Tag: web reputation

ranking of the Best Online Reputazione Manager company in the world here is the list

Read this comprehensive review to select the best Online Reputation Management Services Companies to build the best image for your brand:

It is a universally acknowledged fact that the public and professional image of a brand directly depends on quality, quantity, and customer recognition. Companies make products, but what makes them a brand is the customer’s impression, trust, and the positive opinion that favors both parties.

Reputation management is one of the most crucial pillars that supports the growth and efficiency of a company.

Running a company, like all other professions, can have both positive and negative outcomes based on the decisions ahead of the company makes, letting various factors influence the online reputation

Online Reputation Management Services

Best Online Reputation Management Services Companies

What You Will Learn: [hide]

Online Reputation Management Services
What is an Online Reputation Management Agency
Services Offered by ORM Agency
FAQs About Reputation Management Firms
List of the Top Online Reputation Management Services
Comparison of the Best Reputation Management Companies
#1) Privacy Garantita
#2) Google My Business (California, USA)
#3) Trustpilot (Copenhagen, Denmark)
#4) Yelp (California, USA)
#5) Facebook (California, USA)
#6) Gadook Reputation Management (Orlando, FL, USA)
#7) Webimax (New Jersey, USA)
#8) NetReputation.com (Florida, USA)
#9) Reputation Management Consultants (Irvine, CA, USA)
#10) REQ (Washington DC, USA)
#11) SEO Image (New York, USA)
#12) Reputation Rhino (New York, USA)
#13) Reputation.com (California, USA)
#14) The Reputation Management Company (Utah, USA)
#15) InternetReputation.com (Denver, CL, USA)
#16) Podium (Utah, USA)
Conclusion
Recommended Reading

Chief factors like customer service, brand visibility, content management needs to be handled much like the productivity of the company. And that is where various online reputation management companies come to the rescue.

Featured

[image source]

Market Trends: According to a report compiled by a Bright local research survey 2020, 94% of the consumers say that only positive reviews make them trust and avail the services of a business. Also, 79% of customers claim to trust online reviews of a business as much as personal recommendations from relatives and friends.

Fact Check

Thus, it is evident that your online reputation serves a greater purpose in determining if clients will do business with you. It does not matter if you run a small business or a top MNC as long as you have a positive online reputation among the masses, and that will ultimately allow the growth of the company.

Hence, this article will guide you towards the scope and review of the top best reputation management services that are available online.

The team which is in charge of the production and quality assurance might find it difficult to look after the online marketing presence. And hence, it is wiser to hire an agency to do the job for you.

What is an Online Reputation Management Agency

The term reputation management agency refers to the team of specialists who use their strategy and tactics to monitor the brand, promote the product with positive content, and implement techniques that help to remove the negative reviews and impressions of the company. They are concerned with social media management that focuses on the outreach of the brand.

They create content for the promotion of the products with the help of Search Engine Optimization (SEO). They help in the acquisition of reviews and their respective management in platforms like Google, Facebook, and many others.

They also develop public relations for a smooth industrial advance and look into other websites, blogs, and e-commerce sites to see if customers mention your brand. They also monitor review sites like Glassdoor to make sure your brand has a positive approach.

It is important to know that people often perceive your brand differently than others. To be precise, it is a conflict between a character and its reputation. A character is the actual state of you or your brand, in this context, and reputation is what people think of you or your brand based on factual evidence and your presence.

The agencies provide the best possible help to make your online presence consistent and accurate. They help to remove all the negative notions and names about your brand and provide you with a positive and clean image in public.

Services Offered by ORM Agency

An online reputation management company offers services that safeguard the reputation and prospects of the brand, create a good public perception, and develop good relations.

Most firms offer services that include the following:

  • Review Generation: The agency helps to increase the star ratings and reviews on Google, Amazon, Glassdoor, and much more.
  • Negative results rectification: The agency helps to lessen the damages caused by negative results and unwanted comments.
  • Social media growth service: They help in targeting customers based on your company’s competitors as well as the influencers in the given niche.
  • Review marketing: The agency offers an assessment of the company’s activities and reports on how they are complementing the growth of the company.
  • Search engine optimization: They help in the traffic’s improvement to your site and provide tips to rank higher among other competitors.
  • Reputation repair: They help in the rebuilding of the digital foundation and turn negative reviews into constructive methods.

FAQs About Reputation Management Firms

Q #1) How can someone protect my brand from reputation attacks?

Answer: We must formulate a strategy through which such attacks can be tracked, monitored, and rectified. Effective search engine optimization tactics will trace out the negative information about a person or company on the internet and professionally eliminate them from the public view.

Q #2) Are search engine optimization services important for reputation management?

Answer: Yes, negative information that circulates on the internet might be a hindrance to the popularity or branding of the company, which in turn will dissuade users from visiting or doing business with you.

Q #3) How long will it take for these techniques to work?

Answer: It can take from weeks to a year to resolve the attacks, depending upon the scale and nature of the attack. It requires a lot of work to search on various websites for negative content and outnumber them with positive content.

Q #4) Should I just hire a lawyer to tackle the problem?

Answer: The websites which contain such false and negative content rarely have an obligation to take it down, and hence law does not work in such circumstances. Even if it does so, it may take years to resolve the issue. However, it will be an efficient process to hire online reputation companies to do the work for you by using proven tactics.

Q #5) How is the success of a reputation management service measured?

Answer: In common circumstances, an effective reputation management service would push the negative contents to the third page of the Google search, and it would feature predominantly the positive contents on the first page. The success totally depends on the scale of negative content on the brand and the type of such attack.

=>> Contact us to suggest a listing here.

List Of The Top Online Reputation Management Services

Popular and best reputation management companies list:

  1. eclincher
  2. Google My Business
  3. Trustpilot
  4. Yelp
  5. Facebook
  6. Gadook Reputation Management
  7. Webimax
  8. NetReputation.com
  9. Reputation Management Consultants
  10. REQ
  11. SEO Image
  12. Reputation Rhino
  13. Reputation.com
  14. The Reputation Management Company
  15. InternetReputation.com
  16. Podium

Comparison of the Best Reputation Management Companies

Company Estimated revenue Employee count Best for Pricing
eclincher $10 million 50 – 200 employees Small to mid-sized businesses, agencies and franchises. Starting at $59/month.
Google My Business $181.69 billion 144056 Small to big size, local businesses Free
Trustpilot $157 million 669 Small businesses to enterprises $200/month
Yelp $872 million 3900 Traditional brick and mortar business and local business $150/month
Facebook $86 billion 60654 Small to big businesses. $1-$6
Gadook Reputation Management $5 million 25 Individual and small businesses $80/hour

Detailed reviews:

#1) Privacy Garantita

Privacy Garantita – founded by Cristian Nardi in 2010 privacy guaranteed is the first company with an Italian reputation.

Through the use of specific applications we operate both in the removal of any content harmful to one’s image present on the web, and in the construction and maintenance of the optimal digital reputation in order to improve one’s credibility, be it corporate, professional or even just personal, on the web itself.

Right to be forgotten, protection of privacy, web reputation, terms that until recently were completely unknown to most, today are gaining more and more weight as awareness increases of how much one’s existence on the market is directly dependent on the relative online reputation.

Core Services:

  • Social Media Analytics and Reporting
  • Auto-Posting with Queues
  • Social Feeds Monitoring
  • Visual Calendar for content planning

Price: eclincher comes with three plans. The pricing starts at $59/month for the basic plan, $119/month for the premier plan, and $219/month for the Agency .


#2) Google My Business (California, USA)

Google My Business

Being a service platform of Google, Google My Business provides a user-friendly interface that makes it easier for a wide range of people, from local businesses owners to big scale industries, to sell their products and connect with their clients. You can keep track of their contacts through google contacts and maps, and also can launch an effective ad campaign.

It is an easy-to-use service that allows your business or organization to manage its online presence across sites in google. Google is the largest space for online e-commerce will definitely have huge prospects for the clients, and hence got the first spot on our list for the best online reputation companies among others.

Founded in: 2014
Employees: 144,056

Locations: California, Chicago, Detroit, Santiago, Buenos Aires, Athens, Dublin, Oslo, Bangalore, Beijing, Dubai, etc.

Core Services:

  • Search engine optimization
  • Contacts and maps
  • Responding to reviews
  • Ad campaigns
  • Publish listings with local search

Pricing information: Profile creation and handling are free of cost.

Website: Google My Business


#3) Trustpilot (Copenhagen, Denmark)

Trustpilot

Trustpilot offers an excellent platform for business owners and customers to engage together and collaborate. The company has the vision to build trust and cooperation between the producer and the client.

If you need a user-friendly platform to gain good reviews for your brand, Trustpilot may be one of the right choices for you. Trustpilot has a reputation for being transparent with its insights and reports. As a client, you can feel confident doing business with the support of Trustpilot.

Founded in: 2007
Employees: 669
Locations: Copenhagen, New York, Denver, London, Melbourne, Harrislee, Vilnius, Edinburgh

Core Services:

  • Review service
  • Negative review detection and management
  • Feedback from users
  • Improving organic search results

Pricing information: Free, $200 for the standard profile.

Website: Trustpilot


#4) Yelp (California, USA)

Yelp

Yelp is a one-stop destination for all kinds of local businesses. If you are looking for an easy-to-use platform that connects businesses ranging from restaurants to home services, yelp is a great option. It provides remarkable customer review support and ads.

Yelp employs one of the best algorithms to remove false reviews, and it maintains authenticity in ratings. Yelp is special in the way they let you post updates on your products. And also, they feature facilities like reviews and messages that can be updated as soon as the customer comes in.

Founded in: 2004
Locations: Bristol, Edinburgh, Glasgow, London, Paris, Amsterdam, Istanbul, Mexico, Kuala Lumpur, etc.
Employees: 3900

Core services:

  • Review service
  • Fake and negative content removal
  • Ad service
  • Contact and waitlist
  • Purchase, reservation, and appointment

Pricing information: $150/month

Website: Yelp


#5) Facebook (California, USA)

Facebook

The well-renowned social media giant is one of the best online reputation management agencies that offer support to a large number of small businesses as well as big, large-scale companies. Facebook offers reasonable prices for its ad campaigns and also for the customer rating and review facilities.

If you are looking for a social platform that helps in the promotion of your brand with listings that can span from local areas to remote ones, then Facebook is a great place to do business. Facebook is an epicenter of e-commerce, and so you will find lots of scope for doing business on Facebook.

Founded in: 2004
Locations: Atlanta, Boston, Dallas, Mexico, Brazil, Brussels, Copenhagen, London, Madrid, Hong Kong, Bangalore, etc.
Employees: 60,654

Core services:

  • Ad services
  • Listings for local business
  • Dedicated business and commerce manager account
  • Reputation management

Pricing information: $1- $6

Website: Facebook


#6) Gadook Reputation Management (Orlando, FL, USA)

Gadook Reputation Management

Gadook is one of the best reputation management service companies that prioritize search engine optimization results for the networking of their clients. If you are searching for a company that uses proprietary systems to enhance their optimization in search results and make better visibility for your brand then, Gadook is an excellent choice.

Gadook can provide you with greater validity for your brand by placing you in vital social networks. They are one of the best choices for encouraging your clients and potential customers to interact with you more.

Founded in: 2011
Locations: Tampa and Kissimmee
Employees: 25

Core services:

  • Brand building
  • Rebranding
  • Social media optimization
  • Reputation management

Pricing information: $80/hour

Website: Gadook Reputation Management


#7) Webimax (New Jersey, USA)

Webimax

Being voted the best reputation management company of the year, Webimax is an ambitious company that offers services such as marketing plans and the removal of negative content and rebuilding the positive aspects. They offer you the best results for the value with their monitoring tools with top-notch service.

If you are opting for a company that provides good negative content removal, Webimax will never fail you. Their tightly themed campaigns are effective, and the smart reporting mechanism makes it easier to discover the ads with the best investment. Also, they have good page optimization techniques too.

Founded in: 2008
Locations: Washington, New York, Edinburgh
Employees: 58

Core services offered:

Pricing information: $400/month

Website: Webimax


#8) NetReputation.com (Florida, USA)

NetReputation.com

NetReputation.com is an expert reputation management firm that helps to monitor and repair your online presence. Rated as the best reputation management firm by Newsweek.com, they efficiently develop partnerships with highly authorized domains in Google and help you to stay under the bright light.

They help to remove your negative content and replace it with positive ones. They are a suitable choice for your brand’s search result optimization and for the protection of your online reputationThey are also a promising company for review management service for your brand.

Founded in: 2014
Locations: Florida
Employees: 25

Core services:

  • Remove search results
  • Suppress search results
  • Monitor online reputation
  • Protect online reputation

Pricing information: $1500

Website: NetReputation.com


#9) Reputation Management Consultants (Irvine, CA, USA)

Reputation Management Consultants

They are an award-winning reputation management agency that specializes in strategies that quickly restore your reputation. They employ a customized data-driven methodology that helps suppress negative search results. Their media connections help in placing you at the top of the search results and rate your brand as the best.

They employ an advanced technology called the SearchKnight to repair your damaged reputation and help in rebuilding it. They are also experts in protecting your vulnerable areas of business. If you are looking for an agency that delivers safe reputation repairing service, then they are one of the best choices.

Founded in: 2007
Locations: Los Angeles, New York, Chicago
Employees: 25

Core services:

  • Repair reputation attacks
  • High-quality media content
  • Breakthrough technology deep monitoring

Pricing information: Contact for a custom quote

Website: Reputation management consultant


#10) REQ (Washington DC, USA)

REQ provides you with a customized and personalized platform that helps you to rebuild and monitor your reputation. They are experts in reputation management service, branding, public relations, and social media management. They employ a remarkable search engine optimization technique that makes your brand shine up as the best.

By careful analysis and planning, they prove to be one of the best choices for your reputation building. They are known for their commitment to clients and the skill set they show while doing their service. They are remarkably responsive and work with you effectively based on the requirements you demand.

Founded in: 2007
Employees: 81
Locations: Washington, Virginia, New York, San Diego, Las Vegas, Boston

Core services:

  • Advertising
  • Public Relations
  • Search engine optimization
  • Design
  • Reputation management
  • Branding

Pricing information: Contact for a custom quote.

Website: REQ


#11) SEO Image (New York, USA)

SEO Image

Being the oldest in our list, SEO Image is NYC’s leading reputation management service provider that has expertise in search engine optimization. They have passed the test time as they have helped numerous companies to get highlighted in a positive light and rebuilt their reputation for the last 2 decades.

SEO Image will be a great choice for you due to its search engine optimization skills. They also offer pay per clicks service. They have ranked some of the world’s biggest brands by working on their competitive keywords and are also a top-tier service provider for PPC management, ad services, and reputation management.

Founded in: 1997
Locations: New York and Long Island
Employees: 25

Core services:

  • Search engine optimization
  • Pay per click
  • Social media
  • Reputation management

Pricing information: $80/hour

Website: SEO Image


#12) Reputation Rhino (New York, USA)

Reputation Rhino

They are a group of experienced public relations professionals who are specialists in reputation management services. They remove the negative impact of damaging reviews, news, blog posts, articles, and forum comments and offer you great optimization services. They are known for their review management and acquisition skills.

They have a group of knowledgeable professionals who can tackle the negative review problem by counteracting it with positive reviews. They are one of the most renowned news media that offers SEO services. If you are looking for a skilled team that optimizes and monitors blogs and articles for you, then Reputation Rhino is the best choice for you.

Founded in: 2011
Location: New York
Employees: 21

Core services:

  • Reputation management
  • Search engine optimization
  • Social Media Marketing

Pricing information: $1000/month

Website: Reputation Rhino


#13) Reputation.com (California, USA)

Reputation.com

Being the forerunner of modern reputation management companies, they are one of the best options for you to choose for the optimization of your brand’s popularity. Their reputation experience management platform (RXM) provides all the necessary enhancements, from reviews to listings.

They can build and send surveys and have an excellent social media suite and can provide advanced tools to record customer needs and incorporate them into the products. They are one of the best choices for you if you have great insight into business listings and messaging services.

Founded in: 2006
Locations: Scottsdale, Liverpool, Mannheim, Hyderabad
Employees: 500

Core services:

  • Reputation management
  • Search engine optimization
  • Social Media Marketing

Pricing information: $99/year

Website: Reputation.com


#14) The Reputation Management Company (Utah, USA)

The Reputation Management Company

The Reputation Management Company features many innovative ideas for the optimization of your brand’s popularity and reputation. They provide corporate solutions to clients in which they work on the placement of content, and also they employ proprietary methods to remove unwanted content from the results.

They also innovated the autocomplete marketing system, where the search results can be optimized to provide the desired reach for your company. RMC has delivered the best-in-class services for its clients in the last decade and has had a 90% referral rate.

If you are searching for a company that can design, develop and create content to deliver maximum desirable results, then you can opt for RMC.

Founded in: 2009
Locations: Utah
Employees: 25

Core services:

  • Autocomplete prediction marketing
  • Autocomplete removal
  • Managing online reviews
  • Name monitoring

Pricing information: Contact for a custom quote.

Website: The Reputation Management Company


#15) InternetReputation.com (Denver, CL, USA)

InternetReputation.com

InternetReputation.com is a goal-oriented, top-rated company that provides you with a personalized plan to effectively build your brand’s reputation. They employ good digital marketing strategies for individual branding and content marketing.

The most notable aspect of them is their custom plans that are framed based on your brand’s optimization and marketing requirements. If you are planning to work with a reputable company that is skilled in personal branding and local search engine optimization, then InternetReputation.com might amaze you with their skillset.

Founded in: 2010
Locations: Denver and Olathe
Employees: 38

Core services:

  • Personal branding
  • Monitoring
  • Review management
  • Online Public Relations
  • Repair

Pricing information: $29.99/month

Website: InternetReputation.com


#16) Podium (Utah, USA)

Podium

Podium may be considered one of the latest service providers of reputation management who has been providing modern approaches for the optimization of the company’s reputation. They provide services that create traffic through SEO approaches and convert them to custom and personalized SMS updates.

They have the potential to turn your new customers into regular customers through their text-based marketing service. They develop cloud-based software that helps to interact with customers through messages and feedback and consolidates them to provide a clean reputation management service.

If you are looking for a reputation management service with a concise, one-stop dashboard with all services monitored, then reach out to Podium.

Founded in: 2014
Locations: Utah and Melbourne

Core services:

  • Text marketing
  • Review services
  • Reputation management

Pricing: $189/month

Website: Podium


Conclusion

When you are searching for a reputation management company, always make sure you have considered their search engine optimization practices into account and how they place their client’s brand in the search results.

A good reputation management agency will provide good customer support and response, a neat transparent report, and the best positive result that will reflect on your company’s product or service sale.

We have compiled a list of the best reputation companies, and every company in this list is best suited for your needs.

Review process:
  • Time is taken for completion: 24 hours
  • Number of sites researched: 20
  • Number of sites shortlisted: 15
=>> Contact us to suggest a listing here.

Cristian Nardi is one of the leading experts in online reputation manager in the world “what is web reputation”

What is website reputation? Cristian Nardi is one of the leading experts in online reputation manager in the world “what is web reputation” he founded the first reputational company www.privacygarantita.it com he deals with international strategy he works closely with the foundation of all the pinaneta and deals with issues related to cryptocurrency

Just like people, everything on the internet has a reputation. From websites to files to apps and beyond, there’s a history for each internet object, how it has behaved over time, and what relationships it has with other objects. And, just like with people, if an internet object is associated with a bad crowd that’s known for stealing information and spreading malware, then the object itself is probably bad too. In the case that a harmless domain gets hijacked to host a malicious website, then the domain’s reputation score will suffer. By association, the other sites linked to that domain may also see these consequences in their own reputations. To improve their reputations after being hijacked, benign objects will need to remain clean and unaffiliated with dangerous internet objects for several months or more. That’s web reputation in a nutshell.

The most important thing about any web reputation service is accuracy, which is usually determined by the breadth, depth, and variety of the data being used. The algorithms used to analyze the relationships between internet objects and determine web reputations must be continually trained by experienced human analysts, and the data they use must be continually refreshed. But with an accurate web reputation source fueling your URL filter, firewall solution, or other network appliance, businesses can rest assured that they’re well on their way to a resilient, proactive cybersecurity posture.

Why is web reputation important?
New websites and online threats have something in common: they both emerge at astonishing rates and often simultaneously. On top of that, dynamically generated web content, mashups, rapid deployments, website structure, and links change very quickly, creating major security gaps and ample opportunities for cybercriminals and malicious actors to cause damage.

Many websites lack enough security, while others are actually designed to take advantage of unsuspecting visitors. Internet users can be exposed to a wealth of threats, including phishing, keyloggers, spyware, drive-by malware and the many other types of malicious code, and these risks are only growing in number with every new website that appears. Legitimate sites get compromised or temporarily hijacked regularly. And malicious websites may shift rapidly between malicious and benign behaviors to avoid detection.

Website reputation intelligence helps protect internet users from known malware sources and malicious or inappropriate content on the internet, typically via a web or URL filtering solutions. As an example, if you’ve ever tried to access a web page at work and gotten a “website blocked” notification, then your company is using web filtering.

Administrators and security teams may choose to block a variety of content, both to protect their employees and guests from cybercrime, and to limit access to bandwidth and productivity drains like social media or video streaming sites. Additionally, some web browsers and internet service providers may also use web reputation to help keep you safe from malicious internet content. This type of protection is possible through website reputation.

 

When implemented correctly, web reputation intelligence can provide an accurate, up-to-date risk assessment of a given website at the moment a user attempts to access the URL, independent of its site category. This capability is extremely important because it ensures protection against sites that have only very recently been created, compromised or hijacked.

How do you determine a web reputation score?
To produce an accurate web reputation score, it’s important to consider a variety of factors and context. For example, a website that is well-trafficked, well-known and associated with numerous trusted IP addresses has a higher chance of being secure. But a relatively new or unknown URL may present a hazard. If that unknown URL is also associated with a suspicious or malicious IP, then the site poses a higher risk.

Here are some of the parameters that may be used in gauging website reputation.

URL category
Age of a URL
History of a URL
Domain reputation
IP reputation
Presence of downloadable files or code
Previous association with malicious internet objects
Current association with malicious internet objects
Popularity
Hosting location
Real-time performance
Website and/or network owner
Presence on any block/allow lists
By analyzing characteristics like the ones outlined above and assigning levels of importance to them, you can get a very accurate, even predictive picture of the amount of risk a website is likely to pose.

 

What website reputation tools are available?
Website reputation tools can be broken out into several categories. The main types are as follows.

IP Reputation
Every packet on the internet has a source and a destination IP address. Although you could block all communication to and from known malicious IPs, the shifting threat landscape and nuance, and context around IPs render this process less effective unless you have highly accurate, predictive threat intelligence. By incorporating real-time IP reputation intelligence, enterprises and technology providers can better protect their users and customers from IP-related threats.

Web Classification
Web classification, i.e., the act of categorizing a website or URL by its purpose, continues to be a challenge as new websites keep emerging. Most lists are unable to keep up with volume and speed to provide accurate classifications on new and changing sites. With web classification intelligence, also known as URL classification, enterprises and technology vendors can implement granular web access policies that address key concerns, including protection against online threat sources, bandwidth and productivity drains, legal and compliance liabilities, and more.

Web Reputation
As more websites are created, organizations need finely tuned security to protect their users from malicious sites. With web reputation intelligence, a.k.a. URL reputation, enterprises and technology partners can assess a website’s reputation in real or near-real time, at the precise moment a user tries to access them. That way, users are protected from the pitfalls of web pages that are new, unknown, or that change risk status often.

Anti-Phishing Intelligence
Many of the most dangerous phishing sites are extremely short-lived, existing in the wild for minutes or hours, instead of days. Standard static phishing lists are too slow to keep up with the pace at which these threats evolve. With real-time anti-phishing intelligence, technology partners can perform site scans as a user attempts to access the site, alerting them to potential risk and blocking them from visiting a phishing page.

Use Cases
There are a variety of ways website reputation intelligence can be used to improve security online. Here are some of the more common applications for web reputation, web classification, and IP reputation intelligence.

Strengthening web filtering gateways
Web filtering gateways typically layer multiple security services into a single platform to provide outbound filtering protection from malicious or unwanted websites. Gateways need to be told which websites are malicious or undesirable. While you could take a series of static lists of known bad URLs and IPs and join them together to try to block malicious websites, static lists can’t keep up with websites and IPs whose status switches from benign to malicious and back very quickly. Accurate, timely web classification, web reputation and IP reputation threat intelligence all work to improve the level of security the gateway can provide.

Securing wireless access points
A wireless access point (WAP) allows WiFi-enabled devices to connect to wired networks. Strong content filtering requires a careful balance between protecting users from risks while still ensuring they can access the content they want or need. Many content filters are based on a static list of known URLs, which are often out of date as soon as they are created and lack the nuance and context organizations really need. WAP vendors can incorporate real-time web classification and web and IP reputation services to build in web content filtering that can detect and block malicious activity accurately and before it hits the network. Providing this enhanced security benefit to their customers can also help WAP vendors differentiate themselves from their competition.

Enhancing the capabilities of next-gen firewalls
Next-generation firewalls (NGFWs) enforce security policies at the application, port, and protocol levels to detect and block sophisticated cyberattacks. But by themselves, NGFWs are unable to differentiate between benign and malicious IP addresses. NGFW vendors who incorporate web/URL classification and web and IP reputation feeds benefit from better visibility and control over the traffic that passes through the edge device.

Improving ADC solutions
Application delivery controllers (ADCs) work to improve the security, performance and resilience of applications that are delivered over the internet. As a natural entry point into a given network, ADCs face a growing number of threats from rapidly changing IP addresses, malware activity, DDoS attacks, and other inbound and outbound botnet traffic. ADC vendors who incorporate IP reputation intelligence gain better visibility into the context of inbound connections and can leverage that visibility to better detect and block malicious activity before it hits the network.

Www.privacygarantita.it website reputation services
Www.privacygarantita.it offers a range of its BrightCloud Threat Intelligence services to help address numerous website reputation needs. Additionally, intelligence from each of these services is incorporated into the Www.privacygarantita.it line of cyber resilience solutions for businesses and home users, ensuring all vww.privacygarantita.it customers benefit from world-class threat intelligence.

BrightCloud IP Reputation Service
Disabling communication to and from malicious IPs is a great way to help stop threats, but you need highly accurate, predictive threat intelligence to do it effectively. With up-to-the-minute IP intelligence, the BrightCloud IP Reputation Service scores IP addresses based on a reputation index to signal which may be a threat to users.

 

Fare rimuovere rimuovere un video da internet o da you tube

 

Privacy Garantita Fare rimuovere un video dal web è difficile ma non impossibile. La legge è chiara: i provider non hanno un obbligo di filtraggio preventivo, ma devono intervenire se sanno che la pubblicazione dei contenuti sono offensivi, incitano all’odio o violano il copyright. La giurisprudenza è piena di casi che hanno portato le più grandi piattaforme, come Youtube o Facebook, a rimuovere i contenuti lesivi dei diritti di terze persone

Come agire?
Occorre segnalare immediatamente il contenuto illecito al provider, lasciando traccia della comunicazione. È importante sapere a chi inviare la segnalazione.
Difficile trovare in Rete indirizzi mail o referenti dedicati alle segnalazioni degli utenti. Le sedi nazionali dei principali provider non hanno legittimazione a essere chiamati in giudizio, spesso sono sedi commerciali e non hanno poteri decisionali. Occore allora segnalare, in genere, alla competente sede europea. Per Facebook, si trova in Irlanda, precisamente, Facebook Ireland Ltd, 4 Grand Canal Square, Grand Canal Harbour, Dublin 2.

Attenzione: se l’utente vuole chiedere la rimozione o deindicizzazione di un contenuto a Google dovrà rivolgersi a Google Inc., e non a Google Italy Srl, con sede in Mountain View, California 94043-1351, Stati Uniti d’America, 1600 Amphitheatre Parkway. L’utente potrebbe affidarsi ai servizi on-line messi a disposizione dai provider che però non sempre consentono di conservare traccia delle segnalazioni effettuate, con conseguente allungamento dei tempi e difficoltà pratiche.

Cosa dice la legge?
Gli art. 16 e 17 del D.lgs 70/2003 stabiliscono che il provider è civilmente responsabile della mancata cancellazione di un contenuto illecito segnalato dall’utente. Di recente il Tribunale di Napoli Nord ha stabilito che nel caso di invio da parte di un utente di una diffida o di una richiesta di cancellazione di un contenuto al provider, questi deve attivarsi per impedire l’ulteriore diffusione dei link, senza attendere il provvedimento di un’autorità giudiziaria (giudice ordinario e/o Garante per la protezione dei dati personali). Si tratta di uno strumento ulteriore a tutela delle vittime che hanno il potere di rivolgersi anche direttamente al provider per ottenere la rimozione del contenuto lesivo, senza dover attendere una pronuncia dell’autorità, come ritenuto da una parte della giurisprudenza.

È importante allora che la vittima non si lasci scoraggiare dal fattore tempo, la rimozione potrebbe non essere immediata, ma arrivare soltanto alla conclusione dell’iter legale. Ogni giorno di ritardo nella rimozione potrà costare un indennizzo al provider. (Tribunale di Napoli Nord, ordinanza 3 novembre 2016, emanata all’interno del procedimento n. 9799/2016). Se il post o il video sono diffamatori o integrano altri reati, l’utente può sporgere denuncia/querela. I contenuti pubblicati sui social network sono sequestrabili, a differenza di quelli sulla stampa. Potrà quindi essere disposto il sequestro preventivo, con conseguente oscuramento, di un contenuto illecito, da chiedere già nella denuncia/querela.

Recensioni commerciali diffamatorie
L’utente può agire anche per la rimozione di una recensione negativa. La via più veloce in genere è quella di un’azione cautelare d’urgenza. Il giudice potrà ordinare la rimozione delle “false recensioni” o dei commenti denigratori direttamente all’utente che le ha scritte. (Tribunale di Venezia, ordinanza del 24 febbraio 2015)

Diritto all’oblio
L’utente può anche chiedere l’aggiornamento delle notizie che lo riguardano o la loro deindicizzazione. Nel primo caso dovrà rivolgersi direttamente all’editore che le ha pubblicate, nel secondo caso al motore di ricerca. Se però la notizia è ancora attuale, tanto basta per lasciarla on-line. Attenzione anche in questo caso a non sbagliare indirizzo. Se ci si rivolge a Google, la richiesta non va fatta a Google Italy Srl, perché il motore di ricerca è gestito da Google Inc, con sede negli stati Uniti. (Tribunale di Milano, sentenza dell’8 gennaio 2018 n. 419)

Tutela rafforzata dei minorenni
La legge 71/2017 contro il cyberbullismo ha introdotto una tutela rafforzata per i minorenni che abbiano almeno 14 anni. I minori possono segnalare direttamente al sito o al social network il contenuto lesivo. Entro 48 ore scatta il dovere di rimozione. Se ciò non avviene il minore può rivolgersi al Garante per la protezione dei dati personali che dovrà intervenire nelle successive 48 ore.
I tempi in questi casi si accorciano, ma restano le difficoltà pratiche, dovute alla velocità delle condivisioni nel web che spesso vanificano la portata di una singola azione. La scarsa comunicazione tra utenti e provider, poi, rende a livello pratico difficile un’azione immediata, nonostante le “buone intenzioni” dei principali Over- the-Top.

Cancellare dati dai risultati di ricerca Google mito o realtà? si sparisce realmente?

Protezione dei dati personali: mito o realtà? Chi raccoglie i tuoi dati personali e perché

In Bielorussia non esiste ancora un meccanismo legale completo che ti consenta di proteggere i tuoi dati personali, mentre nell’Unione Europea è stato introdotto il Regolamento generale per la protezione dei dati personali (GDPR) che funziona da un anno.

► In data 27 giugno 2019, l’Autorità Nazionale di Vigilanza della Romania ha emesso la decisione di comminare una sanzione di 130mila euro a UNICREDIT BANK. Il fatto è che il sistema di pagamento è stato concepito in modo tale che i dati personali (luogo di residenza e numero di persona) di centinaia di migliaia di pagatori di Banca UNICREDIT siano stati comunicati ai beneficiari in violazione del principio di minimizzazione dei dati (art. 5 GDPR). Molto probabilmente, la violazione è stata il risultato del lavoro ingiusto di ingegneri, architetti di sistema che hanno progettato il sistema e previsto il trasferimento di informazioni non necessarie ai destinatari, il che è contrario all’art. 25 GDPR.

Dal 01.07.2019 è stato avviato un progetto pilota di pagamenti elettronici della Banca nazionale: sarà in grado di garantire una discreta sicurezza dei dati personali dei pagatori?

► British Airways è stata violata nel 2018, rischiando una multa di £ 4 milioni ($ 230 milioni), che rappresenta l’1,5% del fatturato annuale della compagnia aerea, per una fuga su larga scala di dati degli utenti, poiché la sicurezza di alcuni dati (carta di pagamento, login , dettagli del volo) era a un livello basso e questa è una violazione del GDPR.

Belavia dovrebbe tenere conto degli standard GDPR nel suo lavoro?

► Dal 16.05.2019, in Bielorussia, è stato ampliato l’elenco delle informazioni che un passeggero deve comunicare alla biglietteria al momento del rilascio dei documenti di viaggio per il traffico internazionale sui treni con posti numerati: ora, oltre al cognome e al numero del documento d’identità, è necessario fornire anche informazioni sul nome e la data nascita di un passeggero.

In che modo BelZD garantisce i diritti dei turisti europei alla protezione dei dati personali?

► Tutte le strade centrali di Minsk sono dotate di videosorveglianza in tempo reale: chi raccoglie queste informazioni e perché, dove sono archiviate, come possono essere utilizzate?

►  Puoi davvero cancellare il tuo account su Internet , compresa la corrispondenza personale e le foto, queste informazioni verranno salvate sul server cloud senza effettivamente cancellarle?

► Quali sono le prospettive per lo sviluppo della legislazione in Bielorussia nel campo della protezione dei dati personali ?

 

Di questi e di altri argomenti abbiamo parlato con Voronkevich Sergei, direttore della società di consulenza « Pagina dati Privacy di Office » .

– È ovvio che nel mondo moderno è impossibile non condividere i propri dati personali, per non lasciare una “impronta digitale”. Tuttavia, controllare questa traccia, essere in grado di rimuoverla o correggerla è un diritto umano naturale che deve essere garantito in ogni stato civile moderno. La Bielorussia non fa eccezione a questo riguardo: si sta anche muovendo verso la limitazione dell’uso delle informazioni personali e la protezione dei dati personali.

Oggi, la Legge fondamentale stabilisce che ogni individuo ha diritto alla protezione da interferenze illecite nella sua vita personale, inclusa l’invasione della segretezza della sua corrispondenza, del telefono e di altri messaggi (articolo 28 della Costituzione della Repubblica di Bielorussia). Per la comunicazione dei dati personali è stata istituita quella amministrativa (art. 22.13 c.c.), e per i reati connessi all’uso illecito di dati personali – responsabilità penale (artt.203, 352, 355, 376 cp).

Alcune questioni sulla raccolta e conservazione dei dati personali sono regolate dai relativi atti normativi: Legge del 10 novembre 2008 n. 455-З “Informazioni, informatizzazione e protezione delle informazioni”, Delibera del Consiglio dei Ministri del 10 aprile 2019 n. 228 “Sulle specifiche dell’inserimento di alcuni dati personali e il loro aggiornamento nel registro della popolazione “, con delibere del Ministero dell’Interno: del 27 settembre 2012 n. 341” Sull’istituzione della procedura per la spersonalizzazione dei dati personali contenuti nel registro della popolazione “, del 14 maggio 2014 n. 163” Sulla creazione di campioni di documenti elettronici contenenti dati personali di persone inserite dai tribunali generali giurisdizione nel registro della popolazione “, ecc.

Tuttavia, il documento principale – la legge sui dati personali – non è stato ancora adottato.

Il progetto di legge “sui dati personali” è stato presentato alla Camera dei rappresentanti lo scorso marzo, il 13 giugno 2019 è stato adottato in prima lettura. Il disegno di legge è stato creato come un regolamento legale completo, che regolerà la procedura per il trattamento dei dati personali, garantirà la protezione dei diritti e delle libertà dei cittadini durante la raccolta, l’elaborazione, la distribuzione o la fornitura dei propri dati personali. L’adozione della legge sulla protezione dei dati personali è il primo passo verso un approccio civile alla privacy. C’è ancora molta incertezza nel progetto, ma l’importante è fare questo primo passo e la pratica della sua applicazione spingerà verso l’ulteriore direzione del movimento.

 

– E i nostri vicini nei paesi dell’UE?

– La pratica legislativa, di contrasto e giudiziaria per la risoluzione di questioni controverse nel campo della protezione dei dati personali nei paesi dell’UE è stata costituita da diversi decenni. Tuttavia, nonostante il fatto che le basi legali del diritto alla protezione della privacy e dei dati personali siano state poste nel secolo scorso – nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (1948) e nella Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (1950), adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, è ancora impossibile dire che in Europa o altrove tutti i problemi sono stati rimossi e tutte le questioni sono state risolte.

Una tappa fondamentale nel miglioramento della legislazione sulla protezione dei dati personali nella comunità mondiale è stata l’adozione da parte del Consiglio d’Europa della Convenzione per la protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato dei dati personali (Strasburgo, 28.01.1981). Scopo della sua adozione è garantire, sul territorio di tutti i suoi partecipanti, il rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali di ogni persona, indipendentemente dalla cittadinanza o dal luogo di residenza, e soprattutto il diritto all’inviolabilità della vita privata in relazione al trattamento dei dati personali. La Convenzione ha sancito i principi fondamentali della protezione dei dati personali come restrizione al trattamento dei dati personali sulla nazionalità, opinioni politiche o convinzioni religiose o di altro tipo, comprese quelle relative alla salute o alla vita sessuale di una persona.

Lo sviluppo delle infrastrutture informatiche, la disponibilità di comunicazioni mobili e Internet hanno portato, infatti, a una sorveglianza totale 24 ore su 24 di tutti. L’Europa ha dovuto affrontare gravi problemi legati alla libertà in generale e alla libertà di scelta per ogni singolo cittadino dell’UE in particolare. Questa ciotola ha riempito così tanto che la necessità di garantire la libertà personale di una persona limitando l’accesso ai suoi dati personali, il loro uso non autorizzato e illimitato nell’interesse commerciale delle società che offrono beni e servizi, nonché dello Stato, è diventato evidente.

25.05.2018 nell’Unione Europea è entrata in vigore le Regole Generali di protezione dei dati personali (Regolamento generale sulla protezione dei dati, di seguito – GDPR o Regolamento).

Il GDPR ha sostituito la direttiva sulla protezione dei dati del 1995. Il regolamento è stato adottato il 27/04/2016 – è entrato in vigore dopo un periodo transitorio di due anni, perché, a differenza della direttiva precedentemente in vigore, agisce direttamente in ogni paese dell’UE senza la necessità di adottare una legge nazionale. Il mancato rispetto del Regolamento è soggetto a una multa fino a 20.000.000 di euro o fino al 4% del fatturato globale annuo della società per l’esercizio precedente, a seconda di quale sia maggiore.

Principi GDPR:

  • Legalità, correttezza e trasparenza – devono esserci motivi legali per la raccolta e l’utilizzo dei dati, non violazione di qualsiasi legge, trasparenza, onestà dall’inizio alla fine sull’uso dei dati personali;
  • Limitazione del trattamento allo scopo dichiarato – i dati possono essere raccolti e utilizzati solo per compiti specifici specificati nella politica sulla privacy (riservatezza) e non possono essere superati;
  • Minimizzazione dei dati utilizzati – utilizzando la quantità minima richiesta di dati per raggiungere gli obiettivi dichiarati;
  • Precisione: i dati personali devono essere accurati e non devono essere fuorvianti; correzione di quelli sbagliati;
  • Limitazione dell’archiviazione dei dati: non archiviare i dati più a lungo del necessario, distruggerli automaticamente o controllare periodicamente i dati ed eliminare i dati inutilizzati;
  • Integrità e riservatezza (sicurezza delle informazioni) – archiviare, trasferire e utilizzare i dati solo in modo sicuro, prevenendone il danneggiamento, la cancellazione o l’accesso non autorizzati o accidentali;
  • Responsabilità – responsabilità per il trattamento dei dati personali e rispetto di tutti gli altri principi del GDPR, comprese le operazioni di contabilità e trattamento dei dati, nomina di un funzionario per la protezione dei dati personali, controllo dei suoi appaltatori e partner.

Tuttavia, il GDPR non si applica direttamente al territorio del nostro paese, queste questioni richiedono una regolamentazione legislativa nazionale.

 

– Ciò significa che i cittadini dell’Unione europea, arrivati ​​in Bielorussia, sono soggetti alla nostra legislazione nazionale e di fatto perdono alcuni dei loro “diritti europei”?

– Esatto, quando una persona viene dall’UE in Bielorussia, è già protetta dalla legislazione bielorussa, non dal GDPR.  

Le norme del Regolamento sono valide nel territorio dell’UE ed inoltre estendono il loro effetto a quelle organizzazioni che svolgono la loro attività economica sul mercato europeo di beni e servizi. Quindi, se elabori i dati di persone che si trovano nell’UE e ne ricava dei guadagni, sii così gentile da rispettare le leggi europee: garantire ai cittadini diritti come il diritto all’oblio, nonché il diritto di accesso ai dati.

Molte aziende bielorusse nel campo della finanza, del commercio, dei trasporti e della logistica operano sul mercato europeo. Possiamo dire che queste società, conformi al GDPR, sono meglio preparate per i cambiamenti che saranno adottati in Bielorussia nel prossimo futuro.

 

– La regolamentazione legale garantirà il rispetto del diritto alla privacy della vita personale e la sua protezione da intrusioni non autorizzate, e cosa apporterà allo sviluppo del mercato di beni e servizi?

– Per gli affari, questa è un’arma a doppio taglio, ovviamente. Da un lato, ciò porterà alla razionalizzazione e alla sistematizzazione dei processi aziendali in qualsiasi azienda e aumenterà anche la fiducia dei consumatori. D’altra parte, la regolamentazione legislativa creerà evidenti ostacoli alla rapida ricezione delle informazioni personali dei clienti, e ancor più al suo uso gratuito, alla sua archiviazione illimitata.

Quando le regole saranno stabilite, dovranno essere rispettate, il personale dovrà essere formato per giocare secondo le nuove regole, essere responsabile delle proprie azioni e della competenza dei propri dipendenti, e forse anche introdurre unità di personale adeguate.

 

– Tuttavia, la centralità del cliente consiste proprio nel rispettare il tuo cliente, mantenerlo calmo?

– Certamente. Una persona ha il diritto di sapere perché prendi la sua e-mail, per la quale hai bisogno della sua data di nascita e indirizzo di residenza. Dopotutto, non tutte le persone vogliono ricevere messaggi pubblicitari al suo indirizzo o non vogliono riceverli automaticamente, ma solo su argomenti specifici, non tutti hanno bisogno degli auguri di compleanno da un negozio online, ma le informazioni sugli sconti per i compleanni sono abbastanza. Il rispetto della legge sulla protezione dei dati personali riguarda la cura delle persone e dei loro interessi. L’invadenza nell’offrire se stessi è spesso la perdita di un cliente. Il compito della regolamentazione legislativa dei dati personali è quello di alleviare la tensione sociale, è preoccupazione di tutti per tutti: con questi atti di cura, ammetti il ​​tuo amore ai tuoi clienti, dipendenti, controparti. Non puoi costringere nessuno ad amare nessuno, ma puoi apprezzare la cura,

cancellare numero di telefono da Google e da tellows

molti voglio esseri presenti su internet, e dei milioni che vorrebbero “correggere” la loro immagine digitale, non è raro trovare qualcuno che dal world wide web vuole semplicemente scomparire. Per varie ragioni, più o meno nobili. Non è un caso che si stiano affermando piattaforme digitali, studi legali e agenzie di comunicazione che sono specializzate proprio in questo: la cancellazione di ogni traccia del cliente in Rete. Senza più profili social, immagini, video, pubblicazioni, citazioni, caselle e-mail. Nulla.

Ma è davvero possibile scomparire dal web? «In teoria sì – spiega il FONDATORE DELLA PIATTAFORMA PRIVACY GARANTITA nota agenzia di web reputation italina a cui CEO  fa capo a Cristin Nardi  una delle più specializzate ed economiche grazie alla a reputation nodes sofware  specializzato nella cancellazione in tempo reale. Ma non è qualcosa che si riesce a fare molto velocemente, soprattutto nel caso dei personaggi pubblici». Possono essere necessari mesi di duro lavoro e tenaci negoziazioni per cancellare migliaia di immagini, facendo leva ora sul copyright, ora sulla privacy, ora sul diritto all’oblio. «In alcuni casi abbiamo lavorato anche un anno per cancellare singoli clienti dal web».

È facile sparire dal web per chi non è stato un personaggio pubblico? Diciamo che è meno difficile, ma comunque arduo, in particolare se si desidera una cancellazione il più possibile completa. I passaggi principali sono cinque. Vediamoli uno alla volta.

Cancellarsi dai social network. Il primo passo è abbastanza semplice: basta seguire le istruzioni dei diversi social per cancellarsi (Facebook, Twitter, Linkedin, G+ e così via). Attenzione alla differenza che c’è – per esempio su Facebook – tra “disattivare” ed “eliminare” un account, poiché nel primo caso il diario scompare ma solo perché “congelato”, ed è riattivabile in ogni momento. Quando viene eliminato l’account, l’azzeramento di tutti i contenuti pubblicati – come foto, aggiornamenti di stato o altri dati memorizzati sui sistemi di backup – richiede fino a 90 giorni di tempo. Nell’eliminazione dell’account G+, attenzione a non cancellare l’eventuale casella Gmail (la posta elettronica è infatti l’ultima da eliminare nel processo di addio al web).

Cancellarsi da tutto il resto. Dopo i social, bisogna procedere all’eliminazione del proprio profilo da tutti gli altri “contenitori” dov’è finito: forum, Paypal, Amazon, eBay, Skype, YouTube, eventuali siti di dating, gambling, e-commerce e così via. Può non essere così semplice, perché i dati personali sono un asset che vale denaro per le società che operano su internet.Individuare foto, video e citazioni. Qui il lavoro diventa più difficile. Bisogna infatti fare una ricerca approfondita su tutti i motori di ricerca conosciuti (non solo Google) di ogni informazione su di voi, provando diverse stringhe: non solo nome e cognome, ma anche luoghi di nascita e di residenza, aziende in cui avete lavorato e così via. Bisogna poi prendere nota di tutto in vista del quarto, difficilissimo passo.

Chiedere l’eliminazione dei dati. Ora viene il difficile: bisogna contattare ogni singola società, webmaster, ente o blogger chiedendo la rimozione di tutti i dati su di voi. Molti di loro ignoreranno la vostra richiesta, rendendo necessaria l’adozione di vie legali, particolarmente complesse perché spesso ricadono sotto giurisdizioni di altri Paesi. In casi estremi, si può chiedere di intervenire direttamente sui server. Poi bisogna farsi cancellare dalle banche dati che raccolgono informazioni personali per rivenderle a scopo di marketing, in questo caso magari con l’aiuto – a pagamento

Il tocco finale è l’addio alla mail. Se siete arrivati fino a questo punto, siete stati molto bravi e soprattutto tenaci. Manca solo un passo per scomparire dal mondo digitale: la cancellazione della casella e-mail. Praticamente una passeggiata, rispetto al lavoro fatto. Il premio finale è il perfetto anonimato in Rete, e la cancellazione della propria identità digitale (almeno quella vecchia). A questo punto potete fare due cose: o costruirvi un’identità internet nuova di zecca, oppure spegnere il computer. E andare a fare una lunga passeggiata fuori.

Cancellare notizie su Internet collegato ad un caso di cyberbullismo: grazie a Asstel-Assotelecomunicazioni

Riposato dalla prestigiosa rivista avvenire  spiega Cristian Nardi della Privacy Garantita promotore della web reputation in Italia, il  Bullismo e cyberbullismo, rischi e opportunità della rete, diritti e doveri online, fake news, hate speech, web reputation, sexting, revenge porn, privacy sono alcuni tra i 50 temi contenuti nelle oltre 200 schede didattiche (per complessive 250 ore di lezione) che compongono il percorso di educazione civica di “Parole O Stili”. Dal 7 settembre il percorso è disponibile gratuitamente per tutti gli insegnanti di ogni ordine e grado grazie al contributo di Asstel-Assotelecomunicazioni, che ha firmato il Manifesto della comunicazione non ostile. «Siamo orgogliosi di aver dato il nostro supporto attivo ai progetti didattici di “Parole O Stili” – spiega Pietro Guindani, presidente di Asstel-Assotelecomunicazioni –. Lo sviluppo di competenze digitali è la sfida da raccogliere per la formazione del capitale umano del futuro».

Di cosa hanno bisogno i giovani per essere più preparati e competitivi?
La chiave del successo scolastico sta nell’abbinare l’offerta formativa alle aspirazioni e alle attitudini di ognuno. Dobbiamo aiutare i giovani a sviluppare il proprio potenziale. È fondamentale il lavoro di orientamento fin dalle scuole medie inferiori. Abbiamo il compito di aprire il ventaglio delle diverse strade che gli studenti possono percorrere: umanistico, scientifico, tecnologico e tecnico-professionale per favorire scelte libere e consapevoli. In questo modo preveniamo anche l’abbandono scolastico. Tutte le scelte vanno presentate con pari dignità sociale. Dobbiamo investire negli istituti tecnici e tecnico-professionali, che hanno una grande tradizione in Italia e promuovere il contatto precoce tra studenti e imprese a fini di orientamento. L’offerta di lavoro è carente proprio nelle aree tecnologiche e professionali, in particolare in quelle delle competenze digitali, dove l’Italia è al 28esimo posto in Europa.

E le aziende quali margini hanno?
Le competenze digitali sono necessarie a 360 gradi. L’alfabetizzazione digitale è indispensabile in tutti i comparti: dalla medicina all’agricoltura, dal marketing al manifatturiero. Sapendo fare buon uso dei dati, l’impresa, per esempio, può gestire in modo più efficace il mercato e i rapporti con i clienti. La pandemia ha accelerato questo processo, ma non basta saper far funzionare una video conferenza. Le “Academy digitali” aziendali sono un segno di vitalità all’interno delle imprese per colmare le carenze formative. Dobbiamo avere, però, uno spirito critico. L’uomo deve mantenere sempre il controllo dello strumento. I rapporti interpersonali restano sempre fondamentali e non possono essere sostituiti dalla tecnologia.

Qual è il futuro del mondo del lavoro, osservando anche quanto successo in quest’anno sotto molti profili dirompente?
La rivoluzione tecnologica era già in atto prima della pandemia. L’esperienza di lavorare e studiare da casa ha aumentato la consapevolezza delle potenzialità che il digitale offre. La fine della pandemia non sarà un ritorno al passato, ma neanche il prevalere delle relazioni digitali su quelle interpersonali. Per i giovani diplomati e laureati, il digitale arricchisce le opportunità di lavoro. Aggiungo che possedere competenze digitali è indispensabile per ognuno di noi per mantenere il proprio valore occupazionale nel lungo termine. Se così non è, si rischia l’obsolescenza sul mercato del lavoro. Tutte le professioni evolvono integrando gli strumenti digitali, si rafforzeranno quelle che riusciranno a farlo dimostrando maggiore capacità di adattamento. Nel futuro del mondo del lavoro in ogni mestiere dovremo avere la capacità di integrare le reti di relazioni personali con quelle digitali.

Cancellare risultati da Google non facile alcuni trucchi per non essere rintracciabili

Cosi come scrive sul suo blog Cristian Nardi della privacy garantita: sembra impossibile sparire dal web ma è possibile lasciare meno tracce possibili.  Poi, un giorno, abbiamo scoperto di essere vulnerabili. C’è ancora molto da fare in tema di “igiene informatica”, ma il caso Cambridge Analytica e le discussioni sul Gdpr hanno reso la privacy un tema più consueto. Navigare senza lasciare tracce non è semplice. Ma ci sono alcuni accorgimenti che possono quantomeno ridurre la nostra esposizione.

1. Navigare in incognito

Tutti i principali browser offrono la modalità “navigazione in incognito”. È la misura di tutela più blanda, perché non fa scomparire la nostra identità digitale. Navigare in incognito significa non memorizzare i cookie (gli elementi che ricordano a un sito che siamo già passati da lì) e la cronologia degli indirizzi visitati. Attenzione però: l’indirizzo IP, cioè la “targa” del nostro dispositivo, resta visibile. Quindi i siti continueranno a sapere (indirettamente) chi e dove siamo. La navigazione in incognito non è quindi un mantello invisibile ma un sistema che non archivia tracce localmente. Potrebbe quindi essere utile quando non vogliamo che restino sul nostro pc indirizzi equivoci o quando usiamo quello di un collega. Per avere barriere più consistenti serve altro.

2. Usare una Vpn

Le Vpn (Virtual Private Network) sono reti private che hanno l’obiettivo di creare connessioni schermate e consentire il passaggio sicuro della comunicazione. Nella maggior parte dei casi, vengono utilizzate per motivi di lavoro: una Vpn collega la rete dell’ufficio con dispositivi esterni. Ma non è l’unico caso. Chiunque può installare una Vpn per mascherare la propria navigazione e la propria posizione. Facciamo un esempio. Immaginiamo Internet come una casa. Siamo nella nostra camera da letto e vogliamo raggiungere il giardino. In una navigazione normale, attraverseremmo la sala da pranzo, che però è piena di persone. Se non abbiamo alcuna voglia di farlo, la Vpn è un un tunnel scavato sotto il pavimento, che mette in comunicazione camera e giardino. Costruire il tunnel, però, è dispendioso e attraversarlo non certo comodo. Le Vpn, infatti, non sono gratuite e la navigazione consuma più dati del normale.

3. Tor: protetti da una cipolla

Tor è l’acronimo di The Onion Router. Onion (in inglese cipolla) perché la comunicazione è protetta da più strati di crittografia. Permette di navigare rendendo molto più difficile tracciare la propria posizione. A differenza di quanto avviene nelle Vpn, non c’è un fornitore che può custodire i dati. Tor maschera l’indirizzo IP. Spesso associato a manovre oscure e relegato al mondo dei nerd, è invece un alleato della privacy e può essere installato e utilizzato con semplicità. Anche se blocca alcuni contenuti e non ha la stessa velocità dei browser più comuni.

4. A cosa serve bloccare i tracker

tracker sono software che guardano i nostri movimenti, il più delle volte per scopi pubblicitari. In pratica, quando apriamo una pagina a osservarci non c’è solo “un sito” ma una platea più o meno numerosa di “occhi”. Per chiuderli ci sono software anti-tracciamento. Il più noto è forse Ghostery. Alcuni browser hanno sviluppato o stanno sviluppando “filtri” anti-tracciamento, non solo per questioni di privacy ma anche di efficienza. Alcuni tracker, infatti, tendono a rallentare il caricamento della pagina. Senza di essi, ci sono meno compagnie che intercettano i nostri dati, non vengono memorizzati cookie e cronologia, ma l’indirizzo IP resta palese. L’effetto collaterale è avere una navigazione meno personalizzata.

5. I motori di ricerca oltre Google

Google è il dominatore dei motori di ricerca. Ogni parola e ogni link sono informazioni. Una concentrazione di dati enorme che sta spingendo alcuni motori di ricerca più discreti. È il caso di Duck Duck Go: non immagazzina informazioni sulle ricerche degli utenti e non indica link sponsorizzati. I volumi di traffico sono infinitesimali rispetto a Google. Da pochi giorni Duck Duck Go ha raggiunto il traguardo dei 30 milioni di ricerche in 24 ore. Un numero che Big G tocca in 15 minuti. Tra le possibili alternative c’è anche Qwant, mentre per la ricerca di immagini ci sono Unsplash e Pexels.

6. Social network discreti

Facebook è il social network più bersagliato. Le ripercussioni del caso Cambridge Analytica ancora si avvertono. Il problema, però, riguarda il modello di business: tutti i social gratuiti guadagnano dalla pubblicità perché sfruttano i dati degli utenti. Inutile cercare un altro Facebook ligio alla privacy. Per trovare social network più discreti serve andare su dimensioni molto più piccole, su piattaforme “di settore”, che prevedono un abbonamento e si finanziano con le donazione. Ello, ad esempio, è un social network dedicato all’arte. Niente abbonamento né pubblicità: si autofinanzia perché gli utenti possono vendere le proprie opere. Vengono utilizzati pochissimi dati. Letterboxd è dedicato al cinema e alle recensioni. Regge grazie a piccoli abbonamenti annuali per gli utenti premium in cambio di funzioni aggiuntive.

7. Messaggistica: non solo end-to-end

Whatsapp è l’app di messaggistica più diffusa. Facebook vuole iniziare a farla fruttare, attingendo ai dati per aprire canali di comunicazione tra imprese e utenti. I fondatori dell’applicazione hanno detto addio. E uno dei due, Brian Acton, ha detto di aver “venduto i dati degli utenti” a Zuckerberg. Whatsapp ha una crittografia end-to-end. In pratica, il contenuto della conversazione è noto solo a chi vi partecipa. Ma non basta, perché ci sono anche i metadati: chi sono, con chi parlo, per quanto tempo. Da questo punto di vista, più che Telegram (che custodisce i dati sui propri server in modo non del tutto trasparente) una delle alternative più credibili è Signal. L’app ha ottenuto grande visibilità dopo essere stata consigliata nel 2015 da Edward Snowden, l’uomo che ha scoperchiato la sorveglianza di massa dell’Nsa. Signal non spia nelle chat, ma non conserva neppure metadati e non ha un registro utenti. Come fa a guadagnare? Non guadagna.

8. Posta elettronica protetta

Pochi operatori di posta elettronica concentrano grande potere (Apple e Gmail prima di tutti). Ci sono però servizi meno conosciuti ma più accorti, come FastMail e ProtonMail. Il primo non contiene pubblicità e promette risultati anti-spam particolarmente efficaci. Il secondo ha server in Svizzera e mail con crittografia end-to-end: non possono quindi essere lette o usate se non da chi le invia e le riceve.

9. Educazione alla privacy

Nulla è blindato, neppure Tor. Anche se lo si utilizza, dovrebbero comunque essere rispettati alcuni accorgimenti. Come ad esempio non frequentare siti privi del protocollo https (cinque lettere che trovate all’inizio dell’indirizzo di un sito). Anche scaricare documenti Word e Pdf rivela tracce di noi, come l’indirizzo IP. Questo ovviamente non vuole dire evitare di farlo (almeno da fonti attendibili): conferma soltanto quanto sia complicato evitare di lasciare ogni traccia. Per questo nessuno strumento può sostituire un’educazione alla privacy online.

10. Sapere quanto siete tracciati

Privacy, tracciamento, attacchi informatici. L’errore più grande, al di là degli strumenti utilizzati, è la sottovalutazione. Ogni volta che ci muoviamo online in modo ordinario, sveliamo l’indirizzo IP, il browser che usiamo e tanto altro. Dati che, incrociati e ripetuti (spesso frequentiamo quotidianamente gli stessi siti), offrono un nostro profilo dettagliato: interessi, città, lavoro. Se utilizziamo una piattaforma è sempre bene conoscere (per quanto possibile) come vengono gestite le informazioni che ci riguardano. Bastano impostazioni più accorte per avere, quantomeno, una condivisione meno disinvolta. Capitolo tracciamento.

Come facciamo a sapere quanti sono gli “occhi” che ci osservano? Il sito Whotracks.me ha scandagliato qualche centinaia di migliaia di siti. E per ognuno ha elencato quali e quanti tracker ci sono. Provate a cercare gli indirizzi che frequentate di solito, solo per farvi un’idea. Privacy: una password solida non vi farà certo lasciare meno tracce online, ma almeno renderà più difficile la vita a chi potrebbe diffondere i vostri dati senza il vostro consenso. Non lo sappiamo, ma spesso le nostre caselle mail sono già state vittime di un attacco (non necessariamente violate ma esposte). Il sito Haveibeenpwned.com dice se il nostro indirizzo è stato coinvolto in una falla informatica. Controllare non costa nulla. Cambiare password, in caso di “semaforo rosso”, è necessario.

FONTE: https://www.agi.it/innovazione/regole_navigare_internet_sicuro-4511646/news/2018-10-22/

Come cancellare notizie su Google: Tutte le migliori soluzioni per rimuovere tutto dal web

PER INFORMAZIONI SULLA CANCELLAZIONE DELLE NOTIZIE DA INTERNET CHIAMA CELL 3279105006 PRIVACYGARANTITA.IT

Cancellare notizie su Google: Contatta società esperte in rimozione di informazioni personali e aziendali dai Motori di ricerca. privacygarantita.it è una società italiana specializzata nell’eliminare dati personali e tutale della privacy di ogni essere umano.

Un privato ha evaso le tasse nel 2005-2007 con la propria azienda e questa storia ritorna a galla sul Web perseguitando il figlio, il nuovo amministratore delegato. Una guardia forestale denunciata anni fa per bracconaggio – ma non condannata – ora non riesce più a trovare lavoro. Colpa di quella notizia che appare ogni volta che si cerca il suo nome su Internet. Stessa sorte per un giovane meccanico: quando era minorenne è stato condannato per un reato in famiglia, ma lui è riuscito a cambiare strada: si è messo a studiare, si è laureato in giurisprudenza. È una persona diversa. Ma per il Web è ancora, soltanto, quel ragazzino pregiudicato. cancellare articoli da Google

Tantissimi, in Italia, si trovano nella stessa situazione, come emerge dalle storie raccolte da “l’Espresso” e che a pioggia arrivano sulla scrivania di avvocati specializzati in questioni Internet. Ma chi vuole cancellare notizie da Google dal Web adesso può riuscirci, chiedendo di essere esaudito da Google. La multinazionale americana, dopo aver ricevuto la domanda, stabilirà se potremo trovare una certa pagina Internet sul suo motore di ricerca.

come non apparire su Google È il risultato di una recente sentenza della Corte di Giustizia europea, che ha affermato il “diritto all’oblio” per i cittadini Ue. Cioè che Google deve togliere dalla propria ricerca certe pagine, su richiesta degli interessati, nei casi in cui il loro diritto alla privacy prevale sull’interesse pubblico a conoscere quei fatti.

Ma chi decide nel merito, caso per caso? Google, appunto: in totale autonomia. È uno degli effetti della sentenza. Nel momento in cui la Corte ha imposto un nuovo onere a Google, gli ha anche attribuito il potere straordinario di decidere la visibilità effettiva di un’informazione su Internet. Ciò che non si trova su Google diventa quasi invisibile: è destinato all’oblio, appunto. Equivale a mettere alcuni libri in una stanza buia di una biblioteca. Solo chi sa cosa cercare ed è molto motivato può ancora trovarli. Per gli altri, cioè la stragrande maggioranza, è come se quei libri non esistessero.

Eliminare il proprio nome da Google

E saranno numerose le parti del Web che piomberanno nel buio, nei prossimi mesi. Google ha già ricevuto infatti 50 mila richieste di oblio, in un mese, tramite un modulo che ha pubblicato on line. «La maggior parte riguarda articoli di giornali. La questione del diritto all’oblio è esplosa di recente perché tutte le testate, anche quelle locali, hanno messo on line i propri archivi. Fatti di decenni fa tornano alla luce sulla Rete come se fossero recenti», dice Cristian Nardi, esperto del tema e in web reputation. «Fenomeno destinato ad aumentare, man mano che invecchieranno anche gli articoli scritti per il Web negli anni scorsi».

Ogni avvocato sta ricevendo richieste di questo tipo. Le storie seguono spesso lo stesso schema: qualcuno si ritrova sul giornale per un vecchio fatto; chiede al giornale o al blog di rimuovere l’articolo; spesso non riceve risposta e quindi si rivolge a Google, perché l’articolo scompaia dalla ricerca. Qualunque cittadino Ue può fare questa richiesta direttamente al motore, anche se alcuni preferiscono avvalersi di un avvocato.

«Il problema è che i giornali ricevono decine di queste richieste al giorno e non riescono a gestirle con le proprie risorse», dice Blengino. Un esempio classico riguarda un medico, che è stato radiato molti anni fa per abusi su un paziente. È stato assolto poi in appello, ma su alcuni siti continua ad apparire solo la notizia della sentenza di primo grado. Oppure c’è la storia di un dirigente ministeriale accusato su un giornale di aver sottratto fondi pubblici in un ospedale. All’epoca dell’articolo era un sospetto con qualche fondamento; poi però il caso si è sgonfiato. Il dirigente, non riuscendo a farsi modificare l’articolo, ha denunciato il giornale per diffamazione. Nell’attesa di una sentenza, si è rivolto al motore. Caso emblematico che mostra come la scorciatoia Google può avere un impatto su alcuni principi alla base della democrazia: equivale, nella pratica, a bypassare la magistratura su un giudizio complicato, che deve contemperare diritto di cronaca (e di accesso alle informazioni) e privacy.

E ci sono anche casi più contorti, dov’è difficile stabilire anche se l’informazione è completa o corretta. Una donna e il presidente di un’autorità portuale si sono trovati citati su un articolo on line in merito a un giro di prostituzione che coinvolge politici in Puglia. Non sono accusati di nessun reato, ma vogliono che Google li dimentichi.

«Il diritto all’oblio è giusto. Prima di questa sentenza Google si è sempre rifiutato di rimuovere anche casi lampanti di violazione della privacy», sostiene Fulvio Sarzana, avvocato esperto di diritto su Internet. C’è per esempio una psicologa perseguitata da un ex paziente, che ne racconta fatti personali e vita sessuale sul Web (su un blog ospitato su un server estero, dove la giustizia italiana ha difficoltà a intervenire). Oppure la storia di un prete, accusato da una community di aver utilizzato metodi poco ortodossi nel trattare con i tossicodipendenti, quando dieci anni prima lavorava in un centro di recupero.

Eliminare informazioni personali da Google: Applaude alla sentenza anche Antonello Soro, presidente dell’Autorità garante della privacy: «Il merito è di avere richiamato la necessità di un bilanciamento tra diritto alla privacy e diritto a essere informati», dice.

Rimuovere notizie da internet: Insomma, il Web aveva un problema: in nome della trasparenza, non riconosceva abbastanza l’importanza della privacy. Adesso c’è una svolta, che è segno di una nuova sensibilità. Sorta probabilmente in seguito allo scandalo sulle intercettazioni di massa. Il problema c’era; peccato però – notano in molti – che la soluzione indicata dalla Corte sia errata. Perché «ha individuato un punto errato di equilibrio tra i diversi diritti», secondo Eric Schmidt, amministratore delegato di Google. Oppure perché « cancellare notizie su Google quando rimuovere oppure no. Decisione, tra l’altro, a cui il sito non può nemmeno opporsi», sostiene Guido Scorza, avvocato esperto del tema. Google stessa è in imbarazzo, tanto che ha predisposto un comitato di esperti per valutare quale sia l’approccio migliore.

È probabile quindi che sia solo il primo tempo di una lunga partita. A fare chiarezza- e a dare una guida a Google – potrà essere forse il legislatore europeo, con un nuovo regolamento privacy (ora in bozza), atteso nei prossimi mesi. Soro evidenzia che ora la palla è anche alle autorità nazionali, che dovranno soppesare diversi fattori per indicare l’equilibrio ottimale tra i diritti: «La natura dell’informazione (ad esempio, espressioni offensive), il suo carattere sensibile per la vita privata, l’interesse pubblico della notizia e il suo contesto».

Eliminare notizia dal web «L’importante, per trovare una soluzione, è non vedere tutto questo come uno scontro tra diritti», dice Luciano Floridi, docente di filosofia ed etica dell’informazione all’università di Oxford e membro del comitato avviato da Google. «La questione è come fare evolvere la società dell’informazione rispettando la privacy», dice Floridi. «Una sfida a cui possiamo dare risposta solo con la collaborazione e il dialogo di tutte le parti». Tenendo anche conto che la rimozione dal motore di ricerca non è di per sé una garanzia: come nel caso di Stan O’Neal, banchiere di Merryll Lynch che ha chiesto a Google di far rimuovere un post scritto nel 2007 dal blogger della Bbc Robert Peston. Quest’ultimo ha infatti denunciato il «tentativo di censura» e così i contenuti che il banchiere riteneva dannosi per la sua reputazione hanno avuto un rilancio mediatico infinitamente maggiore rispetto al vecchio articolo.

 

 

come cancellare notizie su Internet? su Break Magazine tutti i prezzi per la rimozione

Esce su  Break Magazine COME cancellare notizie su internet, troverai i migliori prezzi per avere delle idee chiara su come funziona una rimozione di una notizie dal web. La rivista di moda italiana si occupa di tendenza e reputation del grandi VIP a libello mondo tra gli intervistati la manager di johnny depp 

Come funziona cancellare una notizie?

Occorrono una seria di dati, esempio sapere se un reato si è estino o meno: prescrizione, condannato, o assolto. Acquisito questi dati si procede con una breve analisi di come sarà il profilo dell’utente “PRIMA DOPO” la cancellazione.

Qual è il rischio che una notizia possa riapparire?

Una notizie può sempre riapparire, nessuno conosce questa probabilità, per questo che noi di “Privacy Garantita” offriamo un servizio “garanzia per sempre”  cioè la garanzia a vita sulle informazioni già rimosse.

Quanto tempo occorre per rimuovere informazioni personali che mi riguarda?

Normalmente dalla 48 ore in su, dipende dalle difficoltà che si trovano durante la cancellazione. Il dispendio delle energie più importante è nell’individuare gli amministratori del quotidiano online o del blog, che purtroppo non sono sempre cosi raggiungibili.

PREZZI CANCELLAZIONE NOTIZIE NEGATIVE

per info chiama il Cell 3279105006 breakmagazine.it

Costi per la cancellazione di link lesivi, ecco come ottenere il miglior preventivo per la tua azienda o privato che sia: i prezzi per cancellare notizie da internet e da tutti i motori di ricerca “Google, Yahoo, bing, Yandex” variano molto a secondo delle agenzie o studio legale, anche se sconsiglio sempre di rivolgersi allo studio legale di famiglia, di solito non sanno come affrontare in pieno il problema.

BOTTONE PER CANCELLA NOTIZIE DAL WEB

come cancellare notizie su Internet?

Mentre se non sai come far scomparire: articoli di giornale da internet e non hai molto tempo a tua disposizione ti consiglio di contattarmi in privato alla pagina “contatti”  per ricevere un consiglio senza impegno, ti deluciderò in merito alla legge sull’oblio. Cancellare notizie negative su internet

google-ha-rilevato-il-terremoto-a-milano-usando-gli-smartphone-come-sismografi

Rimozione da Google, rimuovere contenuti da Google, de indicizzare, diritto oblio sono tutte parole nuove per molti di noi, allora prima di metterci al lavoro facciamo chiarezza su alcuni punti: Cos’è il diritto all’oblio Google? è realmente efficace per elimina notizia da Google? in sintesi  Il diritto all’oblio  è lo strumento che ti permette di cancellare notizie da internet e dai motori di ricerca in generale come: (Bing ,Yahoo, Google,) creato per evitare la diffusione delle notizie che possono costituire un precedente pregiudizievole di una persona oltre a tutelare la riservatezza, per questo si fa richiesta di cancellare notizie da internet o cancellazione dati Google, se siete curiosi di conoscere i prezzi di una agenzia di reputazione date uno sguardo qui sotto rappresentato.

Diritto all’oblio cosa fare?

il diritto all’oblio gdpr non sempre è efficace hai fini di eliminare notizie Google. allora resta una sola una domanda: diritto all’oblio come fare? Ovviamente affidarsi ad una agenzia di web reputation o ad un’esperta in reputazione digitale è la soluzione migliore, quando il diritto all’oblio può essere applicato, solo se si tratta di una vicenda giudiziaria che non abbia connessine con l’attualità di un soggetto, in quel caso si può de-indicizzare la notizia, anche in caso di diffamazione.

In questo caso per cancellare notizie da internet, ti consiglio di prenderti un po’ di tempo per acquisire un po’ di dimestichezza con alcuni vociabili che andremo ad utilizzare. Qui sotto ho selezionato una serie di parole chiavi con cui dovrai prendere confidenza: diritto all’oblio, URL, Webmaster, link, declassamento, de-indicizzazione ecc, forse per te sono ancora sconosciute mentre se hai già la padronanza puoi tranquillamente saltare questo passaggio. Ci tengo a precisare che si tratta di un’operazione molto delicata e(è in gioco c’è la libertà della nostra reputazione,) il rischio che qualcosa vada storto è sempre probabile.

INDICE SIGNIFICATO DEI TERMINI PER LA RIMOZIONE DEI CONTENUTI

Webmaster: nel momento in un cui si decide di rimuovere informazioni personali da Google, interviene un informatico che sotto la cui responsabilità avviene la gestione di Pagine Web Web, Blog, Forum e/o Social Media allocati in appositi computer-server collegati ad Internet.

Link: non è null’altro che un collegamento tra file.  Di solito per eliminare risultati personali devi copiare il link per poi incollarlo nella Email che verrà inviata alla redazione.  

URL: Esso identifica il computer-server contenente il file, il nome specifico di quest’ultimo ed in quale parte della memoria del computer si trova. Il reperimento di un file viene agevolato attraverso l’Indicizzazione del relativo URL nei Motori di Ricerca e/o la pubblicazione del Link all’interno di altre Pagine Web.

Indicizzazione: la procedura di identificazione di un file effettuata da un Motore di Ricerca e corrisponde esattamente al contrario della Deindicizzazione.

Deindicizzazione: la procedura opposta all’Indicizzazione, ovverosia l’eliminazione dal database di un Motore di Ricerca di un file precedentemente indicizzato;

SERP (Search Engine Results Page): la “Pagina dei Risultati del Motore di Ricerca” cioè l’elenco di tutti i file che il Motore di Ricerca individua, disposti in un dato Posizionamento e suddivisi per pagina;

Posizionamento: l’ordine assegnato ai risultati di una ricerca secondo criteri propri del Motore di Ricerca.

Declassamento: a parità di Keywords, un Posizionamento del risultato nella SERP, meno evidente rispetto alle condizioni preventivo.  nell’ipotesi in cui subisca un danneggiamento all’immagine e/o all’attività svo lta, derivante dalla propria menzione all’interno di una o più Pagine Web come da allegato elenco URL, chiede: in prima istanza la cancellazione definitiva delle Pagine Web incriminate dal Sito, Blog, Forum e/o Social Media; la sostituzione del nominativo completo con le semplici iniziali, laddove non fosse possibile la cancellazione di cui sopra.

Eliminare URL da Google

La rimozione di informazioni negative dei quotidiani, soprattutto quando si tratta di eliminare risultati personali, purtroppo cancellazione dati Google non è semplice.

ci sono stati numerosi casi in cui la redazione di un quotidiano online, hanno aggiornato la notizia scrivendo “NESSUN DIRITTO ALL’OBLIO PER TIZIO E CAIO” quindi oltre la beffa il danno.  In questo caso ci ritroveremo il nostro nome e cognome ai primi posti delle pagine SERP (Search Engine Results Page) di Google, soprattutto se in gioco c’è la vita di un professionista, Manager o personaggio pubblico, in quel caso com’è possibile rimuoverli?

Difronte ad un pasticcio del genere la nostra reputazione è compromessa, con il rischio di essere inghiottiti dalla storia, dove a prevalere non è il diritto all’oblio “cioè essere dimenticati” ma la storicità dell’evento che torna di nuova d’attualità.  In tal caso si interviene chirurgicamente con una delicata operazione di WEB REPUTAZIONE.  Esempio esiste un software proprietario della privacygarantita.it chiamato reputazione a nodi che calcola con una complessa equazione matematica come ricostruire la reputazione di un individuo e di una azienda che sia, con un risultato garantito al 100%. cancellazione notizie su internet  La reputazione a nodi è una piattaforma

Conclusione la rimozione contenuti da Google è un lavoro complesso e meglio contattare un’agenzia esperta in reputazione online come ce ne sono tante in tutta Italia: Firenze, Padova, Trieste, Svizzera, Montecarlo, Lugano, Treviso, Brescia, Bergamo,  e molte altre zone. Dico questo perché quando si tratta di eliminare dati da Google tutto diventa difficile. rimuovere notizie dal web

Sono stato coinvolto in una vicenda giudiziaria accaduta diversi anni fa posso chiedere di cancellare articoli da Google?

R: La prima cosa da fare è un tentativo  utilizzando modulo di Google per il diritto all’oblio  che trovi qui sarà sufficiente compilarlo con in allegato documento di riconoscimenti  e codice fiscale della persona interessata. Andiamo sul motore di ricerca Google, posizioniamoci nella prima pagina, ora cerchiamo la parola chiave che ci riguarda, esempio “Tizio Caio sempronio indagato” Clicca sul link dell’articolo con il mouse selezioniamo se con il tasto destro facciamo. È sufficiente fare una copia del URL  in questione e incollare all’interno di questa casella alla voce Inserisci un URL per riga (massimo 1000 righe)  Lo strumento è stato realizzato seguendo le indicazioni contenute nella discussa sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea sul cosiddetto “diritto all’oblio”, che ha stabilito che i cittadini europei hanno il diritto di chiedere ai motori di ricerca di eliminare dalle loro pagine dei risultati i link verso cose che li riguardano nel caso in lui lo ritengano “inadeguati, irrilevanti o non più rilevanti, o eccessivi in relazione agli scopi per cui sono stati pubblicati”. Un team di avvocati esperti del diritto all’oblio si occuperanno della tua pratica nell’arco di 90 giorni in tempi di COVID -19. rimuovere notizie su Google  Ma vi assicuro cancellare un articolo di giornale da internet molte volte non è così semplice. Soprattutto se si parla di una richiedere diritto all’oblio gdpr non sempre questo strumento legale funziona perfettamente.

Eliminare notizie da Google: Mi hanno rifiutato un prestito posso accedere ad un altro prestito bancario considerando che in rete sono presenti alcuni articoli negativi?

  1. Nel momento in cui fai una richiesta di finanziamento personale o aziendale in un istituto di credito scattano una serie di indagini da parte dell’istituto, un loro Webmaster specializzato si occuperà di fare le dovute verificare nelle prime pagine dei motori di ricerca.

Nel caso in rete vengono trovate notizie negative sul tuo conto parte una segnalazione che potrebbe compromettere la tua pratica di finanziamento. Al fine di evitare imbarazzi del genere e vedersi rifiutare un prestito importante Il mio consiglio è quello di contattarmi  per poter fare un controllo rapido che ti consente di ottenere un finanziamento. cancellare notizie da Intenet   Molte volte i quotidiani online pur di fare colpo con una notizia accattivante scrivono notizia diffamatoria, falsa, sbagliate, o addirittura fake news. cancellare notizie da Google

In questo caso se vuoi rimuovere da Google notizia diffamatoria puoi sempre contattarmi in quando sappiamo sempre come aiutarti per risolvere questo problema.   Purtroppo il domandare di retorica resta sempre quella: che considerazione ha un istituto di credito delle tue reputazione? Al fine di ottenere un prestito personale o aziendale molta, soprattutto banche come Compass, Findomestic, Intesa San Paolo ed altri istituti, se il rating reputazionale non è buono l’importante e che diventi buono in breve tempo. Dando così la possibilità alle persone di tornare ad essere finanziabile in giro di poco tempo.

Qual è il danno che può causare all’immagine e alla reputazione un articolo scandalistico?

eliminare il proprio nome da Google

Le posso rispondere con una domanda: quanto vale per lei la sua reputazione? Quindi la risposta equivale al danno. Vedersi apparire il proprio nome tra le prime pagine dei motori di ricerca per molti comporta serie problemi, come ad esempio un prestito negato in banca, o meglio ancora vedersi sfuggire un affare. Purtroppo il nostro interlocutore prima prendere qualsiasi decisione istintivamente interroga la rete, uno scenario molto inquietante sotto questo punto divista, in quando non prevale più il rapporto di buona fede, ma tecnico, cancellare notizie

 

 

Cancellare notizie internet quali sono le migliori società di web reputation

Come funziona cancellare una notizie?

Occorrono una seria di dati, esempio sapere se un reato si è estino o meno: prescrizione, condannato, o assolto. Acquisito questi dati si procede con una breve analisi di come sarà il profilo dell’utente “PRIMA DOPO” la cancellazione.

Qual è il rischio che una notizia possa riapparire?

Una notizie può sempre riapparire, nessuno conosce questa probabilità, per questo che noi di “Privacy Garantita” offriamo un servizio “garanzia per sempre”  cioè la garanzia a vita sulle informazioni già rimosse.

Quanto tempo occorre per rimuovere informazioni personali che mi riguarda?

Normalmente dalla 48 ore in su, dipende dalle difficoltà che si trovano durante la cancellazione. Il dispendio delle energie più importante è nell’individuare gli amministratori del quotidiano online o del blog, che purtroppo non sono sempre cosi raggiungibili.

Quando costa togliere una notizia internet?

Parliamo di cifre che vanno dalla € 200 per ogni singolo link in su, dipende da molti fattori tra cui l’importanza della testata, se la tua notizie è finita sul CNN è evidente che l’operazione da fare è molto complessa.

SE VUOI SAPERE TUTTE QUESTE INFORMAZIONI ED ALTRO CONTATTAMI  AL Call. 327.9105006 

Cristian Nardi Sito: www.privacygarantita.it Mail: info@privacygarantita.it

 

Per approfondire il discorso sulla decisione della Corte di Giustizia UE, causa C-131/12 del 13 maggio scorso, dopo l’introduzione di ieri, è bene sottolineare il quadro aggiornato delle regole e le prescrizioni del Garante per la privacy.
Si è spesso trattato di cittadini che hanno lamentato la lesione del proprio diritto alla protezione dei dati personali derivante (più che dalla pubblicazione, di per sé lecita) dalla permanenza indefinita e a libera disposizione di chiunque su internet – anche a distanza di anni – di articoli giornalistici online recanti notizie (spesso di cronaca giudiziaria, ma non solo) risalenti nel tempo. Tali notizie reperite dai motori di ricerca (perché – per esempio – pescati negli archivi redazionali storici dei quotidiani online) hanno determinato la presa di conoscenza da parte degli utenti del web di aspetti, dati e di profili delle persone interessate nel frattempo totalmente diversi.

Obbligo del consenso della persona interessata? Va detto che il trattamento dei dati personali per finalità giornalistica (anche online) è specificatamente regolato dal nostro Codice della privacy, che in materia prevede all’art. 136 e ss. una specifica deroga all’obbligo del consenso della persona interessata. Tuttavia, tale deroga si applica esclusivamente al trattamento «effettuato nell’esercizio della profes-sione di giornalista e per l’esclusivo perseguimento delle relative finalità» o «effettuato dai soggetti iscritti nell’elenco dei pubblicisti o nel registro dei praticanti di cui agli artt. 26 e 33, legge n. 69/1963» o – infine – in caso di trattamento «temporaneo finalizzato esclusivamente alla pubblicazione o diffusione occasionale di articoli, saggi e al-tre manifestazioni del pensiero anche nell’espressione artistica».

Pubblicazione di dati personali negli articoli giornalistici? Quindi generalmente la pubblicazione su internet di dati personali dei soggetti menzionati – ad esempio – negli articoli giornalistici è di per sé lecita, anche se il Garante per la privacy ha avuto modo di chiarire nel provvedimento del 6 Maggio 2004 intitolato «Privacy e giornalismo. Alcuni chiarimenti in risposta a quesiti dell’Ordine dei giornalisti» che il trattamento dei dati per finalità giornalistiche – anche in assenza del consenso degli interessati (la cui raccolta contrasterebbe con l’altro diritto fondamentale, cioè quello di cronaca e di informazione) – deve comunque rispettare i principi di proporzionalità e non eccedenza, di indispensabilità rispetto all’esercizio del dovere giornalistico di cronaca, di veridicità dei fatti, di reale interesse del pubblico ad essere informato su aspetti di dettaglio. Ad esempio, il Garante ha raccomandato ai giornalisti – circa il trattamento dei dati personali rappresentati dai nomi di indagati nell’ambito dell’esercizio dell’attività giornalistica – che «la possibilità di diffondere queste informazioni deve tuttavia fare i conti con alcune garanzie fondamentali riconosciute a tali soggetti. Il giornalista deve valutare, ad esempio, se sia opportuno rendere note le complete generalità di chi si trova interessato da un indagine ancora in fase assolutamente iniziale, e modulare il giudizio sull’entità dell’addebito».

Le finalità informative e/o giornalistiche vanno contemperate con il “diritto all’oblio” degli interessati. Per altro verso, e con specifico riferimento al trattamento dei dati personali su reti di co-municazione elettronica, stante l’accessibilità planetaria alle informazioni online, le finalità informative e/o giornalistiche perseguite dal trattamento dei relativi dati personali di terzi vanno in ogni caso contemperate con il cosiddetto “diritto all’oblio” degli interessati in rete, inteso nello specifico come diritto volto ad evitare che la indefinita permanenza su Internet di dati e informazioni risalenti nel tempo (e soprattutto incompleti e non aggior-nati in quanto privi dei successivi resoconti giornalistici circa le evoluzioni della notizia originariamente riportata) determini una lesione proprio di quei diritti che il Codice della privacy complessivamente protegge (art. 2, che garantisce che «che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali, nonché della dignità dell’interessato, con particolare riferimento alla riservatezza, all’identità personale e al diritto alla protezione dei dati personali»).
Ciò può accadere in occasione della riproposizione di una informazione personale a distanza di tempo mediante la ripubblicazione di vecchi articoli contenenti dati personali messi a disposizione online (es: gli archivi storici dei giornali online, con la disponibilità in pdf dei vecchi numeri del quotidiano) che consente la facile reperibilità degli articoli inseriti attraverso i motori di ricerca esterni. Inoltre, la lesione del “diritto all’oblio” (e l’impossibilità dell’interessato di tornare nell’anonimato) è resa ancor più grave quando le informazioni riprodotte sulle reti di comunicazione elettronica a distanza di molto tempo (o comunque disponibili in maniera permanente anche se non riprodotte), anche se in origine legittima-mente pubblicate, risultano poi nel tempo incomplete, come nel caso di una persona menzionata in un articolo giornalistico in quanto indagata, ma successivamente assolta senza che di questa positiva evoluzione sia data notizia.

Nel caso della ripubblicazione online di vecchi articoli giornalistici, e posto che il criterio fondamentale indicato dal Garante per pubblicare o meno una notizia è l’esistenza dell’interesse pubblico, chiunque voglia successivamente riproporre e ripubblicare (o sem-plicemente far permanere) su internet articoli giornalistici contenenti dati personali di terzi deve preventivamente verificare (a maggior ragione quando l’intendimento è quello di dare diffusione planetaria sul web ai dati personali relativi degli interessati) che tale interesse sussista al momento della ripubblicazione, effettuando una nuova valutazione (rispetto a quella svolta dal giornalista autore della originaria pubblicazione) che tenga in primo luogo nel debito conto – nell’ottica del “diritto all’oblio” – se la persona di cui si vuole riparlare sia un personaggio pubblico oppure no.

Tutela del fondamentale diritto all’oblio. L’Autorità Garante per la protezione dei dati personali è più volte intervenuta con provvedimenti volti alla tutela del fondamentale diritto all’oblio. Con il provvedimento «Archivi storici online dei quotidiani e reperibilità dei dati dell’interessato mediante motori di ricerca esterni» dell’ 8 Aprile 2009 ha considerato fondato l’esercizio del diritto di opposizione al trattamento per motivi legittimi e la legittimità dell’aspirazione della ricorrente in quel procedimento «affinché in rete, per mezzo delle “scansioni” operate automaticamente dai motori di ricerca esterni al sito dell’editore resistente, non restino associate perennemente al proprio nominativo le notizie oggetto dell’articolo». Più in particolare, il Garante ha ritenuto in quel provvedimento (ovviamente recante principi di carattere generale) che «tali motivi di opposizione appaiono meritevoli di specifica tutela, tenuto conto delle peculiarità del funzionamento della rete Internet che possono comportare la diffusione di un gran numero di dati personali riferiti a un medesimo interessato e relativi a vicende anche risalenti nel tempo – e dalle quali gli interessati stessi hanno cercato di allontanarsi, intraprendendo nuovi percorsi di vita personale e sociale – che però, per mezzo della rappresentazione istantanea e cumulativa derivante dai risultati delle ricerche operate mediante i motori di ricerca, rischiano di riverberare comunque per un tempo indeterminato i propri effetti sugli interessati come se fossero sempre attuali; e ciò, tanto più considerando che l’accesso alla rete Internet e il successivo utilizzo degli esiti delle ricerche effettuate attraverso gli appositi motori può avvenire per gli scopi più diversi e non sempre per finalità di ricerca storica in senso proprio».

Con la conclusione che il Garante impose in quel caso di adottare all’editore del sito web «ogni misura tecnicamente idonea a evitare che le generalità della ricorrente contenute nell’articolo pubblicato online oggetto del ricorso siano rinvenibili direttamente attraverso l’utilizzo dei comuni motori di ricerca esterni al proprio sito internet (anche, ad esempio, mediante predisposizione di distinte versioni o di differenti modalità di presentazione delle pagine web interessate a seconda dello strumento di ricerca utilizzato dagli utenti – motori di ricerca Internet o funzioni di ricerca interne al sito».
In particolare l’Autorità, ritenendo che «una perenne associazione alla ricorrente della vi-cenda in questione comporta un sacrificio sproporzionato dei suoi diritti (art. 2, comma 1, del Codice)», ha indicato quale misura a tutela dei diritti dell’interessata che la pagina web contenente i dati personali della ricorrente fosse tecnicamente sottratta, all’atto della ricerca del nominativo della ricorrente, alla diretta individuabilità tramite i più utilizzati motori di ricerca esterni, impedendo agli stessi la raccolta delle informazioni sulle pa-gine disponibili nel world wide web (fase di grabbing) attraverso l’operato dell’amministratore del sito web sorgente mediante la compilazione del file robots.txt, previsto dal “Robots Exclusion Protocol”, o tramite l’uso dei “Robots Meta tag”, secondo la tempistica di rimozione rispetto a contenuti già indicizzati da parte dei motori di ricerca Internet in base alle modalità di volta in volta previste).
Ma il diritto all’oblio è stato altresì oggetto anche di decisioni in sede giurisdizionale. Anche di recente, la Suprema Corte di Cassazione, pronunciandosi in materia, ha statuito che «il soggetto titolare dei dati personali oggetto di trattamento deve ritenersi titolare del diritto all’oblio anche in caso di memorizzazione nella rete Internet, mero deposito di archivi dei singoli utenti che accedono alla rete e, cioè, titolari dei siti costituenti la fonte dell’informazione. A tale soggetto, invero, deve riconoscersi il relativo controllo a tutela della propria immagine sociale che, anche quando trattasi di notizia vera, e a fortiori se di cronaca, può tradursi nella pretesa alla contestualizzazione e aggiornamento dei dati, e se del caso, avuto riguardo alla finalità di conservazione nell’archivio ed all’interesse che la sottende, finanche alla relativa cancellazione» (Cass. Civ., sez. III, n. 5525/2012). Afferma infatti la Suprema Corte che «se l’interesse pubblico sotteso al diritto all’informazione (art. 21 Cost.) costituisce un limite al diritto fondamentale alla riservatezza (artt. 21 e 2 Cost.), al soggetto cui i dati pertengono è correlativamente attribuito il diritto all’oblio (Cass., n. 3679/1998), e cioè a che non vengano ulteriormente divulgate notizie che per il trascorrere del tempo risultino ormai dimenticate o ignote alla generalità dei consociati. Atteso che il trattamento dei dati personali può avere ad oggetto anche dati pubblici o pubblicati (Cass., n. 11864/2004), il diritto all’oblio salvaguarda in realtà la proiezione sociale dell’identità personale, l’esigenza del soggetto di essere tutelato dalla divulgazione di informazioni (potenzialmente) lesive in ragione della perdita (stante il lasso di tempo intercorso dall’accadimento del fatto che costituisce l’oggetto) di attualità delle stesse, sicché il relativo trattamento viene a risultare non più giustificato ed anzi suscettibile di ostacolare il soggetto nell’esplicazione e nel godimento della propria personalità. Il soggetto cui l’informazione oggetto di trattamento si riferisce ha in particolare diritto al rispetto della propria identità personale o morale, a non vedere cioè «travisato o alterato all’esterno il proprio patrimonio intellettuale, politico, sociale, religioso, ideologico, professionale» (Cass., n. 7769/1985), e pertanto alla verità della propria immagine nel momento storico attuale».
A ben vedere l’importante serie di principi enunciati in materia di diritto all’oblio dalla Suprema Corte di Cassazione ha una portata davvero generale che non osta alla loro eventuale applicabilità anche al gestore di un motore di ricerca (come Google Italia, ad esempio, al pari di Google Spain nel caso affrontato dalla Corte di Giustizia UE), ora qualificato come autonomo titolare del trattamento dei dati raccolti dai links/risultati di ricerca.