Verona, Progetto Fuoco punta sull’innovazione: al centro startup, hackathon e sostenibilità

Abbattere ancor di più le emissioni, aumentare l’efficienza, digitalizzare. Sono i tre principali obiettivi nello sviluppo dei sistemi di riscaldamento a biomassa. Obiettivi concreti e indispensabili sia per l’ambiente che per il mercato. Ad accomunarli, un’unica caratteristica: la spinta innovativa. Saranno questi i temi al centro di Progetto Fuoco, il più importante trade-show mondiale del settore, promosso da Piemmeti e in programma a Verona dal 23 al 26 febbraio 2022. L’innovazione, grande protagonista della manifestazione, sarà declinata in tre iniziative: l’Innovation Village, che racchiuderà le migliori startup italiane ed europee, «Give Me Fire – Progetto Fuoco Startup Award», il premio per la migliore tecnologia del settore e l’hackathon, una vera e propria maratona dei giovani innovatori.

«La sostenibilità e il rispetto dell’ambiente sono obiettivi primari e condivisi per lo sviluppo del nostro Paese. Per perseguirli al meglio la ricerca, l’innovazione e la tecnologia devono essere le nostre più grandi alleate – dichiara Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti -. Per quanto riguarda il settore del riscaldamento il turnover tecnologico è fondamentale per contribuire all’obiettivo di ridurre l’impatto della combustione domestica sulla qualità dell’aria abbattendo le emissioni di Pm10. Ecco perché al centro di Progetto Fuoco ci saranno proprio le tecnologie di ultima generazione e le soluzioni più innovative che vanno in questa direzione».

Il villaggio dell’innovazione

Le migliori soluzioni tecnologiche italiane ed europee del settore troveranno posto nell’Innovation Village, un’area in cui le più significative aziende innovative racconteranno le loro idee e presenteranno i loro prodotti a potenziali partner e investitori. Per candidarsi a far parte di questa sezione dedicata al futuro è ancora attivo il bando attraverso il quale un comitato di selezione individuerà le startup più meritevoli. Novità di quest’anno è rappresentata dal Trend Show, un’area che illustra, con l’ausilio di pannelli, foto e infografiche, i principali trend di sviluppo del settore e gli ambiti di ricerca che potrebbero avere delle ricadute concrete su di esso.

Lo Startup Award

Tutte le startup presenti all’Innovation village parteciperanno a «Give Me Fire – Progetto Fuoco Startup Award», il premio per la soluzione tecnologica reputata più d’impatto dalla giuria di esperti. Lo scopo del premio è aiutare le piccole realtà imprenditoriali innovative a entrare velocemente nel mercato, mettendole in contatto con le grandi aziende del settore del riscaldamento a biomassa. I progetti in gara riguarderanno diversi ambiti, come le nuove forme di combustibili, sistemi tech di rilevazione e contenimento delle emissioni, app e software di domotica, sistemi di intelligenza artificiale applicate a stufe, caminetti e caldaie. Le startup si sfideranno a colpi di pitch, cioè brevi presentazioni in cui dovranno dimostrare la validità del loro prodotto e rispondere alle domande della giuria e del pubblico in modo rapido e brillante.

L’hackathon, la sfida tra giovani innovatori

Nei padiglioni di Fiera di Verona, durante Progetto Fuoco 2022, si terrà anche un hackathon, una “maratona di idee” della durata di un giorno in cui studenti, startupper e ricercatori, suddivisi in sei team lavoreranno per un’intera giornata all’individuazione di soluzioni tech ai temi proposti da tre grandi aziende leader del settore. I giovani talenti verranno selezionati e guidati nei lavori dai professori di SMACT – Competence Center del Nordest, la struttura di trasferimento tecnologico che riunisce tutte le Università del Triveneto, da Trieste a Bolzano passando per Padova e Verona. Team trasversali, composti da tecnici, ingegneri, designer ed esperti di comunicazione, per portare nuove idee e competenze a un settore che guarda al futuro con fiducia.

Progetto Fuoco 2022

Dalle stufe ai caminetti passando per caldaie, barbecue e cucine a legna e pellet: Progetto Fuoco, la manifestazione di riferimento per il settore, ha i motori accesi a pieno regime. Le imprese del riscaldamento a biomassa, uscite con una buona tenuta dal lockdown, scalpitano in vista dell’appuntamento fisico di inizio 2022, momento di riferimento a livello internazionale per la presentazione delle novità. La fiera, promossa da Piemmeti, si svolgerà a Verona dal 23 al 26 febbraio 2022 con più di 800 espositori e 75mila visitatori attesi, provenienti da tutto il mondo. Un evento in massima sicurezza, garantita dalla rigorosa adozione di tutte quelle che saranno le norme sanitarie nel post-Covid, in grado di proteggere tutti i partecipanti. Oltre alle esposizioni convegni, workshop, pitch di startup, dimostrazioni pratiche e occasioni di formazione. Progetto Fuoco si conferma piattaforma privilegiata di scambio e aggiornamento sui sistemi di riscaldamento a biomassa, rimanendo però sempre fortemente business-oriented.

0 comments on “Verona, Progetto Fuoco punta sull’innovazione: al centro startup, hackathon e sostenibilità

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: