Tragedia in sala parto: Le dicono che la bimba è morta ma non è vero. La piccola non ce la fa. “L’hanno lasciata morire”

tragedia-in-sala-parto:-le-dicono-che-la-bimba-e-morta-ma-non-e-vero-la-piccola-non-ce-la-fa.-“l’hanno-lasciata-morire”


È davvero una tragedia quella che ha rovinato uno dei momenti più belli della vita di una donna. La protagonista aspettava solo di poter abbracciare sua figlia dopo il parto. In maniera immediata le è stato comunicato che in realtà la piccola era morta. È stato un errore dei medici che la mamma ha pagato molto caro. La cosa più sconfortante è stato vivere la morte della figlia per ben due volte. Dopo qualche ora infatti si sono resi conto che in realtà la bambina era ancora viva ma era ormai troppo tardi.

Lo sfondo della tragedia è l’Inghilterra. Parliamo, nello specifico, del Kent e del William Harvey Hospital di Ashfort. È proprio lì che La giovane neomamma, Alisha Pegg, ha messo al mondo sua figlia. Non aspettava altro che stringerla a sé, viverla dal primo suo istante di vita. Le cose però non sono andate come si aspettava. Nonostante si fosse recata in ospedale convinta di essere pronta al parto, i medici l’hanno rimandata a casa. Alisha però aveva le doglie ed era certa di ciò che stava provando.  Il personale in ospedale l’ha però rimandata a casa.

Quando Alisha è tornata a casa, il travaglio è continuato. La donna aveva ragione, era in procinto di partorire. Sua figlia Grace è infatti nata proprio tra le pareti di casa, a sole 22 settimane. Parliamo quindi di un parto prematuro. La tragedia era però inevitabile dal momento in cui i medici non avevano considerato la possibilità di parto. Il giorno prima, stando a quanto racconta la BBC, la donna si era recata già in ospedale ma le avevano detto che sua figlia non si muoveva e che non era più possibile sentirne il battito cardiaco.

Leggi anche: Tragedia sul volo per le vacanze: Mamma muore davanti a marito e figli. L’aereo non può atterrare

Alisha però sentiva dentro di sé qualcosa di diverso. Arrivata nuovamente in ospedale sentiva le doglie ed ha provato a spiegare ai medici che si trovava in fase di travaglio. Il dottore però le ha detto di tornare a casa e che aveva percepito male. Una tragedia, questa, che poteva quindi essere evitata. Quando torna in ospedale dopo aver concepito Grace, le viene invece detto che la piccola è morta. Ecco quindi il secondo gravissimo errore da parte del personale. In realtà la bimba è nata viva ma morirà 4 ore dopo proprio tra le braccia di sua madre. Purtroppo i medici non le hanno dedicato le attenzioni di cui avrebbe avuto bisogno se avessero considerato che era ancora viva.

Alisha però è indignata. È convinta che i medici non abbiano fatto tutto il necessario, anche se nei loro comunicati affermano di aver provato a salvarla anche se ormai non c’era più niente da fare. “Ma è sopravvissuta per ben 4 ore da sola”, ha dichiarato la mamma. Adesso la donna cerca solo risposte ai suoi mille quesiti. Vuole capire perché nessuno l’ha ascoltata o presa in considerazione nonostante sentiva perfettamente gli avvertimenti che il suo corpo le stava lanciando. Alisha, di fronte a tale tragedia, vuole solo giustizia. Seguiteci anche sui nostri profili  Su Facebook anche su INSTAGRAM 

Tragedia in sala parto: Le dicono che la bimba è morta ma non è vero. La piccola non ce la fa. “L’hanno lasciata morire” scritto su Più Donna da Imma Bartolo.

0 comments on “Tragedia in sala parto: Le dicono che la bimba è morta ma non è vero. La piccola non ce la fa. “L’hanno lasciata morire”

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: