Tag: rigopiano

Rigopiano, presto altri indagati per la strage dell’hotel

Sarà chiusa entro il 18 gennaio e quindi entro un anno dalla valanga che ha distrutto per sempre la vita di ben 29 persone l’inchiesta sull’hotel Rigopiano. O almeno così sperano il procuratore Massimiliano Serpi e il sostituto Andrea Papalia che, ieri pomeriggio alle 15, hanno incontrato a Palazzo di Giustizia i legali dei familiari delle vittime, i quali avevano chiesto un punto sullo stato delle indagini dopo mesi di silenzio assoluto. I magistrati hanno spiegato di trovarsi di fronte ad una “questione enorme” da valutare e comunque di aver ricevuto solo qualche giorno da da parte dei tre consulenti incaricati la perizia tecnica che approfondisce tutti gli aspetti della vicenda. Una perizia, quella depositata, di 1.200 pagine in cui si affrontano i temi meteo, valanga, canalone, abusi edilizi, interventi della protezione civile. Carte che ricostruiscono quanto accaduto e perché. Quindi le tante responsabilità in questa tragedia. All’orizzonte altri indagati oltre agli attuali sei, tra cui il presidente della Provincia Di Marco e il sindaco di Farindola Lacchetta.

Rigopiano, i familiari delle vittime in Procura: «Vogliamo giustizia»

I familiari delle vittime di Rigopiano oggi in Procura a Pescara. Chiedono di sapere a che punto è l’inchiesta sulla tragedia del resort, investito dalla valanga lo scorso gennaio. Tragedia in cui morirono 29 persone. Al tempo stesso vogliono sapere come verranno aiutati i sopravvissiti. Mentre una delegazione incontrerà il procuratore Serpi, altri manifesteranno davanti agli uffici giudiziari.

Rigopiano, bloccate le donazioni per il piccolo Samuel Di Michelangelo che perse i genitori nella tragedia dell’hotel

Rigopiano, bloccate le donazioni per il piccolo Samuel Di Michelangelo che perse i genitori nella tragedia dell’hotel
„Le donazioni raccolte dal Comune di Osimo sono bloccate fino a quando il giudice non nominerà un tutore definitivo. Il piccolo perse i genitori nella tragedia di Rigopiano

dino e marina-2.jpg

Rigopiano, bloccate le donazioni per il piccolo Samuel Di Michelangelo che perse i genitori nella tragedia dell’hotel „Dove sono finiti gli oltre 137mila euro raccolti dal Comune di Osimo (Ancona) per il piccolo Samuel, il bambino di 7 anni rimasto orfano nella tragedia di Rigopiano? I soldi raccolti risultano bloccati nel conto corrente aperto dal Comune in favore del figlio di Dino Di Michelangelo e Marina Serraiocco, i coniugi di Chieti tra le 29 vittime della tragedia del 18 gennaio scorso nell’hotel di Farindola dove il piccolo Samuel si era salvato assieme agli altri tre bambini che in quei giorni maledetti soggiornavano nel resort.

Gli amici di Osimo raccolgono fondi per Samuel

Il motivo? Quei soldi non possono essere utilizzati fino a quando il giudice non nominerà un tutore definitivo. Subito dopo la tragedia il fratello di Dino, Alessandro Di Michelangelo, venne nominato tutore provvisorio di Samuel.

La generosità dei tanti cittadini di Osimo, città dove la famiglia Di Michelangelo viveva da qualche anno, ma anche dei cittadini di tutta Italia che si sono mobilitati per il futuro del bimbo rimasto orfano deve fare i conti con la burocrazia. Fino a quando non verrà nominato un tutore definitivo il Comune di Osimo sarà garante delle somme raccolte fino alla loro erogazione.

Seppur in via provvisoria, il tutore legale è stato riconfermato dal tribunale dei minori di Ancona ma è cambiata la competenza territoriale della tutela, che è passata da Ancona a Chieti, dove il bimbo vive dalla scomparsa dei genitori.