Louis CK, nell’opinione comune, era uno dei pochissimi comici in grado di fare ridere su qualsiasi argomento, per via del suo grande talento. Poco prima che il New York Times pubblicasse il pezzo sulle accuse di molestie, Louis CK ha annullato la prima di I Love You Daddy, il suo ultimo film, che parla di una ragazza molto giovane che si innamora di un uomo molto vecchio, e una sua apparizione al “Late Show With Stephen Colbert”. Giovedì, alle diverse richieste del New York Times di rispondere alle accuse, il suo agente Lewis Kay ha rifiutato.

Le comiche Dana Min Goodman e Julia Wolov hanno raccontato che nel 2002 si esibirono al U.S. Comedy Arts Festival di Aspen, Colorado: per loro era una grande occasione, visto che erano all’inizio della loro carriera, e dopo lo spettacolo accettarono l’invito di Louis CK di andare a bere una cosa nella sua stanza, visto che i bar erano chiusi. Goodman e Wolov hanno raccontato che non erano preoccupate: ammiravano CK, volevano festeggiare ed erano insieme. Entrate nella stanza, ancora con indosso il cappotto, CK chiese loro se poteva tirare fuori il pene. Loro pensarono stesse scherzando, «ma poi lo fece davvero. Si tolse tutti i vestiti, rimase nudo, e cominciò a masturbarsi», ha raccontato Goodman al New York Times.

Le due donne rimasero incredule, tenendosi per mano e ridendo e urlando per lo shock mentre CK si masturbava su una sedia. «Eravamo paralizzate», ha detto Goodman. Quando CK ebbe finito, se ne andarono. Il giorno dopo lui le chiamò: «Era tipo, chi di voi è Dana e chi è Julia?». Goodman e Wolov decisero di non andare dalla polizia, perché non sapevano se quello che era successo fosse un reato, ma cominciarono a raccontare la storia a colleghi del mondo della comicità. Ma «le persone ci voltavano le spalle. Potevamo già percepire le reazioni negative». Nel 2002, Louis CK era già un comico affermato, anche se non aveva ancora la fama che avrebbe raggiunto una decina di anni dopo. A essere forse più potente di lui era Dave Becky, il suo agente, che rappresenta anche tra gli altri Kevin Hart, Aziz Ansari e Amy Poehler. Goodman e Wolov raccontarono all’accaduto al loro agente, che parlò con Becky. Al New York Times, Becky ha negato che all’epoca possa aver minacciato le due comiche, che però hanno detto che ebbero l’impressione che le stesse avvertendo di non parlare dell’accaduto. Goodman e Wolov in seguito ritennero di non partecipare mai a progetti in cui fosse coinvolto Becky.

La storia delle due comiche era quella che era circolata di più negli scorsi anni, soprattutto dopo articoli dei siti Defamer e Gawker. Le donne non erano però mai state identificate, né loro avevano denunciato CK, che aveva sempre scelto di non commentare le accuse. L’ultima volta che gliene era stato chiesto conto era stato lo scorso settembre, durante un’intervista del New York Times precedente al caso Weinstein.

Abby Schachner, un’altra comica e illustratrice, ha raccontato che nel 2003 chiamò Louis CK per invitarlo a un suo spettacolo. Lui spostò subito la conversazione sul piano personale, in modo «non professionale», dicendole che la trovava carina. Poi cominciò a raccontarle le sue fantasie sessuali, ansimando al telefono: la chiamata proseguì per diversi minuti, anche se Schachner ha detto che non incoraggiò CK. Non sapeva neanche come terminarla, però, perché «vuoi credere che non stia accadendo davvero».

La comica Rebecca Corry ha raccontato al New York Times che nel 2005 stava lavorando all’episodio pilota di una serie tv, come attrice e come produttrice. Un giorno Louis CK, che partecipò all’episodio come ospite, le si avvicinò e le chiese se potessero andare nel camerino così che potesse masturbarsi davanti a lei. Corry rifiutò, stupita e arrabbiata, e gli ricordò che aveva una figlia e una moglie, incinta. Lui arrossì e le disse: «ho dei problemi».

Una quinta donna che ha parlato in condizioni di anonimità, per proteggere la privacy della sua famiglia e perché non è mai stata collegata pubblicamente a quest’episodio, ha raccontato che alla fine degli anni Novanta, durante le riprese del Chris Rock Show, al quale CK lavorò come autore e produttore, il comico le chiese ripetutamente di guardarlo mentre si masturbava. Lei aveva poco più di vent’anni e accettò, anche se poi si pentì della sua scelta: «Era una cosa che sapevo essere sbagliata». Ha raccontato che CK si masturbò nel suo ufficio, alla scrivania, durante una normale giornata di lavoro e con i colleghi subito fuori. «Credo che il motivo principale per cui dissi sì fu la cultura. Ha abusato del suo potere». Una collega della donna ha confermato che le raccontò l’accaduto.

Nonostante non abbia mai risposto in pubblico a queste accuse, che comunque fino a ieri erano rimaste confinate a pochi siti specializzati e all’ambiente dello spettacolo americano, CK scrisse per scusarsi ad alcune delle donne che lo hanno poi accusato di molestie. Nel 2009 scrisse in un messaggio su Facebook a Schachner – che il New York Times ha potuto vedere – per dirle che «l’ultima volta che ci siamo parlati è finita in modo osceno. Era un brutto periodo della mia vita, e mi dispiace». Aggiunse di aver pensato di essere «una persona ripugnante per come mi comportai», e le disse anche che aveva visto i suoi lavori e che li trovava divertenti. Schachner accettò le scuse e lo perdonò, ma ha spiegato che l’episodio la lasciò sconsolata, e fu uno dei motivi per cui non cercò una carriera nella comicità.

Nel 2015, subito dopo che circolarono le prime voci sulle accuse di molestie, CK scrisse un’email a Corry per dirle che le doveva una «scusa molto molto molto tardiva». Poi le telefonò per scusarsi di averla spinta in un bagno, e Corry gli disse che in realtà non lo aveva fatto, ma aveva insistito per masturbarsi davanti a lei. Con una voce tremante, CK lo ammise e le disse che all’epoca «fraintendevo le persone».

Nonostante le voci, negli anni nessuno aveva accusato CK, secondo molti per il suo potere nel mondo dello spettacolo americano. L’unica comica che lo aveva denunciato apertamente fu Tig Notaro, comica famosa per i suoi spettacoli e per la serie di Amazon One Mississippi, che è stata prodotta proprio da CK. Notaro, che non ha subito direttamente le molestie di CK, ha raccontato di averle scoperte grazie a testimonianze soltanto dopo aver lavorato con il comico. Ha detto al New York Times di essere preoccupata che abbia lavorato con lei per ripulirsi la reputazione, sostenendo una donna.

Dopo l’articolo del New York Times, il network HBO ha annullato la partecipazione di Louis CK a uno speciale di beneficenza intitolato “Night Of Too Many Stars”, e ha rimosso i suoi lavori dal suo servizio di streaming. Netflix ha invece annunciato che, considerato il “comportamento di Louis CK”, non produrrà il secondo special in programma con lo spettacolo di stand-up del comico.

 

Cinema, Miriana Trevisan: «Scappai da Tornatore che cercava di toccarmi»

La confessione dell’attrice a Vanity Fair: «Successe venti anni fa negli uffici del premio Oscar. Speravo in una parte ne La leggenda del pianista sull’Oceano. Uscii da quella stanza piangendo e sentendomi uno straccio». La prima replica del regista: «Non l’ho mai sfiorata»

Miriana Trevisan al Maurizio Costanzo Show nel 2002 (LaPresse)Miriana

«Sì, lo confermo, mi spinse contro un muro e cominciò a toccarmi», dice l’ ex velina di Striscia Miriana Trevisan. Il nuovo (presunto) orco sarebbe nientedimeno che Giuseppe Tornatore. Il quale è a sua volta frastornato per la perdita del suocero, ventiquattro ore fa, e non vorrebbe parlare. Ma a caldo qualcosa dice: «Mai toccata con un dito». Poi ci pensa su e si rifugia nell’ ironia e nel disincanto della sua Sicilia: «Sono lusingato che una giovane donna si ricordi di me dopo tanti anni. Io rammento soltanto un incontro cordiale, pertanto respingo le insinuazioni mosse nei miei confronti. E mi riservo di agire nelle competenti sedi a tutela della mia onorabilità».

A dirla tutta, si è già rivolto a un avvocato, mentre lei, Miriana, al telefono dice di essere confusa: «Da ragazza mi dicevano che il mondo andava così, che hai potenzialità e che se non le sfrutti sei una matta. Sei talmente abituata all’ idea della sottomissione che ti sembra normale. Poi realizzi, ti isoli, e sei davvero sola.

Comunque non do altre interviste, mi state chiamando in trecento. Chiama Giulio Cavalli, il mio compagno, ti dirà lui i dettagli della storia. Ma certo ha ragione Asia Argento, se non la dai te la fanno pagare». Il telefono del suo fidanzato squilla a vuoto. È attore-scrittore-regista-politico. E lui al Corriere, quando richiama, conferma: «Miriana è sincera, è fatta così, lei per tanti anni ha taciuto perché si era sentita in colpa, pensava che fosse normale quello che le era successo. Adesso ha preso coraggio». Cavalli dice che c’ è un uomo nero del cinema italiano, «il suo nome sta per uscire fuori, questione di pochissimo. Non è Tornatore. Lei ha raccontato quello che ha vissuto in prima persona».

Miriana Trevisan è l’ ultima in ordine di tempo delle attrici o aspiranti tali che raccontano di aver subito molestie. La showgirl napoletana ha aperto il baule dei ricordi in un’ intervista a Vanity Fair . Raggiunse la notorietà grazie a tre programmi televisivi, Striscia la notizia , La Corrida e La Ruota della fortuna . Oggi ha 45 anni e dice: «È una storia di vent’ anni fa, probabilmente Tornatore nemmeno la ricorda. Ma io sì. E ricordo molto altro». Allora cosa successe? «Andai nei suoi uffici. Era un appuntamento che mi aveva organizzato il mio agente. Non era un provino, ma un primo incontro in vista di un film in lavorazione, “La leggenda del pianista sull’ Oceano”. C’ era una segretaria che mi accolse e poi se ne andò. Rimanemmo soli. Dopo qualche tranquilla chiacchiera sul film, quando ci stavamo salutando il regista mi chiese di uscire con lui quella sera per andare a mangiare una pizza». E lei? «Risposi che avevo già un impegno, lo ringraziai e feci per andarmene». E lui? «Lui mi seguì fino alla porta, mi appoggiò al muro e cominciò a baciarmi il collo e le orecchie». Anche le orecchie? «Sì, mi mise le mani sul seno in modo piuttosto aggressivo». Miriana continua: «Riuscii a sfilarmi e scappare via. Ero entrata sentendomi una principessa, a un passo da un sogno che si realizzava, pensavo che forse avrei fatto un film con un premio Oscar. Sono uscita sentendomi uno straccio». Dice di avere deciso di raccontare questa storiaccia dopo l’ ondata di rivelazioni seguite al caso Weinstein. Torniamo da Tornatore, che ha appreso ieri sera del caso dal re dei press agent, Enrico Lucherini: «Quella ragazza me la mandò la produzione, mai toccata con un dito. Ricordo però che era molto simpatica, nient’ altro».

Miriana Trevisan accusa di molestie Giuseppe Tornatore… ma le fanno terra bruciata intorno

trevisan_molestie_tornatore_645

Molestie sessuali al reality vip, palpeggiata in diretta: «Si è sentito autorizzato perché sono una modella»

Molestie sessuali durante il reality, tutto sotto l’occhio attento delle telecamere e davanti a migliaia di telespettatori: si tratterebbe dell’ultima denuncia di un caso di abusi da quando è esploso il caso Weinstein. In questo caso, le accuse di molestie vengono dalla modella inglese Nicola McLean, che denuncia la popstar decaduta David Van Day.

Entrambi hanno partecipato nel 2008 al reality inglese I’m a Celebrity, format simile al nostro L’Isola dei Famosi. Durante una prova che la modella e il cantante hanno sostenuto insieme, Van Day le ha prima schiaffeggiato il sedere diverse volte, poi ha tentato di baciarla.

La modella non ha apprezzato tali attenzioni, e ora ha dichiarato al Sun: «Stavo lavando l’auto ma lui pensò bene di palpeggiarmi. Mi sentivo a disagio, quell’uomo poteva essere mio padre e aveva le sue mani sul mio corpo in bikini». Un atteggiamento che la McLean ha trovato disgustoso, e che – ne è convinta la 36enne – sarebbe stato fonte di scandalo anche all’epoca se lei non fosse stata una modella.

Le attrici italiane che raccontano le molestie

  • Dopo le confessioni pubbliche di attrici del calibro di Angelina Jolie, Gwyneth Paltrow, Ashley Judd e decine di altre star di Hollywood, anche Asia Argento aveva raccontato di essere tra le vittime di Wenstein. E questo aveva dato lo spunto alle “Iene” per indagare nel mondo del cinema italiano. E di fronte alle telecamere alcune attrici come Tea Falco, Giovanna Rei, Giorgia Ferrero hanno accettato di confermare «molestie e violenze». Da quel momento si sono rincorse voci su altre loro colleghe, compresi nomi più famosi, che avrebbero subito «aggressioni sessuali per lavorare». Alcune di loro avrebbero raccontato di essere rimaste vittime proprio di Brizzi. Nella foto Tea Falco