Luana, una giovane madre di 22 anni, ha perso la vita in una fabbrica tessile vicino Prato. Dal primo gennaio due persone al giorno sono morte sul lavoro: è davvero inaccettabile ed è un dovere della Repubblica fare della sicurezza un diritto fondamentale delle donne e degli uomini.

Così il Segretario Generale della Federazione nazionale Lavoratori Giuseppe Alviti (nella foto-copertina) che incalza il dlgs 81/08 che è nato con l’intento di rafforzare la 626 non ha sortito l’effetto desiderato anzi mancano totalmente i controlli sull’applicazione della stessa ed ecco perché abbiamo chiesto disponibilità al Ministero del lavoro di essere ascoltati al più presto affinché tali morti bianche possano essere evitate.