un-hacker-ha-ottenuto-i-dati-di-100-milioni-di-utenti-di-t-mobile-negli-usa

Un hacker ha ottenuto i dati di 100 milioni di utenti di T-Mobile negli Usa

T-Mobile dati
(foto: Unsplash)

Un hacker ha affermato di essere in possesso di oltre 100 milioni di dati di clienti della compagnia telefonica T-Mobile negli Stati Uniti e sta vendendo l’accesso a parte delle informazioni – 30 milioni di dati – per 6 bitcoin: circa 277.000 dollari.

Nel post in un forum online in cui il ladro ha messo in vendita queste informazioni T-Mobile non era citata, ma lui stesso ha riferito a Motherboard di aver ottenuto questi dati dai server dell’azienda.

I dati includono numeri di previdenza sociale, numeri di telefono, nomi, indirizzi fisici, codici fiscali e informazioni sulle patenti di guida, ha affermato il venditore. Motherboard ha visto alcuni campioni di questi dati e ha confermato le informazioni.

“Siamo a conoscenza delle affermazioni fatte in un forum sotterraneo e abbiamo attivamente indagato sulla loro validità. Al momento non abbiamo ulteriori informazioni da condividere”, ha affermato un portavoce di T-Mobile. Gizmodo scrive che “se confermata, la violazione infliggerebbe un altro colpo alla sicurezza informatica all’azienda, che è stata colpita da molteplici attacchi che hanno portato a violazioni dei dati negli ultimi anni”.

Lo scorso febbraio, infatti, T-Mobile ha dichiarato di essere stata hackerata dopo che un numero imprecisato di clienti ha subito attacchi di scambio di Sim. A dicembre 2020, la società ha rivelato di aver subito una violazione dei dati che ha esposto le informazioni di rete dei suoi clienti.

Anche altre grandi aziende, come LinkedIn, negli ultimi mesi hanno subito diverse violazioni dei dati dei propri utenti che sono poi finiti in vendita per migliaia di dollari su forum analoghi.

The post Un hacker ha ottenuto i dati di 100 milioni di utenti di T-Mobile negli Usa appeared first on Wired.

%d bloggers like this: