Tag: pedofili

Chiesa: 4000 preti pedofili con oltre un milione di vittime

Come riportato su http://www.affaritaliani.it  Un milione di vittime, quattromila pedofili. Sono questi i numeri che lasciano rabbrividere se si pensa alla mappa delle violenze sui minori nella Chiesa in Italia.
Una analisi, quella redatta dal presidente della Rete

Sugli oltre 50 mila prelati italiani, come spiegato da Il Fatto Quotidiano, il numero dei pedofili oscillerebbe da un minimo di 1000 a 4000. I minori violentati potrebbero arrivare nel nostro Paese fino al milione. Ma se i numeri sono alla portata di tutti, così non è per le vittime di tali abusi. Giovani, adolescenti, bambini che spesso non denunciano e se ciò avviene la questione viene “controllata” negli ambienti ecclesiastici con  trasferimenti ad altre parrocchie per evitare scandali, come denuncia il presidente della Rete.

“Troppo forte l’influenza vaticana, troppe le convivenze tra apparati dello Stato e gerarchie ecclesiastiche”, dice Francesco Zanardi al Fatto Quotidiano. Sono 298 i sacerdoti segnalati dal portale. Di questi, solo 144 i condannati in via definitiva o rei confessi. Un’indagine costante sul territorio italiano quella compiuta dal presidente della Rete dove sono mappate le cosiddette “diocesi non sicure”. Un primo passo per affrontare questa realtà, anche se si tratta solo della punta dell’iceberg perchè le vittime spesso preferiscono tacere.

“Preoccupata per i nuovi casi di bambini sessualmente abusati da religiosi della Chiesa cattolica nello Stato italiano, e per il basso numero di indagini e procedimenti penali” così si espresse la Convenzione per i diritti del fanciullo nelle osservazioni inviate all’Italia il 28 febbraio 2019.
Una situazione difficile da contrastare nel nostro Paese dove, come spiega il Fatto Quotidiano, rispetto ad altre nazioni non è mai stata avviata una commissione d’inchiesta su questo fenomeno.

fonte:

Arresti per pedofilia, sequestri anche in Abruzzo Indagini della polizia postale di Trento: 10 in manette, 47 indagati. Video e foto illeciti prodotti nella nostra regione

PESCARA- Toccano anche l’Abruzzo le indagini che hanno portato la polizia postale di Bolzano a smantellare una rete di pedofili su una piattaforma di voip criptato. Gli agenti hanno fatto 10 arresti, eseguito 47 perquisizioni e sequestrato ingente materiale informatico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori. Secondo quanto emerso, parte di questo materiale sarebbe stato prodotto anche in Abruzzo, dove sono stati effettuati alcuni controlli in casa di indagati. Le indagini hanno preso il via dall’arresto di un 38enne altoatesino, avvenuto il 1 febbraio 2016, trovato in possesso di ingente materiale digitale (foto/video) contenente esibizioni pornografiche di minorenni, materiale che l’arrestato diceva di aver scaricato da internet, e quindi ceduto da soggetti dei quali non era in grado di indicare elenti utili all’identificazione. Le sue dichiarazioni hanno però insospettito gli investigatori della polizia delle Comunicazioni i quali hanno individuato, tra le prove digitali del computer sequestrato, un intenso utilizzo dell’applicazione Voip ed una rubrica composta da un centinaio di contatti dislocati su tutto il territorio nazionale. Ulteriori dettagli saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle ore 10.30, presso il compartimento polizia postale e delle comunicazione di Trento.Gli investigatori sono riusciti, attraverso l’utilizzo di particolari software, a ricostruire moltissime conversazioni dalle quali emergeva la morbosità degli interlocutori nei confronti di pratiche sessuali con minorenni. L’uomo é risultato essere il fulcro di una rete con oltre un centinaio di contatti con i quali lo stesso, a volte presentandosi come madre di una bambina minorenne, affermava essere attratto sessualmente da bambini e offrendo ai suoi interlocutori, materiale pedopornografico. Gli investigatori riescono a tirare le fila su ben 48 persone coinvolte le cui attività di produzione e condivisione di materiale illecito prendono il via in Trentino Alto Adige, Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Puglia, Campania, Sicilia e Sardegna.