Tag: parigi

Parigi, guasto sulla linea 1 della metro: passeggeri esasperati sui binari: “Caldo infernale” VIDEO

PARIGI – Caos questa sera, 31 luglio, sulla linea 1 della metropolitana che attraversa  il centro di Parigi tra lo Château de Vincennes (est) e La Défense (ovest).

VIDEO

Dalle 20:12, centinaia di passeggeri sono rimasti bloccati all’interno dei vagoni a causa di un “guasto tecnico” di un treno tra le stazioni Bastiglia e Saint-Paul che ha costretto altri sette treni a bloccarsi dentro il tunnel. Esasperati dal caldo, in molti hanno scelto di avventurarsi sui binari, assistiti solo in un secondo tempo da alcuni agenti della Ratp (la compagnia che gestisce il trasporto pubblico parigino) e poi dai pompieri.

Contattato da Le Figaro, Nicolas, bloccato per oltre un’ora tra le stazioni Charles de Gaulle e Georges V, ha raccontato di “un caldo insopportabile. Le persone hanno perso la pazienza, ha cominciato ad innervosirsi, i bambini a piangere”.

Alle 22:30, la Ratp ha annunciato su Twitter la completa evacuazione della prima linea automatica (senza pilota) di Parigi. E sono tanti i ‘naufraghi del metro’ a sfogarsi raccontando la loro esperienza sui social.

Parigi, uomo armato cattura tre ostaggi

Parigi, uomo armato cattura tre ostaggi

Il luogo del sequestro (reuters)

Due persone sono riuscite a sottrarsi al sequestratore. Succede nel centro di Parigi all’interno di un ufficio dell’agenzia pubblicitaria Mixicom, al 46 di Rue des Petite Ecuries. Al momento nulla lascia ritenere che si tratti di un atto terroristico


PARIGI – Due dei tre ostaggi catturati dall’uomo asserragliato in un ufficio nel centro di Parigi poco dopo le 16, sono riusciti a liberarsi. Non è ancora chiara la dinamica della liberazione. Uno dei due è ferito. Sarebbe stato colpito al viso con il calcio della pistola e ha i vestiti intrisi di benzina. Il secondo è una donna incinta che secondo BfmTv sarebbe riuscita a fuggire. Il sequestratore ha in ostaggio ancora una persona e sostiene di avere un complice all’esterno del palazzo. La zona è presidiata dagli agenti ed è in corso una vasta operazione di polizia. Nulla lascia ritenere che si tratti di un’azione terroristica, così ha dichiarato la polizia e i media francesi parlano di uno squilibrato.

Secondo il sito di Le Parisien, l’uomo avrebbe dichiarato di avere con sé una bomba e una pistola e ha chiesto di contattare l’ambasciata iraniana tramite cui vuole “consegnare un messaggio al governo francese”. Dall’interno dell’ufficio, una donna vestita di rosso ha cercato di comunicare con l’esterno con un foglio scritto appoggiato al vetro ma illeggibile a causa della distanza

Gli Usa escono dall’Unesco, Trump: «E’ anti israeliana»

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, oggi è arrivata l’ufficialità: gli Stati Uniti hanno deciso di abbandonare l’Unesco. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura viene accusata dalla Casa Bianca di essere anti-israeliana.

A fugare ogni dubbio un comunicato della direttrice generale dell’Organizzazione con sede a Parigi, Irina Bokova: «Mi rammarico profondamente per la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall’Unesco, di cui ho ricevuto notifica ufficiale con una lettera del segretario di stato americano, Rex Tillerson».

«È una perdita per l’Unesco – continua la Bokova – È una perdita per la famiglia delle Nazioni Unite. È una perdita per il multilateralismo. Il compito dell’Unesco non è finito e continueremo ad andare avanti per costruire un 21/o secolo più giusto, più pacifico e più equo, e per questo l’Unesco ha bisogno dell’impegno di tutti gli stati».

È dal 2011, quando la Palestina divenne membro dell’Unesco, che gli Stati Uniti hanno smesso di finanziarla pur mantenendo un ufficio nella sede di Parigi.