Tag: Sal Di Giorgi

“Storia delle Guardie Municipali a Mazara del Vallo 1860” di Sal Di Giorgi e Salvatore Coppolino

Il libro “Storia delle Guardie Municipali a Mazara del Vallo 1860” (Cicero Antonino Editore) nasce da una specifica iniziativa del Dirigente Comandante Salvatore Coppolino, a chiusura della sua carriera proprio a Mazara. Il testo è stato scritto a quattro mani, assieme all’autore mazarese Sal Di Giorgi, Direttore Artistico del premio letterario “Premio Mazara Narrativa”, il quale è anche co-autore dell’inno (parole e musica) appositamente composto per il Corpo, affinché vada a completare il progetto di valorizzazione culturale della tradizione municipale.

Il risultato di questo lavoro è quello di costituire una base di partenza alle future generazioni di vigili, una base di partenza per future ricerche e approfondimento trattandosi di una tematica potenzialmente infinita.

«Con questo libro, abbiamo messo insieme diverse fonti osservando un ordine cronologico, e abbiamo considerato la storia millenaria di Mazara un buon punto di partenza dando ampio spazio al periodo storico che ha dato uno “strumento di difesa di città” ovvero quello delle torri. Torri che a mio modesto parere, hanno anticipato la difesa della città con la costituzione di un corpo di Polizia Municipale.commenta Sal Di GiorgiIl vivo auspicio è che l’opera, nel suo insieme, possa essere uno stimolo e un modello di base per ulteriori approfondimenti futuri, suscitando analoghi interessi anche da parte di altre Amministrazioni Comunali italiane». 

Da giugno 2022 “Storia delle Guardie Municipali a Mazara del Vallo 1860” sarà disponibile su Amazon.

Sal Di Giorgi è nato nel 62 a Mazara del Vallo (TP). Dopo la maturità si iscrive all’Università di Bologna “Alma Mater Studiorum” e si laurea in Scienze Giuridiche.

Nel 2011 pubblica il romanzo “Una notte per pensarci”. Nel 2013 pubblica il romanzo “La donna del dubbio” Nel 2015 ha ideato il concorso letterario biennale “Premio Mazara Narrativa Opera Prima” e in qualità di Direttore Artistico e Presidente di Giuria ha condotto le prime tre edizioni (2015, 2017, 2019) realizzando anche le antologie omonime. Nel 2015 scrive la canzone “Senza parole” Nel 2016 pubblica il romanzo “Figlio della luna”. Nel 2017 scrive assieme a Samantha Petrucci il soggetto e la sceneggiatura per due puntate fiction tratta dal romanzo “Figlio della luna” Dal 2017 al 2019 fa parte della scuola di teatro del Navile di Bologna e frequenta il Corso Biennale di formazione dell’attore alla Scuola di Teatro diretta dal regista Nino Campisi.

Nel 2021 riceve la menzione di merito per la lirica “Taliannu ri la finestra” (in vernacolo) al concorso di poesie innAnzitutto ad Anzi in provincia di Potenza tratta dalla raccolta “La poesia accende riflessione”.

Nel 2021 scrive la canzone “La giostra dei ricordi”. Nel 2021 assieme al Dirigente comandante della Polizia Municipale di Mazara del Vallo Salvatore Coppolino scrivono la storia della Polizia Municipale di Mazara.

Nel 2022 scrive il testo e la musica dell’Inno della Polizia Municipale di Mazara del Vallo: “Evviva la città».

Christian Panico: disponibile in radio il nuovo singolo “LA GIOSTRA DEI RICORDI”

Dal 22 ottobre in radio negli store e sulle piattaforme digitali arriva il nuovo singolo inedito di Christian Panico “LA GIOSTRA DEI RICORDI” brano che ha scritto con Andrea Tosi, che ha curato anche gli arrangiamenti, con il testo di Sal Di Giorgi.

“Questo brano descrive una storia vissuta da tanti, chi di noi non ha sofferto per un amore andato, viscerale, che distrugge dentro – dice Christian Panico – ecco, credo che qui si senta tutta la disperazione di una persona abbandonata che viene divorata dai ricordi. Quei ricordi che nel tempo tornano, come una giostra che gira…”

Ricordando un amore finito ci si chiede a chi poter dire le parole non dette e come poter rivivere le possibilità perdute. Riprovare è la soluzione, l’alternativa alle domande senza risposta. L’inquietudine di un amore vissuto in solitudine è simile a un giro in giostra – dichiara Sal Di Giorgi autore del testo – tutto intorno è veloce e dai contorni sfumati tranne la verità del sentimento che viene gridato, affermato e desiderato.”

Qui il video: https://youtu.be/GQx6fSEOvss

“Parlando del video, girato a Villa Borghese a Roma – racconta il regista Leo Barbato – il protagonista è con la sua attuale compagna con cui cerca di avere un contatto e un dialogo ma lei è sfuggente, e rivedendo la sua ex che con un altro uomo, è felice e in atteggiamento amoroso, il protagonista entra nelle scene cantando la disperazione per il suo amore perduto, tentando attraverso la musica di farla arrivare alla ragazza, ma lei è felice e lo si vede, in un susseguirsi di immagini, come sia riuscita a sostituire quello che provava per il protagonista, con il nuovo ragazzo.”

 

Christian Panico nasce a Roma e cresce in una famiglia appassionata di musica. Il suo quotidiano viene influenzato dai gusti dei genitori, in quanto a casa Panico c’è sempre musica. Il giovane Christian, è uno studente molto eclettico e frequenta le scuole elementari e medie, al PIO IX, dai preti Lasalliani. Viene scelto come componente e voce bianca solista, nel Canticorum Jubilo, coro diretto dal Maestro Lattanzi che gli ha permesso di cantare davanti a Papa Giovanni Paolo II che in quella occasione, lo chiamò a sé, dopo l’esibizione e gli diede un bacio in fronte dicendogli: “Va e canta!”, ricordo che ancora oggi, rimane vivo nel cuore del tenore. Negli anni dell’adolescenza, le attività di Christian si dividono tra Musica e Sport. Infatti, in quegli anni, inizia le sue prime registrazioni vocali ed è voce solista di diverse band. Al contempo, mamma Daria, per placare il suo carattere molto vivace, inizia a fargli praticare diverse attività e dopo aver praticato nuoto a livello agonistico e molti altri sport, Christian inizia a praticare Atletica Leggera. Decide però di dedicarsi alla musica e appena maggiorenne, diventa voce e leader della cover band “Black Queen”, dedicata alla sua band preferita i Queen, il cui leader Freddie Mercury ha sicuramente influenzato la sua carriera artistica.

Iniziano le esibizioni dal vivo. Capisce subito che per “domare” la potente voce, con una estensione vocale di oltre 4 ottave, deve studiare. Partecipa a diversi spettacoli teatrali cantati, tra cui il popolare “Emozioni”, musical con le musiche di Lucio Battisti, in cui canta in coppia con Alessandra Drusian, dei Jalisse. Nello stesso periodo, durante la promozione del Musical, conosce Paolo Limiti che lo invita, come cantante protagonista, nel programma televisivo Rai, “Ci vediamo in TV”. Christian Panico, non è solo un cantante con doti atletiche (ottiene da giovane molti risultati in diverse discipline), ma anche un attore, infatti tra le altre cose, ha un piccolo ruolo nella fiction “I Cesaroni” e nei film “Trenta righe per un omicidio” con Luca Barbareschi e “Nazareno”. Nel 2011 arriva la svolta, grazie ad un casting per una prestigiosa location Russa, frequentata dai più importanti imprenditori e personaggi dello spettacolo, viene scelto e subito inizia la sua carriera di cantante professionista. In pochi anni, a Mosca e in seguito, in tutta la Russia, arriva ad avere una popolarità tale, da vederlo come uno dei pochi artisti ad essersi esibito nel prestigioso Teatro del Cremlino come solista e nelle principali TV Russe. Si esibisce con artisti di fama internazionale come Nikolai BascovEmin AgalarovTimoti e molti altri. Proprio nel periodo “russo”, cambia il suo stile canoro, da Pop/Leggero a Pop/Lirico, una scelta che si rivela fondamentale, per il suo percorso artistico. Riceve il Premio alla Cultura “Stella di Rubino”, grazie al suo impegno nell’aver fatto conoscere la musica italiana in Russia e in tutto l’Est. Sentendo il bisogno di condividere con gli altri la sua conoscenza in campo canoro inizia l’insegnamento diventando vocal coach di diversi professionisti che vivono in Giappone, Russia e ovviamente in Italia. Grazie anche all’incontro con uno dei suoi artisti preferiti, Andrea Bocelli, con cui si confronta, capisce l’importanza dei social media per un artista e durante il Lockdown dovuto al Covid, decide di tenere compagnia agli italiani e non solo, esibendosi live da casa. Il suo video in cui canta “Hallelujah” di Choen in italiano, diventa virale, totalizzando circa 15 milioni di visualizzazioni su facebook e 1 milione sul suo canale YouTube. Viene per questo contattato da Tommaso Ricci, il quale gli dedica l’intera puntata del programma Mizar su Rai2, occasione in cui Christian presenta il suo primo inedito “Alle spalle della falsa libertà”, brano scritto dal compositore Santi Scarcella. Ma è dal 2020 che insieme al Maestro Andrea Tosi, inizia un nuovo progetto discografico che per la prima volta lo vede anche compositore e paroliere.

Esce il 22 ottobre 2021 il secondo inedito “La giostra dei ricordi”, brano scritto in collaborazione con Andrea Tosi con il testo di Sal Di Giorgi.

 

https://www.christianpanico.com

https://www.instagram.com/christian_panico_official/

https://www.facebook.com/ChristianPanicoOfficial/