Tag: russia

M5S, Di Maio si candida alla premiership: “Faremo risorgere l’Italia”

M5S, Di Maio si candida alla premiership: "Faremo risorgere l'Italia"

Il vicepresidente della Camera annuncia la decisione in un post su Facebook: “Andiamo a Palazzo Chigi: oggi ho accettato la mia candidatura a Premier per il Movimento 5 Stelle”
OMA – Dopo settimane di attesa Luigi Di Maio formalizza la sua canditura alla premiership. Il vice presidente della Camera lo ha annunciato in un post su Facebook: “Siamo ancora qui, più forti di prima. E ora dobbiamo completare l’opera: andiamo a Palazzo Chigi e facciamo risorgere l’italia. Oggi ho accettato la mia candidatura a Premier per il Movimento 5 Stelle”. Di Maio è attualmente l’unico cinque stelle in corsa alle primarie, per candidarsi ci sarà tempo fino al 18 settembre alle ore 12 ma nessuno dei possibili sfidanti ha ancora ufficializzato la candidatura. “Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono” scrive nel post citando Gandhi. E ripercorre il suo percorso politico “inziato 10 anni fa, l’8 settembre del 2007”

L’annuncio arriva dai banchetti degli attivisti di Caltanissetta, tappa del tour per le elezioni regionali in Sicilia. Di Maio con le nuove regole per le primarie pubblicate sul blog a 5 stelle ha potuto candidarsi alla premiership nonostante risulti indagato dalla Procura di Genova per diffamazione dopo la querela presentata dall’ex candidata sindaco Marika Cassimatis, poi espulsa dal Movimento. In gioco non c’è solo la candidatura alla premiership a Palazzo Chigi ma anche la nomina a capo politico del Movimento, al posto di Beppe Grillo

https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FLuigiDiMaio%2Fposts%2F1468024346567440&width=500

Le polemiche erano scoppiate già dopo la pubblicazione delle regole per le primarie dall’ala ortodossa del Movimento. Essere eletto capo politico dei 5 stelle significa disporre di ampi poteri di controllo all’interno del Movimento, dalla sospensione degli iscritti ai temi da mettere in votazione sulla piattaforma Rousseau. Il primo ad attaccare è stato il deputato dei Cinque stelle Luigi Gallo che dalla sua bacheca di Facebook ha scritto:”Dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo al Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio. A voi i commenti! Tutti gli iscritti devono sapere quello che accadrà”. Voci dissidenti anche da Riccardo Nuti, ex cinque stelle, sospeso dopo l’affaire delle firme false a Palermo. “Nuti indagato?, sospeso. Altri parlamentari M5S indagati? Non sospesi. Raggi indagata? Non sospesa. Di Maio indagato? Non sospeso e candidato premier”

Le regole – Alle primarie potranno candidarsi tutti gli appartenenti al Movimento 5 stelle che abbiano esperito un mandato da portavoce o siano stati eletti nel 2013 in Parlamento e non siano mai stati iscritti ad un partito. Le primarie sono aperte anche gli indagati purché coinvolti in fatti non gravi e a condizione che lo dichiarino apertamente. Il vincitore verrà annunciato il 23 settembre a Rimini nel corso della kermesse Italia a 5 stelle. Il voto è aperto a tutti gli iscritti al Blog in regola con l’articolo 4 previsto dal Non Statuto. Si può espriemere una sola preferenza per un solo candidato

Viterbo, Cinema Genio abbandonato, residenti esasperati: «Adesso i piccioni entrano anche nelle nostre case»

di Andrea Arena
«L’altro giorno stavo facendo ripetizione ad un ragazzo, e ad un certo punto è entrato un piccione in casa. Ha fatto un giretto e poi è riuscito». A raccontare questo aneddoto non è un’abitante di un appartamento in piazza San Marco a Venezia, né una vicina di casa di qualche ornitologo o allevatore di pennuti. No, a parlare è una viterbese che, purtroppo per lei, ha la sventura di vivere a due passi dal cinema Genio, in pieno centro città a Viterbo.

Cinema Genio, già, dove eravamo rimasti? Sempre allo stesso punto, un punto morto. Lo scorso giugno Il Messaggero aveva raccolto le lamentele degli abitanti della zona, ostaggio dei pennuti che hanno eletto a loro esclusiva dimora – e voliera – il teatro abbandonato. Nonostante l’immenso locale sia tornato nella disponibilità del Comune da un anno e mezzo (dopo alterne vicende che non è il caso di ripercorrere qui), Palazzo dei priori non ha fatto nulla non solo per ripulirlo dai quintali di mondezza accumulati all’interno, ma si è ben guardato persino dal provvedere agli interventi necessari per la messa in sicurezza. Lo scorrere del tempo, e le sferzate del maltempo, hanno fatto il resto: i vetri di alcune finestre degli uffici all’ultimo piano – lasciate inspiegabilmente aperte – si sono rotti, aprendo un’autostrada aerea ai piccioni. Che qui hanno trovato ricovero in gran numero: e dunque cattivo odore, guano, svolazzamenti vari, si sono moltiplicati, anche a causa del caldo di questa estate.

Gli abitanti della zona, di via della Volta Buia ma anche di tutto il quadrante, già interessato da altri problemi come il vandalismo notturno della movida, si sono rivolti più volte all’amministrazione comunale. Senza risultati. Ad inizio agosto, l’ultimo tentativo: «Passando per i vigili urbani e poi parlando direttamente con l’ufficio dell’assessore ai Lavori pubblici e alla Gestione del patrimonio Alvaro Ricci. Mi è stato chiesto di scrivere una lettera, che è stata protocollata, e mi è stato promesso un sopralluogo con un ingegnere e un pronto interessamento di Viterbo Ambiente per la pulizia del cinema. Il tutto con molta gentilezza e disponibilità. Peccato che da allora non abbiamo visto assolutamente nulla di questo, l’estate è passata con tutto il suo caldo, il Ferragosto, ora anche Santa Rosa, eppure il Genio è sempre nella stessa condizione». Coi piccioni che ora puntando ad espandere il loro raggio d’azione anche agli edifici adiacenti: più che uccelli sembrerebbero degli squali del mercato immobiliare.

Ruba il fucile a un cacciatore e spara per minacciarlo

di Andrea Arena
Stava partecipando nei boschi di Viterbo a una battuta di caccia con gli amici, ma invece di un cinghiale, si è imbattuto in un agricoltore molto arrabbiato. Che prima gli ha sottratto la radio con cui si teneva in contatto con gli altri membri della sua squadra (così funziona la cacciarella, specialità che attrae tanti appassionati nell’Alta Tuscia e non solo), poi gli ha sottratto il fucile col quale ha sparato un colpo di minaccia. Un brutto spavento, quello capitato nel dicembre di tre anni fa ad un cacciatore, e ora il presunto responsabile di quell’aggressione è finito a processo. Accusato di violenza, minacce e danneggiamento.

L’uomo, un 47enne di Cellere già conosciuto per i suoi eccessi (e attualmente detenuto per altra causa) avrebbe dovuto presentarsi ieri in aula al tribunale di Viterbo davanti al giudice monocratico Giacomo Autizi. Ma per un difetto di notifica in carcere l’udienza è stata rinviata al prossimo 21 dicembre. I fatti risalgono al 27 dicembre 2014, a Cellere. Secondo quando ricostruito, il 47enne avrebbe accusato i cacciatori di essersi introdotti in un terreno di sua proprietà all’inseguimento – o alla ricerca – di un cinghiale.

La sua reazione sarebbe stata esagerata: prima avrebbe strappato il fucile dalle mani di un cacciatore, poi anche l’auricolare della radio che indossava, interrompendo così il collegamento con gli altri compagni di squadra, infine minacciando l’uomo sparando un colpo col fucile. Fortunatamente un colpo in aria, a quanto se ne deduce dal capo d’imputazione, altrimenti l’uomo sarebbe stato accusato di reati ben più gravi. E forse ci sarebbe scappata la tragedia. I fatti dei quali è chiamato a rispondere, comunque, restano pesanti. Più di un grosso esemplare di cinghiale, che per una volta potrà sorridere di certi eccessi degli esseri umani.

Chi è Giorgia Gabriele, la fidanzata di Gianluca Vacchi Chi è Giorgia Gabriele?

una nuova regina dei social, ex modella che ha adesso presentato una linea di abiti alla Milano Fashion Week.

Già da un po’ di tempo si sta affermando sui social una ragazza che ha tutte le carte in regola per calcare l’onda mediatica. Si tratta di Giorgia Gabriele, 31enne originaria di Sora in provincia di Frosinone, nonché fidanzata dell’imprenditore Gianluca Vacchi. Il re dei social mostrava spesso video in cui compariva la ragazza. Adesso abbiamo scoperto chi è Giorgia Gabriele.

Dal carattere deciso, volitivo e forte, dichiara di non voler vivere di luce riflessa. Non vuole che la si conosca soltanto per il fidanzato, noto personaggio dall’indole godereccia e protagonista di feste lussuose a bordo del proprio yacht. Giorgia afferma di non voler essere più additata come “la fidanzata di…” ma di voler una propria identità

Giorgia Gabriele: modella e stilista

Ex modella ed aspirante velina, Giorgia partecipò nel 2008 all’edizione di Veline, vincendo la 57esima puntata. Non tutti sanno che, fisico da urlo a parte, è in realtà anche una stilista in erba. In occasione della Milano Fashion Week, ha presentato la sua personale linea di vestiti, intitolata Wandering. Dice di essere emozionata di essere all’evento più importante della moda a Milano.

Sin da piccola si dichiara affascinata da questo mondo fatto di abiti e sfilate. Comincia fin da giovanissima come a posare come modella e in poco tempo riesce a crearsi contatti nell’ambiente. Adesso ha avuto la possibilità di esprimere se stessa in questa linea e, nonostante non faccia più la modella per altri marchi, ma soltanto per i suoi vestiti, come lei stessa afferma, riesce ancora ad incantare tutti quanti.

Una nuova regina dei social

Giorgia po’ vantare un seguito di ben nutrito sui social, in particolare su Instagram, la grande vetrina che mostra le foto ed i video degli utenti. Ha oltre 1 milione di follower. Questo la porta ad avere una visibilità straordinaria e ad essere parte dello star system insieme al suo fidanzato Gianluca Vacchi.

Altra curiosità della nuova protagonista del web è la sua incredibile modestia. Giorgia afferma infatti di non ritenersi affatto sexy e di aver conquistato il cuore del re dei social in jeans e t-shirt. La ragazza acqua e sapone si mostra sensuale anche con gli abiti meno provocanti e la sua bellezza naturale ce la rende ancora più simpatica.

Atina / Miss Valcomino, Mara Cammarota ospite di un noto locale nel paese sannita

MISS VALCOMINO FOTO 1    MISS VALCOMINO FOTO 5

Domenica prossima, 12 febbraio c. a. alle ore 11.00 circa, la giovanissima Mara Cammarota (foto in alto), originaria di Formia, che ha indossato la fascia di Miss Valcomino, nemmeno maggiorenne, nell’anno 2015 sarà ospite del noto locale di Atina inferiore, Cafè Aurora Gelateria, per degustare un aperitivo.

Sarà accolta dal vice presidente della Provincia, Andrea Amata, dal responsabile dell’Agenzia Electa Fashion Academy, Benedetto Tari, dal Generale manager di Starlab Group, Salvatore Papae dall’ufficio stampa che curerà la pubblicità dell’evento oltre, naturalmente, al bagno di folla previsto che darà il benvenuto alla Miss.

Mara Cammarota, 19 anni appena compiuti, già dotata di una forte personalità, si può ormai definire una Miss a tutti gli effetti.

Dopo la partecipazione ed il successo conseguito nel 2015 al concorso di bellezza intitolato ‘Miss Valcomino’, si è qualificata per la finale nazionale che si è svolta a Mantova nel successivo concorso intitolato: “La fotomodella italiana’, aggiudicandosi la fascia di Miss Lazio.
Ma la bellissima bionda di nome Mara, non si è certamente fermata qui, infatti oltre a prendere parte a numerose sfilate per Atelier di abiti da sposa, è arrivata a calcare le passerelle dello Smac di Salerno indossando capi di Alta Moda e partecipando altresì, come modella di punta, all’evento ‘Black Mood’ organizzato in provincia di Napoli dai parrucchieri professionisti ‘I-Foi’,

Inoltre ha recentemente partecipato come fotomodella al calendario 2016 firmato Starlight, azienda italiana specializzata nella realizzazione di attrezzature e macchinari per effetti speciali tra le più conosciute anche all’estero. La presentazione del calendario è avvenuta a Francoforte in Germania ed il successo è stato indiscutibilmente enorme.

Sempre nello stesso anno Mara ha preso parte alla finale del concorso nazionale ‘La bella d’Italia’ che si è tenuto a Scalea in provincia di Cosenza aggiudicandosi la fascia di Miss Spettacolo.
Mara, nonostante la giovane età, sta di già iniziando un percorso nell’ambito televisivo, ed è apparsa in Tv nel format ‘Stelle Emergenti’ trasmesso su ‘Italia mia Tv’.

E’ stata scelta verosimilmente come inviata per Vip Show un programma con Michele Lunella.
Recentemente infine Mara vanta la partecipazione al video ‘Vida’di Mary Nobre che ha concorso al Grammy a Los Angeles e che si è classificato al primo posto come miglior video pop latino all’Accademia Music Awards 2017 – Produzione Hammer Music Italia.

Quanto all’incontro è in linea con il concorso che propone il seguente slogan: La bellezza incontra il territorio ed entra nella storia.

Miss Valcomino, infatti è un concorso di bellezza destinato alle ragazze del nostro territorio. Si tratta di un progetto dedicato alla bellezza, unico in Italia nel suo genere per la sua forte connotazione ‘turistica’ e ‘sociale’.

Le sue finalità sono le seguenti:

  1. Valorizzare le bellezze artistiche e paesaggistiche dei nostri territori;
  2. Valorizzare i giovani e la loro bellezza;
  3. Mantenere e rafforzare il legame affettivo con gli Italiani nel mondo;
  4. Sensibilizzare i giovani sul tema della fruizione responsabile del tempo libero e della sicurezza stradale attraverso la diffusione del messaggio: ‘Bevo acqua stanotte guido io’.

L’Associazione Electa Fashion Academy e l’Art Direction sono esclusiviste di questa kermesse e si occupano di organizzare il concorso ‘Miss Valcomino’ in tutti i comuni della Valle di Comino e, nelle location, che ne facciano espressamente richiesta.

L’addetto stampa
de: Electa Fashion Academy
Gilberto Farina
Per info: 393 67 16 010
E-mail: gilbertofarina@libero.it

Il Responsabile de: Electa Fashion Academy
Benedetto Tari
Per info: 347 782 29 71
E-mail: benedettotari@gmail.com

Veroli, sabato sarà recuperata la festa della Pantasema

Veroli, sabato sarà recuperata la festa della PantasemaLa festa della Pantasema 2017, rinviata per avverse condizioni meteo, sarà recuperata sabato 16 settembre. La 52ª edizione della Pantasema avrà, quindi, sabato prossimo il suo epilogo con il tradizionale goliardico corteo e l’accensione del mega fantoccio in piazza Santa Salome a Veroli.
Dopo la riuscita “Notte della Pantasema”, una sorta di notte bianca che sabato scorso ha animato dalle 21 alle 2 il centro storico attraverso musica, giochi per bambini, danza, poesia, oltre che l’apertura straordinaria dei diversi siti museali, altro fine settimana all’insegna della festa di piazza. Il corteo sarà animato, come da programma, dalla street band “Zastava Orkestra”, gruppo maremmano con strumenti rigorosamente acustici (ottoni, fiati e percussioni) con il suo repertorio coinvolgente ed esilarante con brani della tradizione balcanica, oltre che arrangiamenti originali che caratterizzeranno uno spettacolo tipicamente di strada.
«Sarà una conclusione degna della migliore tradizione della Pantasema – anticipano il sindaco Simone Cretaro, l’assessore Cristina Verro e Gianluca Scaccia, presidente della Pro Loco, associazione che ha organizzato l’evento in collaborazione con il Comune di Veroli – all’insegna della festa di piazza dove saranno soprattutto le giovani generazioni protagoniste dell’evento».
Appuntamento per tutti sabato 16 settembre alle 17:30 al raduno presso il borgo di Santa Croce per iniziare il tradizionale corteo della Pantasema alle 18.

Neanche un pomodoro per Matteo Renzi a Frascati. E’ già campagna elettorale: “Basta con la politica della paura” – FOTO E VIDEO

renzi frascati1FRASCATI (politica) – Il segretario nazionale del Partito democratico ha aperto la Festa dell’Unità della sezione tuscolana. “Amministrare non è scappare continuamente” ilmamilio.it – contenuto esclusivo Neanche un pomodoro, un uovo marcio. Niente. “Bella Mettè”, lanciato da un ragazzino sul muretto di Villa Torlonia: questo il massimo degli insulti piovuti sulla testa di Satana Matteo Renziarrivato a Frascati in Audi nera ed autore di un one man show di un’oretta o giù di lì. Gli insulti, le minacce, le cassette di pomodori maturi e le scatole di uova lasciate prima marcire per bene sono rimaste nelle case di chi in questi giorni sui social ha aizzato e sputato veleno.

Per il modesto cordone di sicurezza, rinforzato comunque da una squadra della celere oltre che dalla polizia del commissariato di Frascati e da carabinieri anche in borghese, in pomeriggio di riposo. Ma si sa: un conto è Facebook, un conto la realtà. Tra i leoni di tastiera e contestatori di piazza passa un oceano.

A luglio nuovo record del debito. Vola a 2.300 miliardi

 © ANSA

Nuovo record del debito delle pubblico: a luglio è stato pari a 2.300 miliardi, in aumento di 18,6 miliardi rispetto al mese precedente. Lo comunica la Banca d’Italia spiegando che l’incremento ha riflesso l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (per 32,9 miliardi, a 85,6; erano pari a 101,0 miliardi a luglio 2016), in parte compensato dall’avanzo di cassa delle Amministrazioni pubbliche (13,3 miliardi).

Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 19 miliardi, in calo di 400 milioni quello delle amministrazioni locali.

A compensare l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro, scrive via Nazionale nel fascicolo “Finanza pubblica, fabbisogno e debito”, è anche l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio (1,1 miliardi). Quanto agli enti di previdenza il debito “è rimasto pressoché invariato”.

L’addio spettacolare di Cassini – DIRETTA DALLE 12,00 La missione dei record si chiude con il tuffo nell’atmosfera di Saturno

L’addio della sonda Cassini promette di essere spettacolare: a 20 anni dal suo lancio e a 13 anni dalle sue incredibili corse fra le lune e gli splendidi anelli di Saturno, poco prima delle 14,00 la sonda realizzata da Nasa, Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi) si tufferà nell’atmosfera del pianeta, distruggendosi.

La manovra viene seguita in diretta dalle tre agenzie spaziali e dall’Italia lo faranno insieme Asi ed Esa, nell’evento organizzato presso l’Asi, che prevede collegamenti con il centro di controllo della missione presso il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa e con il Sardinia Radio Telescope (Srt) che sarà in ascolto degli ultimi segnali della sonda. L’ANSA trasmetterà l’evento in diretta streaming con l’Asi sul canale Scienza e Tecnica.

Il tuffo di Cassini nell’atmosfera di Saturno, che porterà alla distruzione della sonda è l’ultimo della lunga serie cominciata nell’aprile 2017, quando Cassini ha cominciato una serie di acrobazie nel sistema degli anelli. La manovra finale è stata voluta e decisa proprio in virtù delle eccezionali scoperte fatte dalla missione, che ha inviato sulla Terra le immagini dei monti e dei fiumi di idrocarburi della più grande luna di Saturno, Titano, e i dati che indicano che i ghiacci di un’altra luna, Encelado, nascondono un oceano che potrebbe ospitare la vita. Distruggere la sonda significa, quindi, evitare che un’eventuale collisione possa distruggere l’ambiente di questi mondi, compromettendo future scoperte.

Dopo aver percorso 294 orbite in 13 anni intorno al pianeta degli anelli, poco prima delle 14.00 la sonda si tufferà alla velocità di circa 113.000 chilometri orari, circa 10 gradi a Nord dell’equatore di Saturno. Non sarà un addio ‘silenzioso’ perché anche nei primissimi istanti della discesa e fino all’ultimo momento continuerà a inviare a Terra nuovi dati, da aggiungere a quelli raccolti negli ultimi mesi, tuffandosi tra un anello e l’altro, e che ancora per molto tempo terranno occupati ricercatori di tutto il mondo.

Roma, ladro di auto bloccato alla Garbatella dopo un rocambolesco inseguimento

Dopo un rocambolesco inseguimento, gli agenti di polizia del commissariato Colombo hanno proceduto all’arresto di un giovane albanese con vari precedenti. Nella tarda serata di ieri, la sala operativa aveva diramato le ricerche di una Ford Escort  rubata in via Salvatore Pincherle, zona Garbatella. Immediato l’intervento dei poliziotti che, intercettata l’auto con due persone a bordo,  hanno cercato di fermarla. Ma il conducente, alla vista della volante, ha lanciato il mezzo a tutta velocità per le vie del quartiere mettendo a rischio l’incolumità dei pedoni nonché degli automobilisti in transito.

L’inseguimento, iniziato in via Giacinto Pullino è proseguito in piazza Albini, via Licata, via Caffaro per poi svoltare contromano in via Giovanni Ansaldo ed ancora contromano in via Vettor Fausto per concludersi in via Passino, piazza Damiano Sauli e via Luigi Montuori, strada senza uscita dove i due abbandonavano l’auto e si davano alla fuga. Mentre uno dei due faceva perdere le proprie tracce, l’altro, conducente del mezzo rubato, veniva invitato all’alt  da un poliziotto libero dal servizio in transito che, avendo notato i colleghi rincorrere il fuggitivo, nel tentativo di ostacolarne la fuga è stato scaraventato a terra dallo stesso riportando lesioni guaribili in 6 giorni.

Il rocambolesco inseguimento, si è interrotto poco dopo, quando il reo, rallentata la sua corsa dopo essere scivolato, è stato raggiunto dagli operanti, finalmente bloccato ed arrestato con indosso ancora gli arnesi atti allo scasso. Il processo che ne è seguito ha portato alla custodia cautelare in carcere del reo con una  condanna di 3 anni e 2 mesi di reclusione. Proseguono le indagini per rintracciare il complice.