Redazione

Tornano le giornate FAI di Primavera: riscoprire l’amore per l’Italia

tornano-le-giornate-fai-di-primavera:-riscoprire-l’amore-per-l’italia

Al via la  29ª edizione delle Giornate FAI di Primavera in programma sabato 15 e domenica 16 maggio 2021. Il primo grande evento nazionale dedicato ad arte e cultura organizzato dopo l’ultimo periodo di lockdown. Anche quest’anno la grande manifestazione di piazza del FAI, dal 1993 il più importante evento dedicato al patrimonio culturale che celebra arte, storia e natura, torna a coinvolgere gli italiani – dopo i mesi difficili vissuti – nell’entusiasmante scoperta delle bellezze che ci circondano, grazie all’apertura di 600 luoghi in 300 città e 19 Regioni, molti dei quali poco conosciuti o accessibili in via eccezionale, visitabili in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti. I posti disponibili sono limitati; prenotazione obbligatoria sul sito www.giornatefai.it fino a esaurimento posti disponibili ed entro la mezzanotte del giorno precedente la visita.

Lurago d’Erba

VOGLIA D’ITALIA

Un’iniziativa che il Fondo per l’Ambiente Italiano ha voluto coraggiosamente e prontamente programmare a metà maggio, affrontando con grande tenacia e una buona dose di audacia le innumerevoli complessità organizzative legate all’emergenza sanitaria, e che solo pochi giorni fa ha avuto la conferma di poter realizzare, in base alle misure contenute nel Decreto Legge del 22 aprile.

Tutto questo è stato possibile grazie a un’incontenibile voglia d’Italia, a un’inesauribile fiducia nel Paese e a un lavoro difficile e senza sosta nei mesi in cui l’Italia era ferma a causa dell’emergenza. È uno sforzo speciale, e di cui si sono fatti carico con encomiabile entusiasmo e passione civica i volontari di 335 Delegazioni e Gruppi FAI attivi in tutta Italia, vero motore dell’evento nel solco del principio di sussidiarietà regolato dall’articolo 118 della Costituzione, che potranno contare sul supporto di Protezione Civile, Croce Rossa e Arma dei Carabinieri, da anni al nostro fianco in questa manifestazione.

IL RICONOSCIMENTO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

In questi giorni alle Giornate FAI di Primavera è stata conferita la Targa del Presidente della Repubblica. Ville e parchi storici, residenze reali e giardini, castelli e monumenti che svelano spazi sorprendenti, aree archeologiche e musei insoliti; e ancora, orti botanici, percorsi naturalistici e itinerari in borghi che custodiscono antiche tradizioni: l’elenco dei beni visitabili durante le Giornate FAI di Primavera 2021, come da tradizione, è così ampio e variegato che è quasi impossibile da sintetizzare. E quest’anno la manifestazione è anche un’occasione per raccontare, attraverso l’attenta scelta dei luoghi e la narrazione che ne verrà fatta, la nuova visione culturale della Fondazione – presentata a fine marzo durante il XXV Convegno Nazionale dei Delegati e dei Volontari – che vede l’Ambiente come indissolubile intreccio tra Natura e Storia e la Cultura come sintesi delle scienze umane e naturali.

COME PARTECIPARE

Chi deciderà di partecipare contribuirà ad aiutare la Fondazione. Per prenotarsi e prendere parte all’iniziativa è richiesto un contributo minimo di 3 €. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il FAI con contributi di importo maggiore oppure attraverso l’iscrizione annuale – sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell’evento – o ancora con l’invio di un sms solidale al numero 45586, attivo dal 6 al 23 maggio 2021 (vedere box in fondo per dettagli). Gli iscritti alla Fondazione, e chi si iscriverà al FAI in occasione della manifestazione, potranno godere di ingressi dedicati e accessi prioritari. Tra le aperture riservate agli iscritti: Il 50% circa dei beni aperti durante le Giornate FAI di Primavera 2021 saranno fruibili anche da persone con disabilità fisiche.

Villa S. Chiara, Albese con Cassano
Oratorio di S. Elisabetta, Albese con Cassano

TUTTO QUELLO CHE C’È DA VEDERE A  COMO

Il percorso nelle Giornate FAI inizierà presso l’antica parrocchiale di Blevio, dedicata ai SS. Gordiano ed Epimaco, che sorge a lago in frazione Girola. La chiesa sarà eccezionalmente aperta per mostrare, oltre la particolare decorazione pittorica nelle tinte del bianco, del verde e del blu anche il pregiato organo Prestinari 1821. L’apertura nelle giornate prevede la scoperta di un borgo antico sul lago di Como come Blevio attraverso un percorso a monte che attraversa l’abitato delle antiche frazioni costituite da case in sasso, lavatoi e fontane. La passeggiata lungo il paese ripercorre la memoria dell’antica via Regia, la mulattiera che collegava Como a Bellagio e che tutt’ora attraversa il cuore di Blevio. Da non perdere: le ville di Albese con Cassano, Villa Clerici, Villa Sormani Andreani Verri a Lurago d’Erba, Villa Casana a Novedrate, Villa Fogazzaro-Roi, un tour dei borghi della Valsolda alla scoperta della frazione di San Mamete, e infine Torre del Soccorso detta del Barbarossa a Ossuccio (la costruzione costituisce il terzo bene del FAI sul Lago di Como, insieme alle vicine Villa del Balbianello e la casa-barca Velarca).

0 comments on “Tornano le giornate FAI di Primavera: riscoprire l’amore per l’Italia

Leave a Reply

%d bloggers like this: