tutti-gli-easter-eggs-presenti-nel-film-pixar-luca

Tutti gli easter eggs presenti nel film Pixar Luca

Apprezzatissimo perché celebra l’amicizia e la diversità, è ricco di dettagli che rimandano ad altri capolavori dell’universo Pixar e non solo

Lo scorso weekend i social network sono stati inondati di messaggi di apprezzamento per Luca, l’ultimo film animato Pixar disponibile sulla piattaforma Disney+. Firmato dall’italiano Enrico Casarosa, è ambientato in un paesino che vuole rappresentare la quintessenza della Riviera ligure (stereotipi compresi), in cui due mostri marini, Luca e Alberto, cercano di vincere le loro paure e di mimetizzarsi fra gli umani, sigillando un’amicizia che va oltre ogni differenza. Proprio questo, insieme alla volontà di affermare la propria identità nonostante qualsiasi pregiudizi, ha toccato e commosso il pubblico.

Ma come in ogni opera Pixar che si rispetti, a conquistare è anche lo stile grafico e la cura per i dettagli, anche quelli più nascosti, ovvero gli easter eggs pronti per essere scovati dai fan più attenti. Casarosa ha disseminato Luca di innumerevoli riferimenti al mondo Pixar, ovviamente, ma anche alle storie classiche italiane – Pinocchio, per esempio, è presenza ricorrente ed è citato esplicitamente in una scena con il Gatto e la Volpe – e alla cinematografia mondiale: aguzzando la vista sui muri di Portorosso, la città dove si svolge la vicenda, si possono notare locandine che rimandano a Vacanze romane di William Wyler, La strada di Federico Fellini e Ventimila leghe sotto i mari di Richard Fleischer. Lo stesso nome Portorosso è un riferimento metacinematografico, cioè un omaggio a uno dei registi che più ha influenzato Casarosa: Hayao Miyazaki e la sua celeberrima opera Porco Rosso.

Come anticipato, non mancano i riferimenti all’universo animato Pixar: per esempio, la nave che i due protagonisti costeggiano prima di arrivare nella città degli umani si chiama Elena, lo stesso nome dell’Abuelita al centro di un altro capolavoro dello studios, Coco. Mentre si svolge la gara ciclistica finale, poi, su un tetto si può vedere la mitica Luxo Ball, gialla e blu con la stella rossa, ormai immancabile presenza nei film (in alto a destra nell’immagine qui sopra); infine, in una curva si può notare un’Ape car che riproduce il camioncino Pizza Planet tanto caro agli appassionati di Toy Story.

Attenzione anche ai numeri: nel biglietto del treno inquadrato alla fine del film c’è la sigla A113, che letta A1-13 fa riferimento alla classe di character animation del California Institute of the Arts, da cui provengono la maggior parte delle leve Pixar; il treno stesso porta sulla locomotiva le cifre 94608, ovvero il codice di avviamento postale dei Pixar Animation Studios a Emeryville, in California.

luca, pixar

Per un richiamo al più ampio mondo Disney, invece, bisogna osservare con attenzione la stanza di Giulia, la ragazza che fa scoprire a Luca la passione per i libri: sotto il suo letto s’intravede un pupazzo a forma di Paperino, simile allo stesso Luca per il suo essere impacciato, pauroso e leggermente balbuziente. Infine, Casarosa assicura che nel film è nascosto anche un riferimento al prossimo lavoro Pixar, Turning Red, ma dice di non voler dare alcun suggerimento e anche i fan più precisi non l’hanno individuato: voi ce l’avete fatta?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: