Cinema INTERVISTA MODA Redazione

Tutto quello che c’è da sapere su Marzia Scilluffo: Vita privata, età, moda, e molto altro

 

D   – Facendo un piccolo bilancio della tua vita cosa ne verrebbe fuori?

R   – Innanzitutto mi presento : Sono Marzia Scilluffo, sono siciliana. Con i miei 23 anni , non ho ancora l’età    per i bilanci . Il bilancio lo fai quando ti soffermi, ti guardi indietro per capire se quanto hai preventivato si sia avverato in toto o almeno in parte. Al momento, non mi guardo mai indietro; sono proiettata al futuro per meglio progettare la mia vita.

D   –Parlaci dell’amore: cosa rappresenta nella tua vita?

R   – Pur non essendo propriamente una ragazza romantica, attribuisco molta importanza all’amore, perché lo identifico con il valore, in assoluto più grande : la famiglia, l’unica che ti può offrire altruismo, solidarietà e condivisione. L’amore dovrebbe essere maggiormente valorizzato da tutti, anche a livello universale, per contenere la cattiveria e la violenza che dilagano nel mondo.

D   –Artisticamente qual è la modella a cui vorresti somigliare?

R   – Amo il mondo della moda da quando ero bambina e già mi identificavo nelle modelle delle varie passerelle o dei cartelloni pubblicitari. Molte modelle, negli ultimi decenni hanno ottenuto con la loro bellezza e il loro carisma, una enorme popolarità ma non dobbiamo dimenticare una pioniera che ha rivoluzionato il mondo della moda : Twiggy . Grazie a lei, il ruolo della modella è mutato: non più asettica e anonima ma personaggio, con un suo volto e un suo nome. È stata la modella per eccellenza e proprio grazie a lei sono maturati i tempi che hanno permesso la nascita di stelle come la Schiffer e la Campbell.

D   –Puoi dirci a cosa stai lavorando adesso ?

R   – Dopo la pausa coronavirus ho ricevuto varie offerte per shooting e sfilate. In precedenza avevo anche girato degli spot pubblicitari per note tv locali e inoltre al momento collaboro, sul mio profilo Istagram, con vari marchi anche americani, di cui pubblicizzo i prodotti. Diciamo che sono soddisfatta del mio lavoro che mi ha permesso di far parte del cast di Paperissima sprint, nelle puntate che sono andate in onda su Canale 5, tutte le sere, la scorsa estate. È stata una bellissima esperienza che mi auguro di poter ripetere l’anno prossimo, visto che, a causa della pandemia, quest’anno il noto programma è stato girato con canoni rigidi che non permettono l’assembramento.

D   – Come sei nella vita privata?

R   – C’è una Marzia Scilluffo  che pochi conoscono e mi riferisco a quelle persone di cui mi fido e con cui c’è un legame di affetto e stima: parlo ovviamente della mia famiglia e di una ristretta cerchia di amici. Con loro sono veramente me stessa , senza filtri , cioè allegra, solare e fiduciosa .Comunque nella vita rimango una persona riservata e sincera , pronta a offrire il mio aiuto e i miei consigli.

This slideshow requires JavaScript.

D   – Cosa vorresti che le persone capissero di Te?

R   – Vorrei che si capisse che Marzia non è solo quanto affiora all’apparenza ma un misto di cuore, sensibilità e riflessivita.

D   – Quali sono i ricordi della tua infanzia a cui sei particolarmente legata?

R   – Ho avuto un’infanzia felice, circondata dall’amore della mia famiglia che per me si è sempre fatta in quattro. Ho tantissimi ricordi a cui sono legata ma ne voglio nominare uno perché porta con sé tanta gioia e magia : una bella vacanza in Sila, dove l’emozione di nuove esperienze si sposava con un bellissimo paesaggio naturale fatto di laghetti e montagne.

D   – Sei favorevole o contraria alla chirurgia plastica?

R   – Sono favorevole a tutto ciò che sia lecito e porti benessere. Se la natura non è stata benigna o il passare del tempo lascia impietose tracce, sono convinta che ognuno abbia il sacrosanto diritto di potersi migliorare attraverso la chirurgia plastica, per sentirsi sicuri di sé senza essere criticati.

D   – Ci sono persone che ti hanno aiutato in momenti difficili?

R   – La vita non è semplice e a momenti felici, possono alternarsi periodi bui che lasciano in noi cattivi ricordi. Proprio in questi momenti è necessario il sostegno delle persone che amiamo. I miei brutti ricordi di momenti difficili, sono collegati al periodo della scuola, qualche anno fa.  Il periodo scolastico, per forza di cose, ti porta a non poter scegliere i tuoi compagni per cui hai a che fare con gente di tutte le risme. Alcuni mal sopportano chi ha dei sogni diversi dai loro, chi può avere doti o abilità diverse da loro, chi non cala la testa per rimanere nel gregge. È stato un periodo pessimo, in cui sono stata vittima di bullismo e sono riuscita a scampare per miracolo, persino ad aggressioni fisiche. Non mi perdonavano il non essere gretta e ignorante come loro. La mia famiglia mi ha aiutata molto, standomi vicina, cercando di tirarmi su, cercando di denunciare alla Preside e al Consiglio di Istituto la piaga del bullismo che dilagava tra quelle pareti ; ma non c’è piu cieco e sordo di chi vuole lavarsi le mani : era molto più comodo per la scuola  non immischiarsi ; molto meglio ignorare il problema !

D   – Un tuo sogno nel cassetto?

R   – I sogni sono il sale della vita. Guai se non ci fossero!  Il mio sogno è quello di essere felice, qualunque possa essere il mio futuro e di vedere felici le persone che amo

Leave a Reply

%d bloggers like this: