Dall’Hotel Santa Caterina puoi raggiungere i luoghi più belli

L’Hotel Santa Caterina di Amalfi, icona storica e senza tempo della Costiera, rappresenta uno stile di vita, un modo di vivere il luogo assaporandone tutto il fascino lento e suggestivo. Affacciato sul golfo e dotato di spiaggia privata, non può prescindere da uno dei must della zona: il mare e i suoi angoli nascosti e accessibili solo in barca. Scoprire la Costiera dal punto di vista del mare è un’esperienza esclusiva, panoramica e suggestiva. La privacy e la quiete garantite dalle escursioni fatte con barche private, sono un valore aggiunto ancora più importante, durante quest’anno così delicato.

La discesa privata del Santa Caterina: punto di partenza per la tua vacanza in barca

A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. Due ascensori scavati nella roccia o un sentiero di spettacolare bellezza portano gli ospiti attraverso agrumeti e giardini lussureggianti fino agli impianti a livello del mare. Da qui partono i motoscafi prenotabili per gite private personalizzate, per raggiungere spiagge, grotte, scogliere, callette, isolotti altrimenti inaccessibili.

Leggi anche: Punti di vista: il luxury resort nel cuore della Puglia

Molti di questi luoghi sono legati a leggende mitologiche, alimentate dalla bellezza e dalla suggestione della natura, come l’arcipelago de Li Galli, tre piccoli isolotti dove si narra che Ulisse abbia incontrato le Sirene. L’arcipelago si trova di fronte al borgo di Positano, il paese più verticale d’Italia e vera icona della costiera. Il mare è la prospettiva migliore per poter ammirare la sua costa, ricca di grotte, calette e piccole spiagge. È raggiungibile con imbarcazione privata dal molo dell’albergo in 30 minuti. È consigliabile ammirare dalla prospettiva del mare anche altre perle della costa, come Atrani, Nerano o Ravello.

Foto: Ufficio Stampa

Leggi anche: Alla scoperta di Vienna, la città dove la vita è migliore