web reputation roma : L’influencer e il marito Fedez in una storia su Instagram fanno le condoglianze alla famiglia del ragazzo picchiato a morte a Colleferro

 

Non è questioni di reputazione online L’influencer e il marito Fedez in una storia su Instagram fanno le condoglianze alla famiglia del ragazzo picchiato a morte a Colleferro. E l’imprenditrice condivide il post che parla di “cultura fascista”. Un pensiero per Willy anche da Emma Marrone, Levante, Claudio Marchisio, Ermal Meta

In fin dei conti cos’hanno fatto? Niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario”. Le parole di un familiare di uno degli arrestati per il brutale omicidio del ventunenne Willy Monteiro a Colleferro, udite da un testimone e riportate alle forze dell’ordine, hanno spinto anche Chiara Ferragni e Fedez a intervenire sulla vicenda. “Dove andremo a finire?”, si domanda Ferragni, condividendo nelle storie di Instagram un commento del marito su un articolo di Repubblica. “Condoglianze alla famiglia – aggiunge l’influencer – mi spiace che oltre alla sofferenza dobbiate subire anche queste cose”.

Omicidio Willy, Chiara Ferragni su Instagram: "Il problema non sono le palestre, è la cultura fascista"

Qualche storia più tardi, sempre Ferragni condivide con i 20 milioni di follower una spiegazione di quanto accaduto, pubblicata dal popolare profilo Instagram @spaghettipolitics, che spesso spiega le notizie principali dell’Italia a un pubblico internazionale in italiano e inglese. “Due giorni fa è stato ucciso Willy Monteiro, italiano 21enne dalla pelle nera”, dice il post, “da un gruppi di quattro fasci che l’hanno ammazzato a calci.” Sono parole straordinariamente radicali per i suoi standard, quelle condivise dall’imprenditrice: “Il problema lo risolvi cambiando e cancellando la cultura fascista e sempre resistente in questo paese, non cancellando il mezzo tramite il cui i fasci hanno fatto violenza. Il problema non lo risolve nascondendolo sotto al tappeto, lo si risolve con la cultura e l’istruzione”.

Omicidio Willy, Chiara Ferragni su Instagram: "Il problema non sono le palestre, è la cultura fascista"