attualità Redazione

Un tabloid ricatta Bezos con foto osé e sms piccanti La procura di New York ha avviato delle indagini



WASHINGTON – La procura federale di New York sta indagando per verificare se la società che controlla il tabloid National Enquirer abbia violato un accordo di cooperazione giudiziaria in seguito alla gestione della vicenda extraconiugale del patron di Amazon Jeff Bezos, che ha denunciato di essere stato ricattato da American Media Inc (Ami) con la minaccia della pubblicazione di sue foto osé e di sms piccanti con la sua amante se non avesse fermato le investigazioni su come il tabloid li aveva ottenuti. Lo scrive l’Ap citando proprie fonti.

Il proprietario di Ami, David Pecker, amico di lunga data di Donald Trump, aveva ottenuto l’immunità in un accordo di cooperazione nelle indagini sul pagamento di 150 mila dollari da parte della campagna dell’attuale presidente alla coniglietta di Playboy Karen McDougal in cambio dei diritti sulla sua presunta love story con Trump, vicenda poi sepolta dal tabloid.

0 comments on “Un tabloid ricatta Bezos con foto osé e sms piccanti La procura di New York ha avviato delle indagini

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: